Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Come legare il lettore al tuo romanzo e impedirgli di abbandonarlo

Come legare il lettore al tuo romanzo e impedirgli di abbandonarloLegare il lettore al tuo romanzo non è un’impresa facile.

Infatti chissà quante volte da lettore ti sarà capitato di abbandonare un libro poco dopo l’inizio, o anche dopo qualche capitolo. In genere in questi casi si dice che il libro non è riuscito a conquistare la tua attenzione di lettore. Di chi è la colpa? Del lettore che si lascia distrarre dalla vita o da altri libri o dello scrittore che non è riuscito a conquistarlo al punto da “costringerlo” ad andare avanti nella lettura?

 

Probabilmente si tratta di una combinazione dei due elementi, ma va pure detto che se da scrittore riesci a costruire gli agganci giusti difficilmente il lettore preferirà chiudere il tuo romanzo per dedicarsi a quello di qualcun altro.

 

E allora qui di seguito ti forniamo quattro modi per conquistare l’attenzione del lettore e tenerla viva per tutta la durata del tuo libro.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

1. Prenditi cura subito dei tuoi lettori

Come legare il lettore al tuo romanzo e impedirgli di abbandonarlo

Molti scrittori fanno iniziare i loro libri con i personaggi posti immediatamente all’interno di un conflitto. Questo però non basta, perché devi anche cercare di creare un personaggio (maschile o femminile) che sia al tempo stesso forte e imperfetto.

Ma creando personaggi di questo tipo pronti ad affrontare subito un conflitto si corre il rischio che risultino irritanti, troppo indipendenti, freddi o insensibili.

Il trucco è di renderli subito intriganti, nonostante i loro difetti.

Un modo per riuscirci è porli in situazioni in cui il lettore, pur dispiacendosi per loro e provando l’istinto di aiutarli, non può farlo. In alternativa, il nostro personaggio potrà fare qualcosa per aiutare qualcun altro.

Qualsiasi strategia tu decida di seguire per sollecitare l’empatia del lettore, ricordati di farlo nelle prime pagine. Le situazioni non devono essere esageratamente grandi ma dovrebbero esserlo abbastanza per fare in modo che il lettore si senta legato al tuo personaggio.

 

LEGGI ANCHE – Personaggi ben costruiti: una prova per riconoscerli

 

2. Fa’ leva sul conflitto

Come legare il lettore al tuo romanzo e impedirgli di abbandonarlo

Se i tuoi lettori non provano empatia per i personaggi, allora quando questi incontreranno qualche problema, non proveranno alcun interesse per loro. Se non hanno già stabilito una connessione emotiva, non faranno il tifo per loro nei conflitti che gli farai cadere addosso.

Ma quando riesci a sviluppare l’empatia del lettore, allora puoi iniziare a riempire di problemi le vite dei tuoi personaggi a vari livelli. Ad esempio, potresti mettere il tuo personaggio nella classica e terribile situazione di dover scegliere tra il fare e non fare qualcosa o nella situazione di dover scegliere tra il salvare se stesso o i suoi amici. In questo caso, puoi far leva su tale dilemma/conflitto capitolo dopo capitolo, rendendo la decisione sempre più difficile e ardua.

Come ha scritto James Scott Bell: «Metti il tuo personaggio su un albero e comincia a lanciargli contro delle pietre e poi trova il modo di farlo scendere di nuovo».

Le pietre possono essere fisiche, ma anche emotive e relazionali, meglio se tutte e tre in ordine crescente di difficoltà e di dispiacere, così arriviamo al “momento buio” e i lettori non sanno come riuscirà il personaggio a sopravvivere e a scendere da quell’albero.

 

LEGGI ANCHE – Come costruire un personaggio estroverso – 7 consigli

 

3. Da’ importanza a ogni scena

Come legare il lettore al tuo romanzo e impedirgli di abbandonarlo

Molti scrittori sanno che bisogna scrivere per scene. Il problema però è quali scene includere. Non è possibile scrivere tutte le scene che ti vengono in mente oppure avresti troppe cose nel tuo libro.

Quando devi decidere quali scene inserire nel tuo romanzo, cerca di riflettere su quanti motivi ti spingono a scegliere quella scena al posto di un’altra. Se ne hai molti, allora procedi pure. E soprattutto cerca di integrarla al meglio all’interno di tutti e tre flussi della trama (interno, esterno e relazionale). Ancora: ricordati che qualsiasi scena deve far leva sui problemi posti nelle scene precedenti e soprattutto prefigurare quelli che seguiranno.

Quando tutte le scene sono cariche al punto giusto, allora sei pronto per colpire il lettore, rendendogli più difficile chiudere il libro.

 

LEGGI ANCHE – Come costruire un personaggio malvagio – 6 consigli utili

 

4. Concludi ogni capitolo con un amo

Come legare il lettore al tuo romanzo e impedirgli di abbandonarlo

Lascia i tuoi lettori sul filo del rasoio alla fine di ogni capitolo. E se i tuoi capitoli hanno più di una scena, cerca di chiederle con un conflitto irrisolto, sospeso.

Non tutti i capitoli dovranno chiudersi con il tuo personaggio che sta sul punto di essere spinto giù da una scogliera. Ma puoi sempre far leva su un conflitto sospeso su un abisso emotivo. Cioè: non tutti i capitoli si chiuderanno con un coltello rivolto contro il personaggio principale, ma puoi porre quel coltello in una relazione che il personaggio desidera concretizzare.

***

E tu invece quali accorgimenti segui per legare il lettore al tuo romanzo?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.