In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest HemingwayScrivere un romanzo non è un’attività facile, richiede sforzo, impegno, dedizione, tenacia e qualche accorgimento che potrà senz’altro rivelarsi utile.

 

Nel corso degli anni noi di Sul Romanzo abbiamo più volte fornito consigli utili per accompagnarti nella scrittura del tuo libro, dalla fase di redazione fino a quella di promozione, passando attraverso l’editing.

 

Quest’oggi vogliamo presentare i consigli di un grande scrittore, Ernest Hemingway, consapevoli che la sua esperienza potrà senz’altro indicarti qualche suggestione interessante per aiutarti a scrivere il tuo romanzo.

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

1. Per iniziare scrivi una frase vera

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

Hemingway aveva un trucco molto semplice per superare il blocco dello scrittore. In un passaggio memorabile di Festa mobile scrive:

A volte quando stavo cominciando una nuova storia e non sapevo come andare avanti, mi sedevo di fronte al fuoco e spremevo la buccia delle piccole arance sul bordo della fiamma e guardavo lo scoppiettare del blu che facevano. Mi rimettevo in piedi, guardavo oltre i tetti di Parigi e pensavo: «Non preoccuparti. Hai sempre scritto prima e scriverai adesso. Tutto quello che devi fare è scrivere una frase vera. Scrivi la frase più vera che conosci». Così scrivevo una frase vera e poi partivo da qui. Era facile perché c’era sempre una frase vera che conoscevo o che avevo visto o che avevo sentito pronunciare da qualcuno. Se avessi cominciato a scrivere in maniera elaborata, o come qualcuno che introduce o presenta qualcosa, mi sarei visto costretto a tagliare quest’orpello e a ricominciare con la prima vera semplice frase che avevo scritto.

 

LEGGI ANCHE – Come potenziare la tua scrittura – 11 suggerimenti

 

2. Fermati sempre quando sai ancora cosa succederà dopo

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

C’è una differenza tra fermarsi e naufragare. Per progredire in maniera costante, raggiungere un certo numero di parole al giorno era molto meno importante per Hemingway dell’assicurarsi di non aver svuotato del tutto la sua capacità immaginativa. In un articolo dell’ottobre 1935 pubblicato su «Esquire» Hemingway offre questo consiglio a un giovane scrittore:

Il modo migliore è sempre di fermarsi quando stai andando bene e sai cosa succederà dopo. Se lo fai ogni giorno, quando stai scrivendo un romanzo non rimarrai mai bloccato. Questa è la cosa più preziosa che posso dirti, così cerca di ricordartene.

 

LEGGI ANCHE – 3 modi per gestire il tempo nel tuo romanzo

 

3. Non pensare mai alla storia quando non stai lavorando

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

Sviluppando il consiglio precedente, Hemingway dice di non pensare mai a una storia a cui stai lavorando prima di ricominciare il giorno dopo. «In questo modo il tuo subconscio lavorerà su questa tutto il tempo» scrive sempre nell’articolo pubblicato su «Esquire», «Ma se ci pensi consciamente o te ne preoccupi, la ucciderai e il tuo cervello sarà già stanco prima di cominciare». In Festa mobile scende più nei dettagli:

Quando scrivevo era necessario per me leggere dopo che avevo scritto. Se ti fermi a pensarci, perderai la cosa che stavi scrivendo prima di poter proseguire il giorno successivo. Era necessario fare attività fisica, stancare il corpo, ed era cosa molto buona fare l’amore con qualcuno di cui ero innamorato. Questo era meglio di qualsiasi altra cosa. Ma dopo, quando eri svuotato, era necessario leggere per non pensare o preoccuparti del tuo lavoro fino a quando non avresti potuto riprenderlo. Avevo già imparato a non svuotare mai il pozzo della mia scrittura, e a fermarmi sempre quando c’era qualcosa nella parte profonda del pozzo e lasciarla ricaricare di notte dalle sorgenti che l’alimentavano.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

4. Quando devi ricominciare a lavorare inizia sempre leggendo ciò che hai scritto fino a quel momento

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

Per mantenere la continuità Hemingway aveva l’abitudine di rileggere quello che aveva scritto prima di andare oltre. Nell’articolo sull’«Esquire» scrive:

Il modo migliore è di leggere ogni giorno dall’inizio, correggendo man mano che vai avanti, poi proseguire da dove ti sei fermato il giorno prima. Quando però questo richiede troppo tempo e non puoi farlo tutti i giorni allora leggi i due o tre capitoli precedenti; poi ogni settimana rileggi dall’inizio.

 

LEGGI ANCHE – Come aumentare la produttività mentre scrivi – 9 consigli

 

5. Non descrivere un’emozione, mostrala

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

L’osservazione attenta della vita è cruciale per la buona scrittura, amava dire Hemingway. La chiave è non solo guardare e ascoltare con attenzione gli eventi esterni, ma anche notare qualsiasi emozione suscitata dagli eventi e poi provare a rintracciarla e a identificare con precisione cosa ti ha provocato quell’emozione. Se riesci a identificare l’azione o la sensazione concreta che ha causato l’emozione e la presenti in maniera accurata e ben integrata nella storia, i tuoi lettori potrebbero sentire la stessa emozione. In Morte nel pomeriggio Hemingway scrive a proposito della sua lotta per riuscire a padroneggiare questo:

Stavo cercando di scrivere e mi sono imbattuto nella più grande difficoltà, a parte sapere quello che sentivi veramene, piuttosto che quello che supponevo sentissi o eri stato educato a sentire, era quella di scrivere ciò che realmente era successo nell’azione; quali sono le cose reali che hanno prodotto l’emozione di cui hai fatto esperienza. Scrivendo per un giornale tu hai detto quello che succedeva e, tra un trucco e l’altro, hai comunicato l’emozione con l’aiuto dell’elemento dell’attualità che dà una certa emozione a qualsiasi resoconto di qualcosa che è accaduto quel giorno; ma la cosa reale, la sequenza di azioni e fatti che hanno prodotto l’emozione e che, se l’hai stabilita in maniera abbastanza pura, sarebbe valida tra un anno come tra dieci anni, era fuori dalla mia portata e lavoravo molto duramente per ottenerla.

 

LEGGI ANCHE – 8 consigli di scrittura di Ernest Hemingway

 

6. Usa la matita

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

Hemingway usava spesso una macchina da scrivere quando redigeva lettere o articoli per riviste, ma per il lavoro serio preferiva la matita. Sempre nell’articolo per l’«Esquire», sostiene:

Quando inizi a scrivere tu hai tutto il divertimento e il lettore nessuno. Perciò potresti usare una macchina da scrivere perché è molto più facile e ti diverti molto di più. Dopo che impari a scrivere, il tuo obiettivo è di far convergere tutto, ogni sensazione, punto di vista, sentimento, luogo ed emozione verso il lettore. Per fare questo devi lavorare molto su ciò che scrivi. Se scrivi con una matita avrai tre diversi punti di vista per vedere se al lettore arriverà quello che vuoi. Primo: quando rileggi; poi quando lo batti a macchina hai un’altra possibilità di migliorarlo e ancora nella lettura delle bozze. Scrivere prima a matita ti dà un terzo delle possibilità in più per migliorare quello che scrivi.

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere un racconto – 10 consigli utili

 

7. Sii breve

Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

Hemingway non amava molto gli scrittori che «non avevano mai imparato a dire di no a una macchina da scrivere». In una lettera del 1945 al suo editor, Maxwell Perkins, Hemingway scrive:

Non era per caso che il Discorso di Gettysburg (discorso pronunciato da Abramo Lincoln nel 1863, ndr) fosse così breve. Le leggi della prosa sono immutabili come quelle del volo, della matematica, della fisica.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.