Bob Dylan è un poeta? La risposta di Kurt Vonnegut

I paesi in cui si legge di più

5 cose sul nuovo romanzo di Stephen King

Tre tipi di lettori secondo Hermann Hesse

Come osservare le sfere celesti. Anteprima di «Nuovi Argomenti»

Come osservare le sfere celesti. Anteprima di «Nuovi Argomenti»Sarà domani in libreria e online il numero 77 di «Nuovi Argomenti» dedicato ai fantasmi e intitolato appunto Il fantasma dell’opera.

Lasciamo alle parole dei due curatori, Giulio Silvano e Matteo Trevisani, la presentazione di questo volume monografico:

Quando abbiamo detto a questi scrittori e scrittrici che avevamo intenzione di curare un numero sui fantasmi la risposta generale è stata entusiasta. Come se una qualche specie di liberazione, nel poter scrivere e parlare di questi temi su una rivista come «Nuovi Argomenti», fosse oggi consolatorio e necessario insieme. Non sapevamo cosa aspettarci ma la meraviglia nel ritrovarci di fronte a contributi, soprattutto narrativi (come se l’emergenza di raccontare queste storie non si fosse mai sopita) di ottimo valore ci ha fatto considerare la bontà dell’operazione. Così, dai testi squisitamente narrativi di Muratori, Giagni, Gancitano, Funetta, Tuena, de Majo e Caminito dove il fantasma è una presenza disturbatrice, al limite del rassicurante della certezza della sua esistenza, ai saggi di Giurato, Morstabilini e Sciandivasci che esplorano le circostanze storiche del fantasma, da una storia dell’assenza agli algoritmi invisibili dei motori di ricerca.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Noi invece vi mostriamo in anteprima l’articolo di Tommaso Pincio tratto dalla sezione Visioni e dedicato alle sfere celesti e alla loro osservazione e che è anche un modo per raccontarci della sua arte e di come e perché sono nate le copertine delle pubblicazioni 2016 di «Nuovi Argomenti».

 

Sfere celesti, istruzioni per la contemplazione

di Tommaso Pincio

 

Ogni volta che osserviamo un cielo stellato, uno di quei cieli che Einstein trovava stomachevoli e sopportava a stento anche ridotti in formule matematiche, dovremmo chiederci cosa stiamo osservando. Alcune stelle ci appaiono luminosissime malgrado siano in realtà più lontane del bagliore incerto, quasi invisibile, di altri astri a noi più vicini. Alcune sono addirittura così lontane che le vediamo splendere malgrado siano spente da prima che la vita apparisse su questa terra.

Cose come queste sono ormai note a tutti, rivelazioni da cioccolatini, eppure, malgrado i paradossi dell’astrofisica appartengano da tempo ai luoghi comuni, la presenza del cielo stellato resta incontestata. In quanti lo guardano davvero come un’illusione, un sogno, un ricordo, un’invenzione? In quanti considerano la sua sfuggente e ambigua natura come un riflesso fedele del mistero del tempo ovvero del fatto che le distanze tra le stelle non si misurano in chilometri ma in anni, quelli che la luce impiega a percorrere infinità di chilometri?

Come osservare le sfere celesti. Anteprima di «Nuovi Argomenti»

LEGGI ANCHE – Anteprima «Nuovi Argomenti» – La misericordia in Tolkien, secondo Michela Murgia

 

Dal 2012, un anno che alcuni profeti volevano apocalittico, ho iniziato a pensare alla volta celeste come alla mia pinacoteca ideale. Da sempre il mio genere ideale di pittura è il ritratto. Lo è perché solitamente trascurato, secondario. Tranne rare nobili eccezioni infatti – qualche Monna Lisa, qualche Fornarina, qualche postino di Arles – i ritratti godono di scarse attenzioni e spesso non a torto, giacché raramente hanno espresso una grande pittura. Del resto, perché esprimerla? Nei secoli prefotografici il ritratto era la pittura di servizio per eccellenza. Aveva uno scopo preciso, delimitato, pratico. Quel che il committente si aspettava dal pittore non era un’opera d’arte ma un’opera di somiglianza. Si aspettava cioè che il ritratto fosse somigliante o meglio che corrispondesse alla migliore idea che il committente aveva di sé. E se il committente rifiutava un ritratto non era mai per la cattiva qualità del dipinto ma sempre perché il soggetto da ritrarre non era raffigurato nel modo adeguato. Le pinacoteche sono piene di ritratti dipinti soltanto per rispondere a questa insignificante esigenza: perché somigliassero. Ritratti che il tempo ha reso anonimi proprio perché somiglianti, arte minore che si guarda distrattamente o non si guarda affatto.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Prima del 2012, ogni qualvolta mi accadesse di soffermarmi su uno di questi volti mal dipinti ma somiglianti e che si ostinavano a fissarmi nonostante i loro veri occhi fossero spenti da secoli, pensavo con malinconia alle stelle morte che ancora splendono e di cui ignoro il nome. Insomma, pensavo alla natura inspiegabile del tempo e mi sembrava perfino di vedere lampeggiare una soluzione, in quei brutti quadri che nessuno guardava. A partire dal 2012, dai pensieri sono passato all’azione o meglio alla costruzione. Ho iniziato a costruire un planetario fatto di facce, di ritratti. L’ho chiamato nell’unico modo in cui era possibile chiamare un planetario di questo tipo, Sfera celeste.

 

LEGGI ANCHE – Anteprima «Nuovi Argomenti» – L’avanguardia eccentrica di Amelia Rosselli

 

Per sfera celeste gli astronomi intendono una sfera immaginaria di raggio arbitrario sulla cui superficie sono proiettati tutti gli astri visibili da un punto dato dell’universo, il più delle volte coincidente col punto occupato dal nostro pianeta. Io, per sfera celeste, intendo invece una stanza immaginaria di dimensioni variabili alle cui pareti sono appesi i ritratti di tutte le persone vive o defunte che è possibile conoscere direttamente o indirettamente, anche solo di sfuggita, nel corso di un’esistenza in vita; esistenza che identifico con la mia unicamente per comodità.

Come osservare le sfere celesti. Anteprima di «Nuovi Argomenti»

LEGGI ANCHE – Dacia Maraini – Anteprima di Nuovi Argomenti

 

Si tratta evidentemente di un’opera votata all’incompiutezza e che in ogni caso potrebbe dirsi compiuta soltanto qualora la persona collocata al centro della stanza cessasse la sua esistenza in vita o decidesse o accettasse di non uscire più da questa stanza per il resto dei suoi giorni. La Sfera celeste va perciò intesa come un luogo di transito e confine. I ritratti appesi alle pareti tracciano la mappa dell’al di qua, del tempo in cui le nostre esistenze in vita si manifestano. Il bianco di quelle stesse pareti segna il limitare di ciò sfugge al tempo del nostro esistere in vita. Ed è per questo che i ritratti, dorati come icone, sembrano staccarsi dalle pareti riflettendo sul bianco un’aureola colorata: perché di là da quel bianco, i draghi, per dirla alla maniera degli antichi cartografi.

 

LEGGI ANCHE – Anteprima «Nuovi Argomenti» – Le metastasi linguistiche del fallimento, di Marco Cubeddu

 

Le copertine che hanno rivestito i numeri di «Nuovi Argomenti» usciti nel 2016 sono una riproduzione in scala della mia Sfera celeste. Ogni copertina deve essere pensata come una parete di questo planetario temporale. Al lettore decidere se ricomporre mentalmente la stanza o provare a staccare le quattro copertine dal corpo della rivista per unirle in un quadrato e ricavare così un plastico della Sfera celeste. Fossi nel lettore, propenderei per la seconda opzione. Ma è pur vero che i lettori sono una categoria umana in via di estinzione.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.