Perché scrivere? Le ragioni di George Orwell

Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

Continua a scendere il numero dei lettori – Dati Istat aggiornati

Intervista ad Andrea Tomat, Presidente del Comitato di Gestione

Come leggere può aiutarti a fare carriera. 10 modi pratici

Come leggere può aiutarti a fare carriera. 10 modi praticiSì, in Italia si legge poco. E ancora sì, la disoccupazione nel nostro Paese è alle stelle. Ma no, non è vero che la lettura non serva a niente e che anzi possa rappresentare un ostacolo quando cerchi lavoro o comunque quando ti relazioni con gli aspetti più pratici della vita di tutti i giorni.

Proprio questo cattivo mito vogliamo provare a smentire oggi, indicando 10 modi o ragioni (scelte da Bustle.com) per cui leggere può essere di aiuto a fare carriera, al di là del settore in cui si decide di lavorare.

 

1. Quasi tutti i lavori richiedono abilità di lettura

Certo, ci sono un po’ di lavori per i quali queste abilità non sono necessarie, ma leggere comunque aiuta sempre, anche se ti limiti a leggere qualche email occasionale. Se ti piace già leggere opere di narrativa o saggistica, allora sei già qualche passo avanti quando si tratta di leggere e comprendere pienamente quel manuale della qualità per il tuo lavoro o quando devi presentare una domanda di lavoro.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

2. Leggere ti aiuta a gestire lo stress

Qualsiasi carriera può essere stressante. Ad esempio, già il solo fatto di aprire le email ogni mattina può essere causa di una piccola crisi. Ma leggere può aiutarti a ridurre i livelli di stress e ad affrontare i piccoli intoppi quotidiani senza farti prendere dal panico. Se quando torni a casa dopo il lavoro riesci a trovare il modo di fiondarti in un mondo letterario per qualche ora ogni sera, è possibile che ti fermerai prima di gridare contro quel collega che ha dimenticato di fare la sua parte di lavoro.

 

LEGGI ANCHE – Leggere modifica il nostro cervello. I risultati di un nuovo studio

 

3. Leggere ti rende più empatico

Diversi studi hanno dimostrato che leggere narrativa migliora il proprio livello di empatia verso gli altri individui. Ed essere una persona empatica può senz’altro essere positivo nella tua carriera perché ad esempio può aiutarti ad alimentare il tuo network di relazioni, a rispondere con calma a qualche cliente irragionevole, a capire quando è il momento di smettere di parlare durante un colloquio di lavoro e, infine, a essere una persona piacevole con tutti quelli con cui lavori.

 

LEGGI ANCHE – Leggere ci rende più socievoli. I risultati di uno studio inglese

 

4. Comprendere ciò che leggi conta molto

Può sembrare una cosa basilare, ma comprendere ciò che si legge è un’abilità che va tenuta sotto costante allenamento. Molti disastri sul lavoro si verificano quando qualcuno interpreta male un’email o addirittura scrive qualcosa in modo troppo conciso da risultare ermetico. Se sei un lettore assiduo con una buona padronanza della grammatica di base, saprai che nella tuo bio dovresti scrivere «Amo cucinare, il mio cane e la mia famiglia» e non «Amo cucinare il mio cane e la mia famiglia».

 

LEGGI ANCHE – Leggere ti aiuta a rimorchiare. Ecco perché

 

5. Ci sono molte possibilità di carriera per i lettori

Sì, spesso si dice che per gli amanti della letteratura non ci sono molte possibilità di occupazione, ma chi lo dice potrebbe avere torto. Ci sono molti lavori per i lettori. Possiamo fare molto affidamento sulle nostre abilità di lettura, di certo più che in passato. Basti considerare il fatto che molte attività lavorative si svolgono ormai online per cui bisogna continuamente leggere anziché parlare e questo fa delle abilità di lettura alcune tra le più richieste nel mercato del lavoro, oltre a quelle tecniche specificamente legate a una determinata professione.

 

LEGGI ANCHE – 10 cose che i libri possono fare per te

Come leggere può aiutarti a fare carriera. 10 modi pratici

6. Leggere aiuta a sviluppare abilità comunicative

Possedere un buon vocabolario è vitale quando ci si presenza a un colloquio di lavoro o quando si vuole sembrare professionali ai pranzi di lavoro. E il modo migliore per incrementare la lista di parole che conosci è leggere. La lettura ti espone a nuove parole e idee, il che può essere incredibilmente utile quando devi sembrare intelligente, ad esempio durante una telefonata di lavoro.

 

LEGGI ANCHE – Hai perso la voglia di leggere? 7 modi per farla tornare

 

7. Leggere migliora il tuo modo di scrivere

Puoi svolgere tantissimi lavori senza essere il più grande scrittore del mondo, ma prima o poi dovrai scrivere un’email, una lettera o un report. E a questo punto entreranno in gioco tutti quegli anni in cui ti sei confrontato con la scrittura degli altri. Leggere infatti ti rende uno scrittore migliore e saper scrivere è un’abilità preziosissima sul lavoro.

 

LEGGI ANCHE – 10 problemi che tutti i lettori veloci devono affrontare

 

8. La lettura ti aiuta a perseverare

Se sei già stato seduto a leggere un romanzo di 800 pagine dall’inizio alla fine, allora puoi restare inchiodato a quella presentazione un po’ troppo lunga. O a quel colloquio di lavoro che sta durando più del previsto. O a non mollare il tuo brutto ufficio per altri due mesi fino a quando non troverai qualcosa di meglio. L’ambizione è necessaria se vuoi fare carriera nel settore che hai scelto, ma anche la pazienza e la perseveranza sono vitali se vuoi andare avanti.

 

LEGGI ANCHE – Leggere migliora la tua vita sociale. Ecco perché

 

9. Leggere migliora la tua capacità di pensare in modo analitico

Leggere aiuta il tuo cervello a individuare modelli complessi e a risolvere problemi. E, indipendentemente dal settore in cui lavori, ti ritroverai sempre a dover risolvere qualche problema.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

10. I lettori ottengono lavori migliori

Uno studio dell’Università di Oxford ha rivelato che le persone che leggono fin da quando erano adolescenti finiscono con l’ottenere lavori migliori in età adulta. Però anche se tu fossi diventato un amante dei libri dopo l’adolescenza, la lettura può comunque aiutarti sul lungo periodo. Allora prendi un libro e mettiti a lavoro!


Per la prima foto, copyright: Ben White.

Per la seconda foto, copyright: Gaelle Marcel.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.