Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come hanno debuttato gli scrittori su Twitter?

Twitter, scrittoriAmato/odiato, Twitter non può certamente essere ignorato. La piattaforma di microblogging, da poco quotata in borsa con cifre record, conta circa 500 milioni di tweet al giorno.

Dell’uso di Twitter come vetrina per le case editrici abbiamo già parlato. C'è qualche marchetta in giro, ma la maggior parte degli editori riesce a far parlare dei propri libri stimolando discorsi letterari ampi e pertinenti.

Gli stessi scrittori si possono scatenare nel regno della prosa efficace, dove si hanno solo 140 caratteri per lasciare il segno. Conosciamo il non-uso che fa Franzen di tutto ciò che è digitale, dai social network all’e-book per lo scrittore statunitense è tutta robaccia che ci fa involvere.

Ma non la pensano tutti come lui. Ormai anche il reticente Gramellini, dopo aver avuto qualche fake, è sbarcato su Twitter con il consueto: Buongiorno.

Ecco altri cinguettii di debutto:

Haruki Murakami - La responsabilità inizia con un sogno.

Michela Murgia - Mi mancava solo Twitter per consumare gli ultimi minuti liberi della giornata.

J.K. Rowling - I am told that people have been twittering on my behalf, so I thought a brief visit was in order just to prevent any more confusion!

Simone Perotti - sono anche io su twitter. proviamo a vedere se serve e a cosa serve. Simone

Isabel Allende - Just getting ready for tweeting

Sandro Veronesi - oggi è il compleanno di Niccolò Ghedini: che gli si augura?

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Elisabeth Strout- New to Twitter and getting my sea legs.

Lidia Ravera - ci provo a esistere virtualmente, dato che la realtà è scadente

Filippo Bologna - Vendo Laurea quinquennale in Scienze della Comunicazione a politico interessato. Come nuova, mai usata, astenersi perditempo.

Bret Easton EllisDoes anyone know who @BretEastonEllis is?

Per chi arriva, c'è chi va: ecco l'addio di Tullio Avoledo il 7 novembre scorso, dopo intensa attività su Twitter: Saluto i miei follower con questo tweet. Mi sono stancato, penso per l'ultima volta. Addio all'unico social network che ho usato. Ciao.

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.