In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Ci sarà mai uno Stato Palestinese?

Stato palestineseNella geopolitica mondiale, quella che non annovera ancora uno Stato Palestinese, Israele rappresenta un’anomalia post-bellica, unica e senza precedenti nella storia. Uno Stato concentrato, fortemente concentrato, sorto sulla scorta della tragedia, dell’esclusione, della morte e del dolore. Questa unicità si rivela a ogni esplosione conflittuale, ogni volta che si riaffaccia la violenza nell’area. In un Mediterraneo destabilizzato dalle rivoluzioni maghrebine fino ad oggi, Israele non pare rappresentare un elemento di coesione, ma una specie di spina nel fianco, di nemico interno ad un mondo arabo solo apparentemente omogeneo. Dall’altra parte, la mossa poco efficace dell’ANP di andare al governo con Hamas ha rappresentato un ulteriore elemento di crisi, di conflitto e di rinvio del riconoscimento dello Stato Palestinese.

Ci sarà mai uno Stato Palestinese? A guardar bene, e più in profondità, Hamas è strumentale a questo rinvio sine die, a questo appuntamento con la storia costantemente mancato. Pare che ogni passo verso la costruzione di un’autorità statale riconosciuta internazionalmente debba essere ostacolata dal ripristino della legge della violenza. Ad approfittarne, tutti coloro che non desiderano uno Stato Palestinese, che non vogliono un organismo vivo su un fronte di guerra che forse mai si trasformerà in una frontiera di pace. E così, di attacco in attacco, di missile in bombardamento, a farne le spese, sempre e sempre, sono i civili inermi. Bambini, soprattutto, che dovrebbero rappresentare il futuro e l’avvenire, smorzati nella loro esistenza già scarna e concentrata nei territori occupati.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Bambini estirpati dalla vita e consegnati al novero freddo delle vittime. Sono retorici e quasi inutili i richiami a deporre le armi, gl’inviti a far tacere gli obici, dal momento che i due contendenti preferiscono vivere e far vivere nel terrore e nella paura i propri quanto gli altrui cittadini. È una mortale partita a scacchi, un gioco di guerra tutto giocato sulla tattica, in assenza di un’accettabile strategia di pace e nell’impossibilità occidentale di porsi da mediatore tra uno Stato anomalo e uno Stato inesistente. A conti fatti si celebra una guerra tra vivi fantasmi e potenti simulacri di democrazia: non vincerà nessuno, ma moriranno in troppi prima che veda la luce uno Stato Palestinese.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.6 (10 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.