Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Cindy Sherman: i limiti dell’autoritratto

Cindy ShermanCindy Sherman è una fotografa la cui arte risulta tanto affascinante quanto perturbante. Nata a Glen Ridge nel 1954, è cresciuta circondandosi di arte visiva, in particolare la pittura prima, la fotografia, autentico e più grande amore, poi.

Sempre al confine fra stage photography e autoritratto vero e proprio, i lavori della Sherman hanno messo a fuoco, nel volgere degli anni, la figura della donna con le sue rappresentazioni, coi suoi simulacri e le sue imitazioni, le oggettivizzazioni e le relativizzazioni, senza mai aver paura di scivolare nel grottesco o addirittura nel kitsch, anzi in certa parte sdoganandoli in maniera definitiva.

 

Un fondamentale riscontro e, se vogliamo, una summa di numerose delle linee espressive percorse nella sua carriera, li troviamo nella mostra Cindy Sherman – Untitled Horrors, all’Astrup Fearnley Museet di Oslo.

Le opere della Sherman cavalcano il limitare, sottilissimo, tra ironia e crudeltà, e l’imbruttimento del soggetto, se stessa, appunto, attraverso l’utilizzo di trucchi e maschere, conferisce a questi “autoritratti” una silenziosa ma potentissima forza sovversiva.

 

In fondo, la definizione e ridefinizione continua di canoni di bellezza (ma anche di bruttezza) non è uno dei perni principali sui quali ruota, da un punto di vista estetico, la nostra comunità? Cindy Sherman si limita (come se fosse poco) a riflettere su immagini ricorrenti, quasi ossessive, ridisegnandole e, più di una volta, violentandole, per farci vedere come dietro il “bello costituito” ci sia spesso l’orrore della forma.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.