Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Come fare una ricerca senza copiare da Wikipedia

RicercaNon è facile fare una ricerca degna di questo nome, senza raccattare brani qua e là o, peggio ancora, copiando da Wikipedia. Se è vero che l’avanzata della Rete, con i suoi annessi e connessi, può dare l’impressione di un’accessibilità delle informazioni molto maggiore rispetto al passato, bisogna anche considerare che non sempre le notizie reperibili sul Web sono organizzate in maniera strutturata e talvolta risultano perfino inesatte.

Per questo motivo, ancora oggi la “ricerca scolastica” non è inadeguata come compito da assegnare, e non è così facile realizzare una buona ricerca. Come si può intuire, ci stiamo limitando a considerare l’ambito della scuola secondaria: all’università è tutta un’altra storia, e non potrebbe essere altrimenti.

Ma quali sono i passi più giusti per fare una ricerca adeguata e personale? Secondo noi ne bastano pochi.

1. Capire cosa serve: qual è l’oggetto della vostra ricerca? Se l’argomento è Omero, oppure gli idrocarburi, non è la stessa cosa. Cercate di individuare quanto prima il nucleo fondante, e costruiteci attorno una rete di informazioni. Cosa vi serve, cosa volete dire?

 

2. Fare una scaletta: molto dipende da ciò che vi viene chiesto di approfondire. Tuttavia, in ogni buona ricerca, se realizzata senza copiare da Wikipedia, servono: un’introduzione, che metta a fuoco l’argomento, una sezione centrale, più ampia, che sappia descrivere caratteristiche salienti, sviluppo storico, articolazione interna, problematiche, e una conclusione che comprenda la segnalazione di problematiche, interrogativi, ulteriori approfondimenti possibili. Fate una scaletta, punto per punto, di ciò che vi sembra essenziale. Sarà la base da cui partire per stendere la vostra ricerca;

 

3. Raccogliere il materiale: questo è un punto cruciale. Con la scaletta a portata di mano, iniziate a cercare il materiale che può esservi utile. Date un’occhiata ai libri che avete in casa, all’enciclopedia o ad eventuali testi specialistici; andate in biblioteca, dove avrete una scelta di sicuro più vasta e maggiori possibilità di trovare volumi adatti al vostro scopo. Internet non è da trascurare. L’accorgimento importante è il solito: controllate le fonti, verificate le informazioni consultando più siti web e incrociando le notizie con fonti di altra natura. Non vorrete di certo scrivere che Dante sia nato nel diciannovesimo secolo;

 

4. Selezionare i documenti più utili: non tutto ciò che vi passa per le mani è essenziale. Saper scegliere è fondamentale. Quali sono i documenti, gli articoli, i libri, i siti più adeguati per scrivere la vostra ricerca, a partire dalla scaletta realizzata al punto 2? Questo è il passo che richiede più “allenamento”;

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

5. Analizzare i documenti selezionati: avete selezionato i documenti migliori o che vi sembrano più utili? Adesso è venuto il momento di analizzarli ed estrarre da essi le informazioni che vi servono. Può essere utile attuare alcune delle strategie che utilizzate per i riassunti;

 

6. Scrivere la ricerca: non si tratta certo di un tema. Ma la scaletta che avete fatto (non avete saltato il punto 2, vero?) diventa, in questo momento, essenziale. Basta sviluppare tutti i punti, uno dopo l’altro, attingendo dalle fonti e in particolare dai brani che avete ritenuto più importanti. Non dimenticate che le parti di cui si compone la ricerca, come in qualsiasi altro testo, vanno legate in maniera logica tra loro. Anche per questo una ricerca copiata da Wikipedia si riconosce subito;

 

7. Rivedere ciò che si è scritto: avete compiuto tutti i passi necessari fino a qui. L’ultimo passo è rivedere il lavoro fatto, alla ricerca di errori di ortografia, mancate concordanze tra tempi verbali, incongruenze, ripetizioni.

Se avrete seguito i nostri consigli, alcuni dei quali attengono al buon senso, la vostra ricerca sarà un testo più completo, personale, coerente, e meglio organizzato. Non è molto più soddisfacente fare una ricerca senza copiare da Wikipedia? 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.