In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

“Cielo di sabbia” di Joe R. Lansdale

Cielo di sabbia Joe R. LansdaleChi mi ha letta – in famiglia siamo in tre e sto ancora cercando il franco tiratore – di certo si aspetterà una recensione terribile, una serie di critiche feroci da far venire gli occhi lustri al vecchio Joe. Invece no, non stavolta. Da un comodino zeppo di libri, tutti lì ad attendere le mie stroncature, stavolta ho scelto qualcosa che sapevo mi avrebbe accontentata. Fa piacere sembrare buona, ma non fateci l’abitudine. È una condizione che non durerà.

 

Immaginatemi, complice la notte, allungare il braccio verso due pile di libri in precario equilibrio. Cielo di sabbia (Einaudi, 2011) mi si appiccica al palmo quasi sentisse arrivato il suo momento, forse perché io e Lansdale ce la intendiamo da tempo. L’ho conosciuto grazie al ciclo di Hap & Leonard – detective brutti e cattivi, detective per caso e per forza, un panorama di nani rabbiosi e prostitute buone come caramelle –, là i dialoghi sono frizzanti e scurrili, insomma sono il mio genere, io parlo così... ma non ditelo a mia madre.
Qui, invece, Lansdale dà prova di grande sensibilità: i protagonisti del libro, tre piccoletti che ci prestano gli occhi, parlano per l’età che hanno e, per quanto la storia sia narrata da Lansdale, che proprio un ragazzetto non è, il racconto non sembra artificioso. Merito di Lansdale, appunto. Un altro al posto suo sarebbe caduto nell’errore di raccontare una favola e il lupo ci avrebbe strappato un sorriso di scherno.

 

C’è anche il lupo? Ovviamente sì, più di uno, perché i tre ragazzini scappano dall’inferno di sabbia dell’Oklahoma per procurarsene uno nuovo: fuggono dal poco che rimane per correre incontro al niente. Scelta non facile! Per fortuna Jane – carina, furba e bugiarda – diventa mente e spirito – e spirito d’avventura – del terzetto. Sprona i compagni, li fa incappare in casini d’ogni genere e, in fondo, gli salva la vita

 

Torniamo un momento all’ambientazione, ché a Landsale i cataclismi piacciono un sacco.
Le tempeste di sabbia imperversano sull’Oklahoma e sommergono i campi coltivati e le speranze di chi ancora stringe i denti per non andarsene. Tenete presente che nei libri di Lansdale le condizioni climatiche avverse fanno sempre da spartiacque: c’è un prima e un dopo, e chi si salva tira fuori il meglio – o il peggio – di sé.
Se i grandi si abbandonano allo sconforto – rinunciano, si lasciando andare e soccombono –, i tre ragazzi preferiscono lottare contro tutto e tutti, rubando l’auto del vicino di casa – quell’antipatico che si è lasciato morire sul portico, inghiottito, insieme alla sedia a dondolo, dalla sabbia – per partire verso il Texas, o magari verso la California. Non importa dove, basta lasciarsi alle spalle la polvere che entra nelle case, s’insinua nei polmoni, asciuga i pozzi e fa crepare di sete. Via da lì, con pochi spiccioli e facendo grattare il cambio di quella macchina potente che la sabbia ha risparmiato.

Potrebbe sembrare il solito romanzetto on the road, con i buoni che scappano e i cattivi che inseguono. Qualcuno direbbe che l’idea già l’aveva avuta King quando scrisse The body (novella contenuta in Stagioni diverse, Sperling & Kupfer, 1987) – il film l’abbiamo visto tutti, è Stand by me – e in effetti anche qui la resurrezione arriva con una prova di coraggio. Solitamente non apprezzo né gli on the road né i romanzi di formazione – Cielo di sabbia è entrambe le cose –, che hanno il brutto vizio d’indossare l’abito della festa per nascondere un’autobiografia. Ma King e Lansdale, in questi meccanismi narrativi, ci sguazzano e Cielo di sabbia non cade mai nelle battute patetiche – è dura far ridere il lettore senza sembrare, ahimè, ridicoli – o nell’errore di raccontare i drammi di un’epoca con la mano pesante della saggistica.

I tre ragazzi di Cielo di sabbia smettono presto di scappare, decidono di darsi una meta e un compito ben preciso: salvare la vita di quel tale, quel rapinatore di banche che i “colleghi” inseguono per strappargli il bottino. Così, dopo aver dovuto cedere ai brutti ceffi – armati e senza scrupoli – l’auto su cui viaggiano, dopo essere stati legati come salami e aver riconquistato faticosamente la libertà, memori dei propositi di vendetta dei due rapinatori, partono alla ricerca del terzo. Lui, il traditore della banda, un padre che si è messo pericolosamente in gioco per il bene della figlia. Lui sembra essere un buon diavolo, il cavaliere errante da difendere. È un ladro, è vero, ma ha svaligiato una banca per una nobile causa. Da qualche parte si annida un cuore generoso, uno capace di mettersi con brutti ceffi per salvare la propria figlioletta. Così sembra, così deve essere, perché non possono esistere soltanto i lupi cattivi, e i ragazzi lo sanno, o almeno se lo augurano. 

Ecco perché loro, tirati su a cinghiate da genitori che non hanno saputo opporsi a un fato avverso, devono salvare la vita a quel tale. Devono farlo, perché avere un piano li terrà lontani dal baratro della resa. Ce la faranno, nonostante il mondo non sia diviso in bianco o nero e quel “ladro buono” non assomigli poi molto al Robin Hood che i ragazzini immaginano, eppure in quel grigio – e in quel grigiore – c’è ancora spazio per diventare adulti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.