Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

«Ciao, come va?»: ecco come risponderebbero i personaggi famosi

Come staiQuante volte ci capita di salutare qualcuno con un «Ciao, come va?». Le risposte, di solito, sono simili, quasi sempre banali. In ogni caso la domanda, pleonastica, nella gran parte dei casi ci serve solo per “rompere il ghiaccio”, giusto per “attaccar bottone”. Ma avete mai provato a immaginare come avrebbero risposto a un «come va?» alcuni personaggi famosi?

È un gioco che hanno portato avanti Umberto Eco e alcuni amici qualche anno fa, e riportato dallo stesso Eco tra le pagine del suo Secondo diario minimo (precisamente le pagg. dalla 288 alla 290 dell’edizione I grandi tascabili Bompiani, Milano 1994). Scopriamo così che Icaro avrebbe detto «Uno schianto», Proserpina rendendoci partecipi del fatto che «Mi sento giù», mentre Prometeo magari avrebbe ammesso che «Mi rode...».

Gli esempi riportati da Eco sono decine, alcuni divertentissimi. Ogni battuta richiama aneddoti, curiosità, opere o frasi famose di personaggi (storici o letterari), così una risposta a un banale «come va?» in tal modo rivela sintesi esasperatamente eloquenti di vite, miti e opere. Edipo, ad esempio, potrebbe rispondervi che «La mamma è contenta». Damocle con un saggio «Potrebbe andar peggio». Priapo con un laconico «Cazzi miei», mentre Ulisse potrebbe dirvi che «Siamo a cavallo». E se Eraclito dice «Va, va...», Parmenide invece risponde «Non va», mentre per Pitagora «Tutto quadra» e per Ippocrate «Finché c'è la salute...».

Il gioco continua, strappando sorrisi, e potrebbe probabilmente andare avanti all’infinito anche con personaggi moderni. Soprattutto adesso, nell’epoca di social network come Twitter, nella quale ben figurerebbero un Muzio Scevola che sbotta con un «Se solo mi dessero una mano...», un Dante che twitta: «Sono al settimo cielo» mentre Leopardi si sarebbe limitato a ribattere: «Sfotte?», che va già un po’ meglio della risposta di Kafka: «Mi sento un verme». L’esatto contrario di Sotheby, che risponderebbe: «D'incanto».

Ora che van di moda i selfie anche spudorati sicuramente Onan ne avrebbe pubblicato uno commentando «Mi accontento»", a differenza di un Casanova che più signorilmente avrebbe accompagnato un sorriso sornione con un... «Vengo», mentre Serena Grandi avrebbe aggiunto un malizioso «Ho un peso sul cuore» che avrebbe forse attirato l’attenzione di D'Annunzio: «Va che è un piacere», mentre avrebbe giocato sugli spazi Ungaretti: «Bene (a capo) grazie».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Poco sarebbe cambiato qualche anno fa, quando ancora usavamo solo Sms con caratteri limitati. Ad un «come va?» messaggiato da un amico Cartesio avrebbe risposto di sicuro con un «Bene, penso», Galileo con un «Gira bene», mentre Vico si sarebbe limitato a un «Va e viene». E se per Foscolo la risposta ideale sarebbe stata «Dopo morto, meglio», di contro Manzoni avrebbe detto «Grazie a Dio, bene», giusto l’opposto di Sacher-Masoch: «Grazie a Dio, male» e, parzialmente, da Sade: «A me bene». Più difficile per D'Alambert e Diderot, perché «Non si può dire in due parole» o carpire qualcosa da un Paganini che risponde «L'ho già detto», nessun problema invece per Darwin: «Ci si adatta».

A un Orlando che frettolosamente direbbe «Scusi, vado di furia» farebbe da contrasto un più pacato Einstein: «Rispetto a chi?», mentre per Stakanov: «Non vedo l'ora che arrivi ferragosto...», probabilmente in accordo con la sig.ra Riello: «Sono stufa!».

Il gioco, come dicevamo, potrebbe continuare all’infinito. Se avete voglia di provare dare pure sfogo alla vostra fantasia qui nei commenti. E già che ci siamo, a voi come va?

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Io dico: "Si va avanti" Come a dire, malgrado tutto, si va avanti.
Ciao
Diana Nigro

Un giorno bene, un giorno meglio, lo sai :)

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.