In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

“Città sospesa” di Eduardo Mendoza. Disavventure spagnole fra arte e politica

“Città sospesa” di Eduardo Mendoza. Disavventure spagnole fra arte e politicaL’ultimo romanzo dello scrittore spagnolo Eduardo Mendoza, Città sospesa, edito da DeA Planeta e tradotto da Francesca Pe’, si presenta come una commedia, densa e ricca di sfumature. Leggera e alla portata di tutti ma, non per questo meno intensa o esente da tematiche care all’autore e alla sua terra natale.

Impegnato politicamente ed estremamente colto, Eduardo Mendoza sa sfruttare uno stile di scrittura piuttosto esplicito ma non solo: sa che spesso il potere di una buona scrittura si cela dietro il “non detto” e la semplice allusione.

Il suo stile ricorre spesso a un linguaggio umile, ricerca “modi di dire” isolati nel tempo e appartenenti, probabilmente, alla popolazione spagnola di decadi, più o meno, lontane. Allo stesso modo, i personaggi, innumerevoli e incredibilmente diversi fra loro, sembrano isolarsi dalla società circostante. Se, in qualche caso, sono loro stessi a volerlo; in altri è la città che tende a trasformarli in figure marginali, allontanandoli e alimentando in loro una rabbia silenziosa. Il loro sguardo cambia, e tutto quello che possono fare è cercare di sopravvivere, giudicando, al contempo, chi li ha messi in una simile situazione.

Città sospesa si rivela, in questo modo, una lucida critica alle contraddizioni della cultura spagnola e di una città in bilico fra passato e futuro.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Tutto prende vita nel corso di una primavera del 1936: Madrid è sull’orlo della Guerra civile e il critico d’arte inglese Anthony Whitelands è stato chiamato in Spagna per verificare l’autenticità di un Velàzquez appartenente a un amico di José, figlio del generale e dittatore spagnolo.

“Città sospesa” di Eduardo Mendoza. Disavventure spagnole fra arte e politica

In questo periodo politico, la veridicità o meno di una simile opera d’arte potrebbe sovvertire gli equilibri del paese influenzando il corso stesso della sua storia. Sono queste le ragioni che spingono diverse figure, fra le quali spie, diplomatici, poliziotti e politici, a seguire attentamente il lavoro del protagonista il quale, per altro, sembra più interessato a questioni amorose e intrighi personali.

È questo il connubio che trasforma Città sospesa in una commedia ironica e tragica allo stesso tempo. Diverse strade finiscono per mescolarsi portando a incontri e scontri fra i diversi personaggi. Mendoza descrive scenari dalle molteplici influenze, sorprendenti per la loro diversità e dal sapore talvolta esotico e inaspettato. Mescola fra loro fatti romanzati e reali confondendo ciò che accade nella finzione e la critica in riferimento all’attuale società spagnola.

In secondo luogo, Città sospesa, rappresenta un incredibile elogio all’arte e al suo potere. Molte pagine sono dedicate alle opere di Velàzquez e al museo del Prado di Madrid. Talvolta sembra che l’autore voglia affrontare delle vere e proprie lezioni di storia dell’arte, interrompendo la narrazione per parlare di capolavori che, solo alla fine, il lettore interpreta come riferimenti simbolici alle tematiche care a Mendoza e allo stesso romanzo.

Eduardo Mendoza è nato a Barcellona nel 1943, scrittore professionista e vincitore di innumerevoli premi fra i quali: Premio Ciudad de Barcelona per La città dei prodigi, Premio Libro dell’anno nel 2001 per Il tempio delle signore e, ancora, il Premio Liber, il Premio de la Cultura de Cataluña, il Premio Franz Kafka e il Premio Cervantes.

Con Città sospesa, l’autore ha vinto il Premio Planeta del 2010.

“Città sospesa” di Eduardo Mendoza. Disavventure spagnole fra arte e politica

Reso scorrevole da un ritmo incalzante e colpi di scena, il romanzo coinvolge il lettore fin dall’inizio, accompagnandolo sulle orme di un critico d’arte che, forse, non si è reso conto della drammatica importanza che riveste il suo ruolo. I temi di carattere sociale sono particolarmente cari all’autore e, anche in questo caso, il romanzo non cerca solo il sorriso del lettore ma, soprattutto, la riflessione. Mendoza invita a guardare la società spagnola con lo stesso occhio critico di qualche personaggio, alimenta un senso di appartenenza e condivisione.

Sono queste le ragioni che lo hanno condotto a pubblicare, recentemente, un piccolo saggio, già bestseller in Spagna, sulla questione catalana e intitolato Che cosa succede in Catalogna.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

In ultima analisi è interessante notare come, anche in questo caso, la scrittura si riveli un mezzo dalle incredibili potenzialità sociali. Non c’è attimo in cui il lettore non percepisca i riferimenti alla realtà, collegandoli di volta in volta alle vicende del protagonista e del paese nel quale si sviluppa il rocambolesco intrigo fra mondi diversi: popolo, arte e politica.

Con La città sospesa, Eduardo Mendoza soddisfa le aspettative del lettore: riflettere, senza perdere il gusto di una lettura ironica e divertente.


Per la prima foto, copyright: Mat Reding.

Nessun voto finora
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.