5 cose sul nuovo romanzo di Stephen King

Bob Dylan è un poeta? La risposta di Kurt Vonnegut

Tre tipi di lettori secondo Hermann Hesse

I paesi in cui si legge di più

Come reagire alla perdita della mamma – “Wonderland” di Kirsty Mitchell

Kirsty Mitchell, Wonderland, Once upon a timeSi sa che la perdita della mamma è, forse, uno dei dolori più difficili da superare. Sembrerà una cosa ovvia, anzi quasi sicuramente lo è, ma di certo non lo è il modo in cui ha reagito la fotografa inglese Kirsty Mitchell che, dal 2009, è impegnata nel progetto Wonderland, una serie di foto ispirate a sua madre, per conservarne il più possibile la memoria.

Professoressa di letteratura inglese, la signora è riuscita a instillare nella figlia non solo il piacere della lettura, ma l’amore per i libri che rappresentano il vero soggetto delle rappresentazioni fotografiche della Mitchell, insieme a donne colte in pose tra il fashion e il fantastico. Il mondo di Wonderland, come il nome del progetto suggerisce, è meraviglioso, quasi fantasmagorico, capace di creare suggestioni fiabesche e risvegliare le sensazioni magiche che abbiamo provato leggendo. Di qui, la fata/ninfa sdraiata sui libri di Once Upon a Time (foto in alto a destra) o la donna rivestita di libri, quasi novella divinità della lettura, di The Storyteller (prima foto in basso), fino alla maga che fa vivere le parole dei libri, come in An Ocean of Tales Until The Shores Of Home (seconda foto in basso).

Le storie dell’infanzia, quelle costellate di fiabe, streghe e personaggi insieme misteriosi e fantastici, rivivono in questa serie di fotografiche che, sebbene legate alla memoria della madre della Mitchell, possono tranquillamente prestarsi ad evocare l’immaginario che ammantava di fascino le letture della nostra gioventù.

Kirsty Mitechell, Wonderland, The Storyteller

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Kirsty Mitechell, Wonderland, An Ocean of Tales Until The Shores Of Home

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.