14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amicoDiventare se stessi, liberandosi di quello che dentro di noi si è sedimentato nel tempo, non è facile perché implica prima di tutto di dover fare i conti con tutto ciò a cui ci siamo affidati fino a un dato momento della nostra vita.

Ed è proprio da qui che Jiddu Krishnamurti parte nello straordinario dialogo a distanza con un giovane amico «ferito nel corpo e nella mente» che a lui si era rivolto proprio in cerca di consigli per intraprendere un sano percorso di “guarigione”, di ritorno in sé.

Un dialogo che da poco Lindau ha reso disponibile anche in italiano, nel volume Lettere a un giovane amico, con traduzione di Davide Platzer Ferrero.

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

Krishnamurti prova subito a trasformare in un’immagine il dolore dell’amico, in modo da riuscire a farglielo visualizzare e allo stesso tempo porlo come qualcosa di non naturale, di non partecipe dell’armonia presente nella natura:

«Com’è adorabile la pioggia che cade sulle montagne solitarie e sul placido lago. L’odore che sale dalla terra dopo che è piovuto, accompagnato dal canto delle rane. Dopo la pioggia, ai tropici tutto assume uno strano incanto. L’acqua lava ogni cosa, sciacqua via la polvere dalle foglie. I fiumi prendono vita e ovunque si sente un rumore di acque scroscianti. Dagli alberi spuntano germogli verdi, e l’erba selvatica cresce dove prima c’era solo terra arida. Migliaia di insetti emergono da non si sa dove, e il suolo secco viene nutrito ed è soddisfatto e pacificato. Il sole sembra aver perduto la propria capacità penetrativa, e la terra è diventata verde, un posto pieno di bellezza e di abbondanza. L’uomo continua a fabbricare la propria infelicità, ma il mondo attorno a lui è nuovamente ricco, l’aria piena di incanto».

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

LEGGI ANCHE – Cartesio e le 12 regole per la guida dell’intelligenza

 

Diventare consapevoli del fatto che si è artefici della propria felicità, così come della propria infelicità, è il primo passo per Krishnamurti affinché si possa comprendere qual è la vera radice del nostro dolore e ciò che ci impedisce di diventare noi stessi:

«L’insoddisfazione umana è reale e inevitabile. Si tratta di un oggetto prezioso, di un gioiello di grande valore. Ma ne abbiamo paura; la dissipiamo; la utilizziamo o permettiamo che venga utilizzata per ottenere certi risultati. La temiamo, ma si tratta in realtà di un gioiello di inestimabile valore. Vivila, fanne esperienza: osservala giorno per giorno, senza interferire coi suoi movimenti. Così facendo, essa diviene una fiamma che purifica da ogni scarto, lasciando soltanto ciò che non ha luogo ed è incommensurabile. Accogli queste mie parole saggiamente».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Come si arriva a questo? È così che Krishnamurti attiva, attraverso le sue lettere, un vero e proprio percorso di crescita per il suo giovane interlocutore, un percorso durante il quale elargisce una serie di consigli che qui di seguito esponiamo in maniera più schematica:

 

1. Sii flessibile mentalmente

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

Essere flessibili è per Krishnamurti la vera forza che «non risiede nella durezza e nella rigidità, ma nella flessibilità. L’albero flessibile rimane in piedi in mezzo alla burrasca. Raccogli la forza di una mente rapida. […] La vita è come la lama di un rasoio, e dobbiamo camminare su questo filo con estrema cura e con una saggezza flessibile».

 

LEGGI ANCHE – Le 10 regole per una mente straordinaria

***

2. Non combattere il passato

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

Vivere il passato come qualcosa di negativo, soprattutto se parliamo di esperienze dolorose, amplifica il dolore stesso, impedendoci di ergerci verso l’alto:

«Vivi nel passato, se devi, ma non combatterlo; quando il passato riemerge, osservalo senza respingerlo e senza attaccarti troppo a esso. L’esperienza di questi anni, il dolore e la gioia, i colpi subiti e la coscienza della separazione, il senso di lontananza: tutto questo arricchirà e aggiungerà bellezza. Ciò che è importante è quello che hai nel cuore. E, dal momento che il tuo cuore è traboccante, tu hai tutto, tu sei tutto».

LEGGI ANCHE – Come diventare se stessi, secondo Nietzsche

***

3. Presta attenzione ai tuoi pensieri e ai tuoi sentimenti

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

C’è, secondo Krishnamurti, una forte dose di sensibilità nel riuscire a «vedere ed essere consapevoli dei propri pensieri», anzi è proprio questo che «rende la persona infinitamente sensibile, flessibile e attenta» verso se stessa e verso gli altri, potendo giungere a «non condannare o giudicare». Solo questo livello di attenzione così alto ci permette di raggiungere «la capacità di vedere chiaramente» anche dentro di noi e di vedere «che ogni cosa assumerà da sé la forma corretta senza alcun intervento da parte tua».

***

4. Evita la banalità e la routine

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

«Non lasciarti soffocare dal fumo della banalità. Non lasciare che il tuo fuoco si estingua. Devi andare avanti, strappando via, distruggendo, guardandoti sempre dal mettere radici». È un consiglio all’apparenza destabilizzante, ma nell’ottica di Krishnamurti mettere radici equivale a cedere alla routine allontanando da sé la bellezza e l’amore, incluso quello insito in una relazione di coppia:

«Con quale facilità cadiamo nell’abitudine quando abbiamo una relazione. Tutto viene dato per scontato, la situazione viene accettata così com’è e non si tollera alcuna variazione; non vi è movimento verso l’incertezza, nemmeno per un istante. Ogni cosa è regolata così accuratamente, così ben assicurata e legata, che non resta spazio per la freschezza, per il respiro vivificatore della primavera».

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Una visione dell’amore capace insieme di destabilizzare e renderci feliciproprio per questa capacità di causare «l’unica rivoluzione in grado di darci la felicità totale». A patto però che siamo in grado di non fare «dell’amore una merce negoziabile» perché «non è dare per ricevere».

***

5. Vivi la paura

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

Vivere la paura significa non abbandonarsi al terrore ma essere pronti ad accoglierla, sapere che solo affrontando ciò che ci fa paura possiamo ricercare quella novità a cui tanto aspiriamo. È per questo che Krishnamurti consiglia di «non lasciare che essa ti colpisca improvvisamente, inaspettatamente: ricercala diligentemente e deliberatamente».

 

LEGGI ANCHE – Krishnamurti: come vincere la paura

***

6. Affronta i problemi

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

Possiamo considerare questo consiglio come strettamente connesso a quello precedente perché si tratta comunque di affrontare i nostri limiti e riuscire a trovare il modo di farsi attraversare senza che riescano a «lasciare il segno». Bisogna aprirsi «un varco attraverso di essi come se fossero di burro» per bloccarli sul nascere. Certo, «non è possibile non avere problemi, ma è possibile scacciarli immediatamente». E per scacciarli Krishnamurti intende il fare in modo che questi non debbano scontrarsi con la nostra rigidità che ci spinge a vivere i nostri problemi come qualcosa che “invade” tutti gli aspetti della nostra vita, mettendo così radici dentro di noi.

***

7. Scegli la dignità autentica

Come diventare se stessi. I consigli di Jiddu Krishnamurti a un giovane amico

E qui Krishnamurti dà forse il consiglio più autentico e attuale al suo giovane amico:

«La dignità non può essere acquisita, coltivata, e sentirsi degni equivale ad avere coscienza di sé stessi […]. Semplicemente essere – non in un modo o nell’altro, in uno stato o nell’altro –: questa è la vera dignità. Non ci può essere portato via, è ciò che è sempre».

***

Diventare se stessi è una «completa rivoluzione, non solo nelle grandi cose, ma anche in quelle piccole di tutti i giorni», possiamo concludere con Krishnamurti. Consiste nel «vivere in modo semplice, liberi dalle influenze anche quando tutto e tutti cercano di influenzarci, liberi dagli umori altalenanti e dalle nostre molteplici esigenze».

Certo non è facile ma proprio per questo che, una volta che il diventare se stessi è una realtà, ci dobbiamo sforzare per «non tornare alla comodità ma vai avanti. Tieni quel fuoco acceso, internamente».

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Credo molto in quello che ha detto Krishnamurti in tutti gli anni in cui lui ha insegnato ha guardare in noi stessi, ha essere se stessi in profondita ed essere luce anche per gli altri.
Un cammino non semplice ma pieno di consapevolezza che puo portare alla realizzazione di ognuno di noi.

Salve Gian Luca,

sì anche noi crediamo in Krishnamurti e nell'attualità di alcuni suoi insegnamenti.
Certo, il cammino non è semplice come fai notare, ma è fatto di piccoli passi che possono aiutare nel raggiungimento della vera consapevolezza.

Un saluto.

Effettivamente, penso che l'insegnamento che krishnamurti ha dato dopo che si era allontanato in un certo senso dalla teosofia, si può ritrovare nelle parole dei maestri del cerchio firenze 77.

" Perciò tu avrai capito la vita non quando tu farai il tuo dovere in mezzo agli uomini, ma quando lo farai nella solitudine.
Non quando, pur raggiunta la notorietà, potrai avere una condotta esemplare agli occhi degli uomini, ma quando l'avrai e nessuno lo saprà, neppure te stesso. Non quando tu farai il bene e ne vedrai gli effetti, ma quando lo farai e non ti interesserà avere gratitudine, né conoscere l'esito del tuo operato. Non quando tu potrai aiutare efficacemente e disinteressatamente, ma quando aiuterai pur sapendo che il tuo aiuto a nessuno serve, neppure a te stesso. Non quando tu ti sentirai responsabile di tutto ciò che fanno i tuoi simili, ma quando conserverai intatto il senso della tua responsabilità, pur sapendo d'essere l'unico uomo al mondo. Non quando tu avrai compreso che tutti gli esseri hanno gli stessi tuoi diritti, ma quando tratterai l'essere più umile della terra come se fosse Colui che ha nelle Sue mani le tue sorti.
Non quando tu amerai i tuoi simili, ma quando tu stesso sarai i tuoi simili e l'amore".

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.