Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come diventare se stessi, secondo Nietzsche

Come diventare se stessi, secondo NietzscheFriedrich Nietzsche considerava il viaggio verso la scoperta del proprio vero sé come una delle difficoltà esistenziali insieme più dure e più feconde per l’uomo.

Nel 1873, mentre si avvicinava al suo trentesimo compleanno, Nietzsche si occupò dell’eterna questione di come diventare se stessi in un bellissimo saggio intitolato Schopenhauer come educatore.

Qui Nietzsche, come riporta BrainPickings, apre la sua riflessione indicando qual è la via attraverso la quale si giunge a scoprire qual è il vero sé:

Qualunque essere umano che non desidera essere parte della massa deve solo smettere di fare cose facili per se stesso. Deve seguire la sua coscienza, che gli grida: «Sii te stesso! Tutto quello che stai facendo, pensando, desiderando, tutto questo non sei tu».

Ogni giovane anima ascolta questa chiamata giorno e notte e freme di eccitazione presagendo il grado di felicità che l’eternità ha preparato per quelli che riflettono sulla loro vera liberazione. Non c’è modo di aiutare qualsiasi anima a conseguire questa felicità, se essa rimane legata alle catene dell’opinione e della paura. E la vita senza una tale liberazione diventa senza speranza e senza senso! Non c’è nessuna creatura più triste, più infelice in natura dell’uomo che ha eluso il suo genio e che strizza gli occhi ora a destra, ora a sinistra, ora dietro di sé, ora in qualsiasi direzione.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Nietzsche prende poi in considerazione l’unico vero antidoto a tale tristezza esistenziale:

Nessuno può costruire al posto tuo il ponte sul quale tu, e solo tu, devi attraversare il fiume della vita. Ci potranno essere numerosi sentieri e ponti e semi-dei che vorrebbero lietamente trasportarti, ma solo a costo di dare in pegno e dimenticare te stesso. C’è un percorso nel mondo sul quale nessuno può camminare eccetto te. Dove conduce? Non fare domande, cammina!

 

Ma questo percorso per trovare noi stessi, puntualizza Nietzsche, non è una passeggiata leggera:

Come può un uomo conoscere se stesso? È una questione buia, misteriosa: se una lepre ha sette pelli, un uomo può togliersi la pelle settanta volta sette senza poter dire, «Questo ora sei veramente tu, questo non è più il tuo esterno». Perciò è anche un’impresa agonizzante, rischiosa quella di scavare dentro di sé, scendere tenacemente e direttamente nei tunnel del proprio essere. Quanto è facile infliggersi da soli delle ferite che nessun medico può guarire. Inoltre, perché dovrebbe essere addirittura necessario dato che ogni cosa testimonia il nostro essere: le nostre amicizie e animosità, i nostri sguardi e le strette di mano, quello che ricordiamo e ciò che dimentichiamo, i nostri libri e le nostre penne. Per la ferita più importante, tuttavia, c’è un metodo. Lascia che la giovane anima interroghi la propria vita a partire da questa domanda: «Cosa hai tanto amato finora? Che cosa ha mai elevato la tua anima, cosa l’ha dominata e cosa le ha donato piacere allo stesso tempo?» Metti questi oggetti in fila davanti a te e forse ti riveleranno una legge sulla base della loro natura e del loro ordine: la legge fondamentale del tuo vero sé. Compara questi oggetti, vedi come si completano, si accrescono, si superano, si trasfigurano a vicenda; come formano una scala sui cui gradini sono saliti fino a te; perché il tuo vero sé non giace sepolto profondamente dentro di te, ma piuttosto si innalza incommensurabilmente sopra di te, o almeno al di sopra di quello che comunemente consideri essere il tuo io.

Come diventare se stessi, secondo Nietzsche

LEGGI ANCHE – Come si diventa spiriti liberi? L’insegnamento di Nietzsche

 

Nietzsche ritorna poi sul vero ruolo dell’educazione in questo processo di scavo del vero sé e scrive:

I tuoi veri educatori e allevatori ti riveleranno il senso originale e la materia di base del tuo essere, qualcosa che non è in ultima analisi suscettibile all’educazione e all’allevamento da parte di chiunque altro, ma a cui è sempre difficile accedere, qualcosa di legato e immobilizzato; i tuoi educatori non possono andare oltre diventando i tuoi liberatori. E questo è il segreto di tutta la vera cultura: non ci presenta con arti artificiali, nasi di cera o occhiali, perché tali doni ci lasciano semplicemente con una finta immagine di educazione. Essa è invece liberazione, che strappa le erbacce, rimuove le macerie, scaccia i parassiti che rosicchierebbero le radici tenere e i germogli della pianta; è un’effusione di luce e calore, una tenera goccia di pioggia notturna…

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

E poi conclude:

Potrebbero esserci altri metodi per trovare se stessi, per svegliarsi fuori dall’anestesia in cui in genere siamo avvolti come se fossimo in una cupa nuvola, ma io non ne conosco nessuno migliore di quello di riflettere sui propri educatori e allevatori.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.