I 20 consigli di scrittura di Stephen King

"Il maestro delle ombre", l'inquietante Roma al buio di Donato Carrisi

Come migliorare la tua scrittura – 7 consigli utili

Le 14 caratteristiche del fascismo secondo Umberto Eco

Come scrivere una sceneggiatura – Logline, titolo, e struttura

Come scrivere una sceneggiatura – Logline, titolo, e strutturaNel post precedente, trattando di come scrivere una sceneggiatura a partire da un romanzo abbiamo percorso i primi sentieri della scrittura cinematografica e ci siamo imbattuti nella metafora, nell'intreccio e nella scaletta. In quella prima fase, abbiamo indicato l’importanza di estrarre da un romanzo o da un racconto un elenco di scene, anche solo per formare una griglia di eventi, uno scalettone cinematograficamente non ordinato.

Cos'è allora che potrà dare ritmo, coesione e vero linguaggio filmico agli eventi che compongono la griglia? La struttura. E come si arriva a ottenere una struttura funzionante? Elaborando una logline e mettendo a fuoco il titolo.

Quindi il viaggio prosegue con il processo di ideazione di una logline, di un titolo e di una struttura, che di per sé sono già strumenti per stimolare e direzionare la creatività, inoltre i primi due hanno anche la qualità di essere utili dal punto di vista economico. Infatti, un buon titolo o una brevissima e accattivante sintesi, cioè una logline, che faccia intuire il genere e l'argomento della storia possono essere determinanti per l'acquisto di una sceneggiatura o per la visione di un film.

Per narrare efficacemente bisogna sapere cosa scrivere e come scriverlo. Si potrebbe obiettare che noi siamo al sicuro perché adattiamo un romanzo e quindi abbiamo tutti i contenuti a portata di mano, compreso il titolo, ma non è esattamente così. Abbiamo visto nella puntata precedente che un romanzo è molto ampio e ha molte più libertà narrative rispetto a un film, inoltre non sempre i romanzi sono adatti a essere sceneggiati. Quindi estrarre dal romanzo una logline può essere un modo per verificare le sue potenzialità filmiche e selezionare una sola rotta lungo la quale veleggerà la sceneggiatura. E a quel punto anche il titolo sarà da ripensare perché potrebbe non essere più così pertinente al film come lo era al romanzo.

È importante avere chiaro il differente comportamento degli elementi drammaturgici in un romanzo o in una sceneggiatura. Pertanto riporto lo schema di comparazione di Eugene Vale.

 

 

Romanzo

Sceneggiatura

Lunghezza

Indefinita

Dagli 80 ai 180 minuti

Presentazione degli eventi

Narrata

Rappresentata

Numero delle scene

Illimitato

Ristretto

Numero dei personaggi

Illimitato

Moderatamente limitato

Corso del tempo

Libero, in avanti o a ritroso

In avanti, Flashback,

Flash-forward

Intervalli di tempo

Non essenziali

Importanti

Uso del dialogo

A libertà

Parziale

Pensiero del personaggio

Descritto

Nascosto

Collegamento tra le scene

Descrittivo

Mancante

Esposizione di luogo e di tempo

Descrittiva

In modo indiretto o con i titoli

Esposizione dei motivi

Descrizione psicologica

Per mezzo degli eventi

Tempo a disposizione del pubblico

Illimitato

Una seduta

Fatte queste considerazioni siamo pronti per scrivere una logline, cioè una sintesi chiave che riassuma l'intreccio e il suo genere di appartenenza.

Ricordiamo che noi, oltre al romanzo, abbiamo anche una scaletta e un tema, e quindi la logline deve essere necessariamente costruita dalla sinergia di tutti e tre gli elementi.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Una buona sintesi chiave dovrebbe contenere un paio di periodi formati da venticinque o ventisette parole in totale e deve necessariamente fornire informazioni sul protagonista, descrivendolo con aggettivi mirati ed essenziali, sull'obiettivo del protagonista e sulla forza dell'antagonista e degli ostacoli.

La logline di Rocky, film sceneggiato da Sylvester Stallone, potrebbe suonare così: un pugile mediocre sul ring e nella vita ha l'occasione di riabilitarsi grazie a un incontro-esibizione con il campione del mondo dei pesi massimi.

 

Il secondo passo è quello di ri-pensare il titolo.

Il nome di un'opera letteraria o cinematografica dovrebbe lasciar trapelare o meglio evocare il suo contenuto e il genere a cui si ispira.

Giulietta s'interroga rivolgendosi a Romeo «What's in a name? That which we call a rose by any other name would smell as sweet». Quindi parafrasando a nostro uso Shakespeare diciamo che anche un titolo dovrebbe avere lo stesso profumo della sceneggiatura.

 

Con una scaletta, una logline e un titolo a disposizione possiamo intraprendere l'impegnativo cammino all'interno della struttura che sorregge la narrazione filmica.

Che cosa hanno in comune tutte le sceneggiature oltre al fatto di essere raccontate per mezzo di immagini? Hanno una struttura di base che tiene insieme tutti gli elementi o i pezzi di una storia. Hanno un inizio, una parte centrale e un finale, e per questo possiamo dividere un racconto filmico in tre atti.

Il primo atto è un'unità di azioni di circa venti o trenta pagine che imposta la storia, introduce i personaggi e fornisce i presupposti drammatici. Il primo atto si conclude con un primo colpo di scena, che porta la storia in un'altra direzione.

Il secondo atto è un'unità di azioni di circa cinquanta o sessanta pagine lungo le quali si sviluppa il confronto. È in questo atto che il protagonista affronterà gli ostacoli e i conflitti per realizzare le esigenze drammatiche. Il secondo atto si conclude con un secondo colpo di scena, che conduce la storia lungo una direzione ancora nuova.

Riguardo al conflitto, Vincenzo Cerami scriveva nel suo libro Consigli a un giovane scrittore: «I racconti sono viaggi dentro un conflitto. E alla fine del viaggio nulla è più come prima».

Il terzo atto è un'unità di azioni di circa venti o trenta pagine lungo le quali si raggiunge una risoluzione al conflitto.

Sono davvero necessari tutti questi passaggi dove una storia viene sminuzzata in vari segmenti, che a loro volta verranno rimescolati e ricuciti?

Sì, e per comprendere quanto la conoscenza della tecnica sia determinante per scrivere un film ci viene in aiutoIl ladro di orchidee (Adaptation), dove si narra la storia di Charlie, uno sceneggiatore che va in crisi durante il lavoro di adattamento di un romanzo di Susan Orlean, Il ladro di orchidee. Storia vera di un'ossessione.

Il film è un decalogo sulla creazione di un racconto filmico e il suo sceneggiatore reale, Charlie Kaufman, gioca magistralmente tra le regole e il superamento delle stesse.

Detto questo, cominciamo a scrivere la nostra sceneggiatura mettendo nero su bianco la scena iniziale e la scena finale.

Questo esercizio sicuramente ci aiuterà a fare chiarezza su ciò che vogliamo dire e come vogliamo dirlo. Come scrivere una sceneggiatura vuole essere anche un percorso pratico alla scrittura.


Segui tutte le lezioni di Come scrivere una sceneggiatura.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.9 (16 voti)

Commenti

Grazie! Lezioni favolose!!!!!!

Oro.
E in più è una transizione perfetta agli argomenti affrontati nell'articolo successivo.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.