14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come saranno le biblioteche del futuro? Viaggio nelle “open library”

Come saranno le biblioteche del futuro? Viaggio nelle “open library”Come saranno le biblioteche del futuro? Da ciò che emerge dalle recenti realizzazioni nel Nord Europa e nel mondo le nuove biblioteche si presenteranno come una sorta di moderne cattedrali.

Le biblioteche del futuro non saranno più composte solo da libri e volumi ma diverranno centri multiculturali, luoghi deputati a moltissime attività altamente digitalizzate e dal design moderno.

Addio dunque alle romantiche visioni degli scaffali colmi di vecchi libri, alle luci soffuse, alle antiche scrivanie di legno piene di studiosi e alla vellutata sensazione di silenzio interrotta soltanto dal frusciare delle pagine.

Lo sforzo di lenta trasformazione che le biblioteche italiane compiranno sempre di più nel futuro sarà quello di ripensare agli spazi e ai servizi per rilanciarne e rinnovarne il ruolo all'interno della società contemporanea.

Da sempre la biblioteca pubblica è un luogo di conservazione, diffusione e trasferimento della conoscenza all'insegna della serendipity culturale e contro ogni forma di “cultural divide”. Oggi però la biblioteca sta diventando anche altro ovvero laboratorio multimediale di informazione, porta di accesso e strumento di orientamento relativamente alle nuove tecnologie dell'informazione e comunicazione, baluardo contro il “digital divide”, luogo di aggregazione delle etnie.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

La biblioteca è più che mai un luogo urbano per eccellenza e caposaldo nella città, prestandosi a divenire veicolo di comunicazione politico-culturale e marketing urbano. La biblioteca diviene un mezzo per avviare processi di riqualificazione urbana e sociale, per cristallizzare l'immagine di una comunità in un’architettura simbolica e iconica, per affermare l'autorevolezza, il prestigio e l'efficienza di una città.

Come saranno le biblioteche del futuro? Viaggio nelle “open library”

La biblioteca del futuro dovrà quindi puntare a essere una “open library” ovvero un luogo aperto e accessibile che offra servizi incentrati sui bisogni della cittadinanza, possibilmente dovrebbe essere integrata con altre funzioni pubbliche all'interno di spazi architettonici restaurati e flessibili.

Non è più sufficiente la presenza di una biblioteca in città bensì la stessa deve avere precise caratteristiche in termini di flessibilità, accessibilità e funzionalità.

L'essere una Open Library riguarda anche gli orari di apertura che saranno più che mai elastici e l'utente dovrebbe essere facilitato nei percorsi di accessibilità al materiale librario e multimediale.

I nuovi ingressi alle biblioteche avranno le caratteristiche delle “piazze” delle città ovvero saranno polifunzionali, il patrimonio esposto dovrà essere di facile e immediata comprensione, le aree per i ragazzi saranno pensate per l'intera famiglia, e saranno previste zone per laboratori didattici, di formazione e apprendimento, di aggregazione sociale e partecipazione e non per ultimi luoghi di performance della creatività dei fruitori ovvero spazi intesi a valorizzare le qualità artistiche, i talenti e le competenze dell'utenza in collaborazione con il personale specializzato.

Gran parte del lavoro inarrestabile di rinnovamento riguarderà la digitalizzazione del patrimonio posseduto dalle singole realtà bibliotecarie. Ciò non significa che il libro cartaceo avrà vita breve tuttavia occorrerà abituarci all'idea dell'utilizzo dei sistemi più tecnologici al fine di diffondere il sapere tramite strumenti quali tablet per la lettura, e-book reader.

Come saranno le biblioteche del futuro? Viaggio nelle “open library”

Quindi cambierà l'aspetto fisico delle biblioteche in quanto principalmente lo spazio in cui ci si muoverà sarà più virtuale che reale e cambierà la modalità di accesso alla conoscenza. La biblioteca diverrà virtualmente un mega contenitore di sapere condiviso nella rete al fine di fare confluire tutta la conoscenza e renderla fruibile. La digitalizzazione sarà il ponte di congiunzione tra le branche del sapere.

Le intuizioni di Borges nel suo testo La biblioteca di Babele suonano più che mai attuali:

«Quando si proclamò che la Biblioteca comprendeva tutti i libri, la prima impressione fu di straordinaria felicità. Tutti gli uomini si sentirono padroni di un tesoro intatto e segreto. Non v'era problema personale o mondiale la cui eloquente soluzione non esistesse: in qualche esagono. L'universo era giustificato, l'universo attingeva bruscamente le dimensioni illimitate della speranza.»

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Pur sacrificando in parte l'aura poetica delle biblioteche, le finalità di questi rinnovamenti sono evidenti. Non si tratta solo di adeguamento alla modernità ma anche di valorizzazione dei saperi di diversa natura e nuova linfa e di collaborazione tra enti diversi e della costruzione di reti che mutano l'aspetto della biblioteca da luogo di nicchia a nuova piazza urbana.

Come saranno le biblioteche del futuro? Viaggio nelle “open library”

Esistono già biblioteche dove tutto ciò è già divenuto realtà, ad esempio il Rolex Learning Center a Losanna, la Biblioteca Nazionale di Pechino, la Biblioteca Francois Mitterand di Parigi, la Biblioteca Metropolitana di Mosca, le Biblioteche di Aarhus in Danimarca.

Ma anche in Italia esistono tentativi di biblioteche del futuro ovvero realtà virtuose e moderne impegnate nell'adeguarsi ai tempi moderni. Nel tempo l'inesorabile progresso della Open Library non potrà che prendere il sopravvento estendendosi a livello nazionale.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.