Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasiFare l’editing di un romanzo prima che un editor professionista ci metta le mani è una cosa molto intelligente da portare avanti.

Quando non ci sono tanti piccoli errori, un professionista può concentrarsi su questioni di maggior importanza, come buchi nella trama, incoerenze e questioni di stile e di tono.

 

Per fare l’editing del tuo romanzo, prova a seguire queste otto fasi:

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

1.      Impara a lavorare con occhi freschi: concediti una pausa

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

Prima di editare la tua bozza, concediti una pausa e allontanati dalla postazione di lavoro. Certo, in genere si pensa che questo faccia perdere il momento d’oro dell’ispirazione, ma se ti dai un certo periodo di tempo per fare una pausa, ritornerai ricaricato e pronto.

Anche quando ti prendi una vacanza di una settimana, il tuo inconscio continuerà a pensare alla tua bozza e a mettere le cose in ordine almeno mentalmente. Rimarrai molto sorpreso per il tipo di connessioni e correzioni che sarai in grado di apportare al testo quando sarai tornato a lavoro.

Se sei il tipo di scrittore che edita mentre procede nella scrittura, allora fai una piccola pausa ogni volta che finisci una sezione e questo ti aiuterà a elaborare nuove idee e a dare loro il tempo giusto per svilupparsi e diventare più chiare.

Per rivedere il testo in maniera efficace, la distanza è importante. Si racconta che Ernest Hemingway abbia detto: «Scrivi da ubriaco, edita da sobrio». Anche se pensi che questo sia un cattivo consiglio, dal punto di vista metaforico ha senso. Ad esempio, quando scrivi è il momento in cui devi lasciare libero il tuo inconscio di fluire sulla pagina, senza l’intervento del “sobrio” censore interno. Prendere una breve pausa ti permetterà di tornare indietro sulla terra dall’ubriachezza folle dello spirito creativo e vedere i dettagli della tua scrittura e la struttura generale con minore coinvolgimento e maggiore chiarezza.

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere un romanzo in 100 giorni

 

2.      Scrivi una lista di domande per guidare il tuo editing

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

Fai una lista di questioni che vuoi esaminare del tuo romanzo. Ricorda: alcuni di questi punti dovranno essere specifici per il genere di appartenenza della tua opera. Se stai scrivendo un romance, dovrai esaminare i progressi della storia d’amore per verificare che siano all’interno di un arco continuo. Se stai scrivendo un giallo, assicurati che i suggerimenti e gli indizi siano collocati al punto giusto e rivelino quanto basta ai lettori.

Ecco alcune delle domande da tenere d’occhio:

 

  • La storia è strutturata bene? Se hai seguito un tipo di struttura a tre atti, l’hai mantenuta per tutta la durata del romanzo e questa crea una forma adeguata?
  • La trama ha senso? E le sottotrame? Sono in linea con la trama, o distraggono l’attenzione del lettore da questa o danno l’idea che nel libro stia succedendo troppo?
  • I tuoi personaggi sono ben sviluppati? Sembrano realistici? Si comportano in maniera coerente rispetto a come sono caratterizzati nelle scene precedenti?
  • Com’è la tua ambientazione? È pienamente realizzata? Sono necessari più o meno dettagli? È parte integrante della storia?
  • Ci sono dei punti nel libro in cui la narrazione sembra trascinarsi con lentezza? Riesci a identificare il motivo?
  • Dai ai lettori le informazioni giuste al momento giusto, evitando scarti informativi?
  • Com’è la lingua? Le tue frasi sono corrette sul piano grammaticale? Alcune di queste sono confuse senza motivo?

 

Questo è solo un punto di partenza; ognuno dovrà stilare la propria lista di domande. Una volta preparato il piano, non resterà che iniziare con la revisione vera e propria.

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere un romanzo: 15 modi utili

 

3.      Organizza il tuo processo di editing

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

È più facile editare quando hai un processo strutturato. Prima di iniziare a rivedere un capitolo, leggilo per intero. In questa fase, correggi gli errori più lievi (errori di battitura, refusi vari), e prendi solo nota di quelli di più importanti (come le incoerenze della trama) che potrebbero avere conseguenze sugli archi dei personaggi in qualsiasi parte successiva del libro. Per organizzare la revisione del tuo libro puoi procedere in questo modo:

 

a)      Organizza la parte gestionale

Può essere una buona idea salvare ogni capitolo del tuo romanzo come un documento separato e dando a ognuna delle nuove versioni editate il proprio nome (ad esempio, “Capitolo 2 – I revisione”). In questo modo puoi tenere traccia delle versioni precedenti e compararle per essere certo che nella bozza finale inserirai solo le versioni che reputi migliori.

 

b)     Organizza tutto il materiale di supporto

Man mano che editi il tuo romanzo, tieni a portata di mano un vocabolario, un dizionario dei sinonimi e tutte le altre fonti di cui potresti aver bisogno. Se preferisci una versione online, salva i link tra i preferiti del browser, così puoi accedervi in qualsiasi momento senti l’esigenza di dover trovare un sinonimo più calzante o per verificare un dato.

 

c)      Organizza il tuo processo di editing

Quando cominci a guardare con attenzione a tutti i dettagli della tua bozza ti potrebbe essere di aiuto avere a portata di mano l’ossatura del romanzo. Se non hai creato un sommario, puoi sempre farlo anche quando la bozza è completa. Elabora un sommario breve, di tre o quattro righe, di ciò che succede in ogni capitolo (o in ogni scena) così gli sviluppi dei personaggi principali e della trama di ogni sezione ti saranno sempre chiari quando editi. Questo ti servirà per ricordare i tagli e i cambiamenti che mettono in evidenza i punti chiave della trama o fermarla quando comincia a deragliare.

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere un racconto – 10 consigli utili

 

4.      Fa’ una programmazione del tuo editing

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

Proprio come hai fatto per il tuo romanzo (almeno si spera, perché è importante), fai una programmazione per la tua revisione. Pensa a quali strumenti potrebbero aiutarti per l’editing. Tra questi considera sempre qualcosa che ti permetta di prendere appunti e tenere traccia di tutte le attività di revisione nel modo più completo possibile. La scelta del sistema giusto dipende da te. Potresti scegliere delle schede o dei post-it colorati, o un taccuino diviso in sezioni usando penne di colore diverso per differenti appunti di revisione (ad esempio, un colore per gli appunti sullo sviluppo dei personaggi, un altro per i cambiamenti nella descrizione dell’ambientazione).

Quando decidi come rivedere il tuo romanzo, allora potrai scegliere il tuo sistema che può essere formale o informale, come piace a te. Potresti evidenziare con un colore preciso ogni sezione in cui il passo della storia sembra rallentare e ritornare su ognuna di queste in sequenza come una parte del tuo processo di editing. La cosa più importante è che il sistema di editing che usi sia intuitivo per te e ti aiuti senza ostacolarti.

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere una sceneggiatura

 

5.      Individua le parole e le frasi che usi troppo

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

Se temi di aver abusato di alcune parole o frasi, allora usa la funzione “cerca” di Word (o del programma di videoscrittura che usi) per localizzarle e rendere così la tua prosa più varia.

La funzione “trova e sostituisci” è utile anche se la descrizione di un personaggio o di un luogo deve cambiare nel corso del libro.

 

LEGGI ANCHE – Manuali su come scrivere un libro

 

6.      Edita per raggiungere chiarezza e concisione

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

Sbarazzati di tutte quelle cretinate che non contribuiscono a niente e questo contribuirà a migliorare il tuo manoscritto. Di solito è un piacere leggere una scrittura concisa (che va dritta al punto).

Ma come si fa a raggiungere chiarezza e concisione attraverso l’editing?

 

a.      Liberati di tutte le parole che non sono necessarie

Ad esempio quelle parole o frasi che dicono ai lettori tutto quello che i personaggi fanno, vedono, ascoltano o pensano anziché mostrare direttamente l’azione.

Allo stesso modo taglia tutte le parole che non sono determinanti per comprendere il significato di ciò che vuoi dire.

 

b.      Elimina le parole ripetute e gli aggettivi ridondanti

Per parole “ripetute” intendiamo non solo la stessa parola ma anche quelle che vogliono dire la stessa cosa (ad esempio: “i fondamenti di base”). Se ti trovi in questa situazione, scegli la parola che è più facile da capire, a meno che non ci sia una buona per preferire l’opzione più complessa.

Gli aggettivi ridondanti sono quelli già impliciti nella parola che accompagnano.

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere un romanzo – 7 consigli da Ernest Hemingway

 

7.      Fa’ più passaggi quando editi

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

Imparare a editare il tuo libro è una vera sfida se sei una persona impaziente. Editare di rado è un processo che si può concludere in un solo passaggio. Quando hai ultimato la prima lettura e preso nota degli elementi marginali che vanno cambiati, riprendi in mano il libro con più attenzione e concentrati sugli aspetti più importanti. Usa le tue checklist per dare un’occhiata alla trama, alla struttura, ai personaggi, all’ambientazione e alle altre parti del tuo romanzo.

Se ti rendi conto di dover riscrivere molto, dovrai lavorare su questi passaggi riscritti prima di fare correzioni più orientate ai dettagli (editing rigo per rigo). Leggere più volte ti aiuterà a vedere più errori e ad entrare maggiormente in profondità. Ricorda però di prenderti una pausa tra una revisione e l’altra.

 

LEGGI ANCHE – Come scrivere un romanzo – 5 errori da evitare

 

8.      Chiedi anche il supporto di un professionista

Come fare l’editing di un romanzo in 8 fasi

La fase finale del processo di revisione di una bozza è una lettura esterna. Potresti rivolgerti a qualche amico scrittore o a un professionista dell’editing. Lavorare con qualcun altro è un modo prezioso per portare il tuo manoscritto a un livello superiore.

***

Che ne pensi di queste 8 fasi per fare l’editing di un romanzo? Tu come procedi in genere?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.