In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come confutare una tesi – Le tecniche di Susan Sontag

Come confutare una tesi – Le tecniche di Susan SontagSpesso ci troviamo nella posizione di dover confutare una tesi, e non solo quando a scuola ci viene assegnato un tema argomentativo.

 

Può capitare di dover confutare una tesi anche in una conversazione ordinaria con qualche conoscente, oppure in qualche scambio di commenti su Facebook.

 

Come fare allora a dimostrare la falsità della posizione contraria senza risultare sgradevoli e al tempo stesso evidenziando i punti di disaccordo e la fallacia della tesi contraria alla nostra?

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Può venirci in aiuto Susan Sontag che il 16 settembre 1965, durante un viaggio a Parigi, ha dedicato all’argomento un inserto dei suoi diari:

Come confutare una tesi – Le tecniche di Susan Sontag

Le principali tecniche per confutare una tesi:

Trova l’incoerenza

Come confutare una tesi – Le tecniche di Susan Sontag

***

Trova l’esempio contrario

Come confutare una tesi – Le tecniche di Susan Sontag

***

Trova un contesto più ampio

Come confutare una tesi – Le tecniche di Susan Sontag

***

Esempio di (3):

Io sono contro la censura. In tutte le forme. Non solo per il diritto dei capolavori – l’arte alta – a essere scandalosi.

Ma cosa dici della pornografia (commerciale)?

Come confutare una tesi – Le tecniche di Susan Sontag

LEGGI ANCHE – La magnifica lettera di Susan Sontag a Jorge Luis Borges

 

Trova il contesto più ampio:

nozione di voluttà secondo Bataille?

 

Ma cosa ne dici dei bambini? Nemmeno per loro? Fumetti horror, ecc.

Perché vietare loro i fumetti quando possono leggere cose ben peggiori nei quotidiani ogni giorno. Bombe Napalm in Vietnam, ecc.

 

Una censura giusta/discriminante è impossibile.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Perché non provare ad applicare queste poche tecniche evidenziate da Susan Sontag per confutare una tesi? Fateci sapere se funzionano anche per voi.


Copyright delle foto: NeONBRAND, Nik Shuliahin, Crown Agency, Samuel Scrimshaw e Nonsap Visuals.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.