Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come scrivere un curriculum vitae e 10 errori da evitare

Curriculum vitaeUn curriculum vitae ben congegnato è uno strumento utile ed efficace nella ricerca di un lavoro. È però facile incappare in errori che si potrebbero evitare. Eccovi pertanto 10 indicazioni strategiche ma semplici per non incorrere in “svarioni” più o meno deleteri che rischiano di farvi finire nel “cestino”.

La regola aurea è: prendetevi del tempo. La fretta è cattiva consigliera; disponetevi invece a curare con attenzione quello che sarà il vostro biglietto da visita presso l’azienda dove vi interesserebbe lavorare. Nelle ultime versioni di Word sono presenti dei modelli di curriculum; sul web ne potete reperire in versione gratuita; sono altresì disponibili servizi di CV builder e di formattazione dei CV. Il modello cosiddetto “europeo”, tra i più diffusi, prevede un’intestazione, dove porre alcune informazioni di base (nome, cognome, data di nascita, qualifica professionale) e i vostri recapiti. Potete anche inserire una vostra foto, ma evitate di strafare: niente pose sexy o ammiccanti, niente effetti fotografici tipo “occhio di pesce” e “fumetto”! Optate per un sobrio ritratto. Le sezioni in cui si articola sono: esperienze lavorative, istruzione e formazione, corsi d’aggiornamento e capacità e competenze personali. Il foglio è suddiviso in 2 colonne: in quella di sinistra le intestazioni delle informazioni da compilare (per esempio, in esperienze lavorative avremo le date di riferimento, il nome e indirizzo del datore di lavoro, tipo di azienda, settore di impiego, principali mansioni e responsabilità. Nella colonna di destra dovrete compilare le informazioni che vi vengono richieste.

Eccovi i 10 errori da evitare che potrebbero minare il successo del vostro curriculum:

  1. Evitate di scrivere una vera e propria lettera di accompagnamento. È preferibile scrivere poche e concise righe che motivino l’invio del curriculum, del tipo «Ho trovato interessante la vostra nuova linea di prodotti e avendo una formazione specifica al riguardo, mi chiedevo se foste interessati a…». Se non si risponde a una domanda di lavoro ma si invia il CV per candidarsi a una potenziale assunzione è una risorsa in più per promuoversi. E mi raccomando: non dimenticate, se inviate via mail, di allegare il curriculum!
  2. Evitate di essere prolissi: due pagine possono andar bene, e cercate di inserire i dati che siano più pertinenti all’offerta di lavoro e in linea con quel che l’azienda richiede. In quest’ottica non tutti i corsi di aggiornamento che avete frequentato potranno ritenersi utili; pensate che gli addetti alle risorse umane vi leggeranno per la prima volta concedendovi pochi minuti. Se non trovano quel che gli interessa, passeranno oltre.
  3. Evitate i refusi: di recente è stato pubblicato un report dal quale si evince che almeno l’80% dei curriculum è scritto male. Spesso sono errori d’ortografia; non fidatevi del solo controllo ortografico elettronico del programma di videoscrittura. Rileggete e revisionate più volte prima di stampare. Controllate anche nella forma cartacea; sul foglio alcuni errori possono balzare agli occhi con più facilità. Se avete ulteriori dubbi, fatelo leggere e rivedere a un’altra persona che vi possa essere di supporto.
  4. Evitate di essere imprecisi con le date. Andate a ripescare i documenti e gli attestati – se siete ordinati li avrete conservati in appositi faldoni o cartelle consultabili con facilità – e ricopiate le date con diligenza, controllandone la coerenza, procedendo dalle esperienze più recenti a quelle più lontane nel tempo.
  5. Evitate modelli di CV esteticamente troppo appariscenti o arzigogolati; il curriculum vitae deve avere un aspetto sobrio e professionale. Meglio, per dire, il classico Times New Roman giustificato, nero su bianco e leggibile. Niente carta colorata o motivi grafici. Niente linguaggi alessandrini, aulici o gergali: ricercate un italiano standard.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

  1. Non dite falsa testimonianza. È uno degli errori da evitare come la peste, nonostante le tentazioni (numerose e ubiquitarie). Le informazioni via web, pronte a smentirvi, corrono veloci, specie se vi inventate competenze che non avete, se millantate esperienze lavorative che non avete fatto o se omettete aziende per le quali avete lavorato per mascherare un curriculum “spezzatino” o un lungo periodo di inattività. Per evitare “zone d’ombra” lavorative è bene nominare tutte le esperienze lavorative, anche quelle brevi. Valorizzate le esperienze positive e glissate su quelle negative; se in corso di colloquio vi faranno una domanda diretta, rispondete con serena sincerità.
  2. Evitate di inviare lo stesso curriculum vitae per ogni offerta. Il vostro curriculum deve essere tailor made, come dicono gli anglosassoni, ovvero ritagliato su misura dell’offerta per la quale viene inviato. Parlerà sempre di voi, ma sarà opportuno modificarlo in qualche dettaglio, evidenziando quegli aspetti che potrebbero attrarre un tipo di azienda, adeguando il tiro sulla posizione per la quale ci si candida o si vuole venir selezionati.
  3. Non peccate di superbia. Non tutte le skill che elencherete nella sezione capacità e competenze professionali potrebbero esservi di aiuto per centrare il bersaglio e venir contattati dall’azienda che state corteggiando. Potrebbe non interessarli, per un posto di Operation manager, il fatto che abbiate il titolo di campione di Sudoku nel vostro quartiere, ma che abbiate avuto esperienze di formatore o, che so, di archivistica e biblioteconomia magari sì.
  4. Non siate una “gola profonda”. La riservatezza è importante: mai inserire in un curriculum vitae dati riservati dell’azienda presso la quale siete impiegati, i nomi dei vostri dirigenti (magari con l’intento di “far colpo” e ottenere una “spintarella” ulteriore); peggio ancora riferire degli organigrammi o nuovi progetti che la vostra attuale società ha intenzione di intraprendere.
  5. Mai dare informazioni sui passati compensi. È di cattivo gusto parlare di stipendi guadagnati in precedenti rapporti di lavoro, con il malcelato intento di sottolineare il proprio ruolo, la sua importanza nello staff e di rilanciare ottusamente la posta.

Come avrete notato, pur nella veloce carrellata, nella redazione di un curriculum vitae si annidano numerose insidie. Gli errori sono sempre in agguato, ma ora disponete di almeno 10 mosse per evitare d’incapparvi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.2 (6 voti)
Tag:

Commenti

Io eviterei anche di usare l'ormai molto criticato formato europeo.
Questo articolo ci spiega perché: http://www.jobstep.it/cv-formato-europeo/

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.