Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Come scrivere un tema perfetto

Tema italianoIl tema rappresenta per molti un esercizio di grande difficoltà. Scrivere un tema perfetto, però, non è impossibile. Servono alcune semplici regole da tenere sempre presenti e un metodo che permetta di ottimizzare il tempo a disposizione, raccogliere le idee e metterle assieme con ordine ed efficacia.

È chiaro che, come ogni testo argomentativo, anche il tema necessita di un saldo equilibrio tra informazioni e opinioni, fra stile e scorrevolezza.

Non esistono formule magiche né i temi vengono fuori dal cilindro; noi, dal canto nostro, vogliamo suggerire una serie di passi che ci sembrano essenziali.

1) Capisci come utilizzare il tempo a tua disposizione: soprattutto nell’ambito dei compiti in classe, non hai tutto il tempo del mondo. Impara a gestirlo, cercando di riservare la parte più consistente per la scrittura vera e propria;

 

2) Leggi la traccia con attenzione: è un passo imprescindibile. Nella traccia è indicato l’argomento e, con esso, la consegna che viene proposta. Cerca di mettere a fuoco con la maggiore chiarezza possibile cosa la traccia vuole da te, e cosa puoi fare per accontentarla;

 

3) Produci delle idee: è arrivato il momento di entrare nel vivo del tema perfetto. Per farlo, consulta anzitutto i documenti, nel caso tu ne abbia a disposizione, e scegli una posizione da tenere nei loro confronti (o comunque nei confronti dell’argomento). Non dimenticare di farti due domande: io cosa ne penso? Cosa pensa chi la pensa in maniera diversa? Su questa base cerca di produrre delle idee, anche in maniera disordinata, e prendi degli appunti. Ti serviranno dopo;

 

4) Costruisci una scaletta: tieni presente che il tema perfetto si compone di tre parti: introduzione, svolgimento, conclusioni. Nell’introduzione si presenta l’argomento in breve e si fanno delle premesse, se necessario. Nello svolgimento, che è la parte centrale e più corposa, si sviluppano le idee. Nella conclusione, infine, anche se sembra banale, si tirano le somme; per fare tutto ciò devi organizzare le idee appuntate in precedenza in una scaletta. Cosa dico prima? Cosa dico dopo? Perché dico le cose in un certo ordine e non in un altro?

 

5) Scrivi: non puoi più sfuggire, è tempo di scrivere il tema perfetto! Un paragrafo per ogni idea che hai inserito in scaletta, ma non essere rigido: se qualcosa merita più spazio, concediglielo. Mentre scrivi, cerca di ricordare alcune cose importanti, vale a dire: evita le frasi fatte e gli stereotipi, non aiutano e concentrati invece sui modi con cui metti in sequenza e in relazione le tue idee;

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

6) Rileggi con attenzione: hai risposto a quello che ti veniva chiesto nella traccia? Avresti potuto scrivere qualcosa in più? Rileggi una volta il tuo tema e verifica se la risposta alla prima domanda è “sì”. In caso contrario, forse è il caso di mettere più sostanza in ciò che hai scritto;

 

7) Vai a caccia dell’errore: ancora un passo da non tralasciare, poiché in questa fase si annidano i pericoli più grandi. Rileggi ancora il tema, cerca errori di distrazione (o almeno ci si augura che siano tali), verifica la coerenza della punteggiatura. Prova a variare un poco il lessico, usare sempre le stesse parole genera un senso di grande sazietà e penalizza ciò che hai scritto. Controlla poi le concordanze verbali: se all’inizio del tuo tema che aspira ad essere perfetto hai usato l’indicativo presente, verso la fine non scivolare nel passato remoto. Da ultimo, ma non ultimo, elimina tutte le espressioni gergali, il “linguaggio da sms” con aberrazioni come “xchè”, “xò”, “ke” e, se puoi, anche i dialettalismi, cioè quelle costruzioni che poco hanno a che fare con l’italiano standard;

 

8) Trascrivi: è l’ultimo passo. Il tuo tema perfetto aspetta solo di essere trascritto “in bella copia”. Perché anche l’occhio vuole la sua parte.

 

È ovvio che un ulteriore aiuto, nella scrittura di un tema, viene dalle conoscenze pregresse e dall’abitudine a tenersi informati. La strada è lunga e accidentata, ma con un metodo sano e solido, da applicare in maniera sistematica, e un po’ di esercizio, scrivere un tema perfetto sarà di certo meno difficile.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (8 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.