Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come rifiutare una proposta di matrimonio. Straordinaria lettera di Charlotte Brontë

Come rifiutare una proposta di matrimonio. Straordinaria lettera di Charlotte BrontëRifiutare una proposta di matrimonio non dev’essere facile né per una donna né per un uomo, sempre ammesso che siano dotati almeno di una piccola dose di sensibilità. Il timore principale dovrebbe essere infatti quello di ferire l’altro o l’altra che ha deciso di esporsi al punto di chiederci di diventare la donna o l’uomo della sua vita.

Eppure potrebbe essere capitato o potrebbe succedere in futuro di dover fare i conti con una proposta di matrimonio che giunge dalla persona verso cui abbiamo sì una simpatia, ma che non amiamo al punto da volerla sposare.

In questo caso potrebbe venirci in aiuto Charlotte Brontë che effettivamente si trovò in una situazione molto simile. Infatti verso la fine di febbraio del 1839 ricevette una proposta di matrimonio da Henry Nussey, curato del Sussex, che Charlotte conobbe perché era molto amica della sorella Ellen.

Il 5 marzo dello stesso anno Brontë inviò a Henry una lettera con un rifiuto netto ma al tempo stesso molto gentile, un esempio nell’arte del “non dipende da te ma da me”.

 

LEGGI ANCHE – Charlotte Brontë, un’energica figura di eroina vittoriana

Come rifiutare una proposta di matrimonio. Straordinaria lettera di Charlotte Brontë

Mio caro Signore,

prima di rispondere alla vostra lettera, avrei potuto passare molto tempo a considerare il suo oggetto, ma fin dal primo momento che l’ho ricevuta e letta decisi come proseguire, mi sembrava che ritardare fosse totalmente inutile.

 

LEGGI ANCHE – La vita appassionata di Charlotte Brontë raccontata da Lyndall Gordon

 

Voi siete consapevole del fatto che ho molte ragioni per sentirmi grata verso la vostra famiglia, che ho ragioni particolari per provare affetto verso almeno una delle vostre sorelle, e anche che ho molta stima di voi. Pertanto non mi accusate di motivi sbagliati quando vi dico che la mia risposta alla vostra proposta dev’essere decisamente negativa. Nel formulare questa decisione, credo di aver dato ascolto ai dettami della coscienza più che a quelli dell’inclinazione, non ho alcuna personale ripugnanza all’idea di un’unione con voi, ma sono convinta che la mia non sia la disposizione giusta per rendere felice un uomo come voi.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

Come rifiutare una proposta di matrimonio. Straordinaria lettera di Charlotte Brontë

È sempre stata mia abitudine studiare il carattere di quelli tra cui ho l’opportunità di trovarmi e penso di conoscere il vostro e posso immaginare quale donna sarebbe adatta come vostra moglie. Il suo carattere non dovrebbe essere troppo forte, ardente e originale – il suo temperamento dovrebbe essere mite, la sua pietà indubbia e il suo spirito allegro, e le sue “attrattive personali” sufficienti a dare piacere ai vostri occhi e a gratificare il vostro orgoglio. Per quanto riguarda me, voi non mi conoscete, non sono l’individuo serio, austero, dal sangue freddo che supponete – voi mi pensavate romantica e [eccentrica] dite che ero satirica e [austera]. [Tuttavia, io disprezzo] l’inganno e non prenderò mai per marito un uomo degno che sono consapevole di non poter rendere felice solo per raggiungere la distinzione del matrimonio e sfuggire lo stigma di vecchia zitella.

[…]

Addio! Sarò sempre lieta di avere vostre notizie come amico.

 

Credetemi.

Cordialmente

C Brontë

 

Successivamente Charlotte Brontë si sposò, ma ormai mancava solo un anno alla morte. Il fortunato fu Arthur Bell Nichols, vicario di suo padre e che era innamorato di lei ormai da anni. Non è un caso forse che Currer Bell fosse stato lo pseudonimo maschile usato per mettersi al sicuro una volta iniziate le sue pubblicazioni.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Non possiamo dire cosa sarebbe stato di un capolavoro come Jane Eyre se Charlotte Brontë avesse deciso di non rifiutare la proposta di matrimonio di Henry Nussey cedendo ai dettami dell’epoca, ma di certo possiamo ringraziare lui per non essere stato molto convincente.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.