In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

Corso online di Scrittura Creativa

Come proteggersi dalle recensioni false

Recensioni falseCon la web reputation non si scherza! Ormai non si prenota una cena senza aver letto i commenti su Trip Advisor, non si compra un libro senza consultare le recensioni degli utenti Amazon e non si prenota la vacanza senza valutare i feedback raccolti da Booking. Tutti sono invitati a dire la loro, sempre, e il passaparola detta le tendenze.

Alle recensioni pilotate da manipolazione commerciale (detta cybershilling) eravamo abituati: gestori che si esprimono positivamente sul proprio ristorante/hotel, o aziende che autopromuovono il loro prodotto (o pagano qualcuno per farlo) per influenzarne l'acquisto.  

Ma ci sono fake reviews di matrice ancora più subdola e inaspettata; quelle di utenti che commentano per la "gloria". Secondo una ricerca del MIT, infatti, il 5% delle recensioni che si trovano su internet, tendenzialmente negative, sarebbero a cura di persone che non hanno neppure acquistato il prodotto che recensiscono. Tra le spiegazioni per questo comportamento anomalo c'è il desiderio dell'utente di guadagnarsi il distintivo di "recensore esperto" e il rispetto della web community.

Ma come proteggersi dalle recensioni false, ovvero da un terzo dei giudizi raccolti su internet?
La start-up italiana Zoorate ha sviluppato Feedaty, uno strumento implementabile all'interno dei singoli siti di vendita online che "modera" le recensioni, controllando che il commentatore abbia effettivamente eseguito un acquisto e monitorando segnalazioni multiple provenienti da uno stesso indirizzo IP.
In caso di lamentele, offre anche il servizio di "mediazione" fra utente e venditore. Se i due soggetti non si mettono d'accordo, pubblica la recensione. Insomma, non un social network aperto a tutti indiscriminatamente, ma neanche uno strumento che i rivenditori possano manipolare. Feedaty si propone agli e-store come un terzo attore che vigila sulle opinioni certificate e gestisce la trasparenza dei feedback.

Utile ai rivenditori per proteggersi dalle recensioni selvagge e agli utenti per non farsi incantare da giudizi fasulli.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.