Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Curiosità grammaticali

Come finire un romanzo

Come finire un romanzoSaper come finire un romanzo è una competenza essenziale per tutti gli scrittori.

 

Che tu sia un amante dei romanzi con finale aperto o delle storie in cui tutto è impacchettato alla perfezione, un buon finale è quello che si rivela adatto quando i lettori confrontano la conclusione della tua storia rispetto a quanto successo fino a quel momento.

 

Qui di seguito alcune idee che possono ispirarti per scegliere il finale giusto per il tuo romanzo:

 

1. Il romanzo a finale aperto

Come finire un romanzo

Alcuni generi si prestano più di altri a lasciare la storia con un finale aperto. In un romance di solito i lettori si aspettano che i due innamorati riescano a coronare il loro sogno d’amore. Altri generi non sempre richiedono finali così precisi. Un romanzo con un finale aperto può essere apprezzato dal lettore perché gli permette di immaginare gli esiti della storia senza che venga esplicitamente detto come interpretare un cambiamento dell’ultimo minuto negli eventi o una rivelazione.

Ecco un esempio di finale aperto: un assassino, che ricopre il ruolo di antieroe, finisce per trasferirsi e vivere in incognito. La storia si conclude con lui che ritorna ai suoi vecchi terreni di caccia. Dipende dal lettore decidere se il personaggio è cambiato o se è tornato ai suoi vecchi vizi.

Anche se questo tipo di finale lascia spazio all’immaginazione e all’interpretazione assicurati di:

 

  • Risolvere gli archi secondari della storia in modo che ci sia almeno un senso di risoluzione.
  • Non scambiare un finale aperto per una storia che esaurisce la sua forza. Anche se non c’è una conclusione definitiva, mantieni la tensione e/o l’interesse dei personaggi fino alla fine.
  • Avere una ragione per lasciare il finale aperto. Forse vuoi trasmettere un messaggio specifico e allora è bene tenerlo presente e farlo emergere attraverso la storia.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

2. Chiudi il cerchio: finisci da dove hai iniziato

Come finire un romanzo

Se preferisci un finale più incisivo, allora una conclusione con “chiusura del cerchio” può fare al caso tuo. Questo è un modo particolarmente efficace per concludere un libro se la tua storia è iniziata nel bel mezzo di una situazione misteriosa o sconcertante. In questo caso il libro fornisce al lettore una cornice di riferimento per capire come inizia e finisce il libro stesso.

La struttura del romanzo restituisce al lettore la prima serie di personaggi anche se le informazioni fornite nella parte centrale cambiano il modo in cui il lettore interpreta i primi capitoli.

***

3. La svolta scioccante: tira il tappeto da sotto i piedi del lettore

Come finire un romanzo

Una svolta nella trama è un dispositivo tipico dei racconti o delle storie brevi. Ma può essere anche un tipo di finale efficace nel caso di un romanzo. Kazuo Ishiguro e Ian McEwan sono dei maestri in questo tipo di finale.

Qui di seguito alcuni consigli su come concludere un romanzo con un rovesciamento/capovolgimento:

  • Capovolgimento dell’identità: qualcuno si rivela essere qualcun altro. Un personaggio non è chi noi (o altri personaggi) pensavamo che fosse.
  • Capovolgimento dei motivi: il lettore presume che un personaggio stia agendo in conformità al desiderio di ottenere X quando quello che vuole si rivela essere Y.
  • Capovolgimento della percezione: il protagonista si rende conto che il suo mondo o la sua comprensione del mondo non è conforme alla realtà.
  • Capovolgimento della fortuna: un personaggio è portato in basso o in alto da un colpo di fortuna o da circostanze impreviste.
  • Capovolgimento della realizzazione finale: un personaggio raggiunge l’obiettivo della sua motivazione primaria solo perché un altro personaggio la annulla attraverso le sue azioni.

 

Un capovolgimento non dev’essere scioccante o sorprendente. Puoi stabilirlo dall’inizio come qualcosa a cui la personalità e le azioni del tuo protagonista non possono opporsi così come la società o l’ambiente in cui vive. I capovolgimenti inoltre danno ai lettori la strana sensazione di essere stati ingannati, o dal narratore o dall’autore, e questo senso della sorpresa può rendere la storia più dinamica ed eccitante.

***

4. Il riassunto ordinato

Come finire un romanzo

Un capovolgimento finale, specialmente se scioccante, rischia di irritare i lettori che invece si aspettavano un’altra risoluzione della storia. A volte si può decidere di dare ai lettori quello che si aspettano e desiderano da un romanzo di un determinato genere. Un riassunto ordinato può essere rassicurante, ecco perché la maggior parte dei racconti per bambini termina con “e vissero felici e contenti”.

Anche se un finale ordinato viene percepito come troppo prevedibile, ci sono modi per renderlo più interessante:

  • Crea una tensione aggiuntiva prima del climax che fa sembrare meno probabile la risoluzione.
  • Crea una situazione del tipo “è finita bene, ma…” lasciando una piccola parte della storia irrisolta per incuriosire i lettori sul tuo prossimo romanzo.
  • Sperimenta diversi modi di presentare i tuoi finali (ad esempio J.K. Rowling sposta l’intervallotemporale nella risoluzione dei libri della serie di Harry Potter).

 

LEGGI ANCHE – Scrittura creativa – Il finale

 

5. Il nuovo capitolo: cosa accade dopo?

Come finire un romanzo

Se vuoi continuare a esplorare il tuo mondo immaginario in una serie di libri, questo è un finale particolarmente efficace. Pensa a come gli sceneggiatori gestiscono gli archi della trama nelle serie Tv più acclamate. Mentre ognuno degli archi principali della trama è nella maggior parte dei casi risolto alla fine di ogni stagione, c’è qualcosa che viene lasciato in sospeso ed è funzionale a spingere i telespettatori ad attendere con ansia l’inizio della prossima stagione. Pensa a tutti i libri di una serie come a una stagione. Inserire un capitolo dedicato a cosa accadrà in futuro e inserirlo come chiusura a un libro manterrà viva l’attenzione dei lettori verso il prossimo volume. E aiuta anche a fare in modo che la conclusione scelta non sia troppo prevedibile.

***

6. Una combinazione di diversi finali: crea risoluzioni complesse

Come finire un romanzo

Non c’è motivo per cui dovresti seguire solo uno dei tipi di finale elencati sopra. Anche perché non c’è un solo modo giusto per concludere un romanzo. È meglio dunque trovare la soluzione migliore per il tuo libro. Un semplice ritorno all’inizio può essere efficace, ma se in questo ritorno all’inizio inserisci qualche nuova informazione che produce un cambiamento puoi aiutare il lettore a capire che qualcosa di complesso è accaduto nel mentre. Ad esempio, puoi fare in modo che le intenzioni di un personaggio non siano quelle che sembravano fin dall’inizio e questo crea maggiore empatia verso alcuni personaggi.

***

7. Come non concludere un romanzo: approcci da evitare

Come finire un romanzo

Quelle che abbiamo elencato finora sono modalità efficaci per concludere un romanzo, ma ci sono altri approcci che si rivelano fallimentari. Eccone alcuni:

 

  • Il Deus ex Machina: quest’espressione si riferisce a un finale in cui un evento poco plausibile fornisce una risoluzione rapida che aiuta i personaggi (e l’autore) a portarsi fuori da una situazione pericolosa. Di solito appare una soluzione forzata.
  • Il finale improvviso: la fine di un romanzo assolve molteplici funzioni: risolve le questioni più importanti sollevate dalla storia (o ne lascia di proposito alcune irrisolte); chiarisce e porta a compimento alcune idee o temi importanti (rafforza il “punto” del romanzo) e modella l’impressione che i lettori conserveranno del romanzo nel complesso. Evita dunque di portare la tua storia verso una conclusione senza che sia stata sufficientemente preparata. I migliori finali di una storia intrecciano tutti i diversi fili che sono stati disposti davanti al lettore, invece di legarli velocemente in un nodo maldestro.

***

E tu quali tecniche e accorgimenti usi per finire un romanzo?

LEGGI ANCHE – Tutte le nostre Lezioni di Scrittura Creativa

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.