In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Ci possono salvare solo le radici. Intervista a Séverine Gauthier

Ci possono salvare solo le radici. Intervista a Séverine GauthierTRENTO – Séverine Gauthier e Amélie Fléchais si sono aggiudicate con L’Uomo Montagna (Tunuè) il premio Itas del libro di montagna nella sezione migliore opera narrativa per ragazzi. L’opera, che è la prima graphic novel a ricevere il Premio Itas, è stata apprezzata dalla giuria presieduta da Enrico Brizzi per la bellezza dei disegni e per la poeticità del racconto. Si tratta di un fumetto fortemente simbolico e costruito con molteplici livelli di lettura. La storia mostra sin dalle prime pagine – hanno spiegato i giurati – l’addio che si consuma tra un nipote e un nonno, un lungo arrivederci che diventa anche invito a intraprendere un viaggio per ritrovarsi ancora. A Trento, in occasione della premiazione, abbiamo avuto modo di intervistare Séverine Gauthier e farci raccontare i retroscena di quest’opera tanto singolare.

 

Cominciamo dalle radici, il cuore del fumetto. Ci possono salvare solo le radici, spiega l’albero al giovane protagonista. Come possiamo trovare le nostre radici e come lei ha trovato le sue?

Sinceramente credo di non aver ancora trovato le mie radici, però quando ho adottato la mia bambina in Etiopia ho cercato di trovare un modo per incrociare le sue radici etiopi e le mie che sono francesi. In quel momento ho cominciato a pensare al significato delle radici e sono arrivata alla conclusione che sono quel luogo che possiamo chiamare casa, quel luogo dove possiamo sempre ritornare. Per quanto riguarda la mia opera, le radici sono le montagne, le montagne del nonno. Il bambino può incontrare le proprie radici aggrappandosi alle sue spalle.

Ci possono salvare solo le radici. Intervista a Séverine Gauthier

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

I bambini non si accontentano mai delle vie di mezzo. Cercano sempre il vento più forte, la montagna più alta, come scrive nel libro. Non è una lezione pericolosa che stiamo dando loro?

No, secondo me i bambini devono sempre cercare il vento più forte e la montagna più alta, come fa il bambino nel mio libro per aiutare il nonno nel suo ultimo viaggio. Sappiamo che i bambini devono imparare a gestire il rischio. Non pretendo che scalino fisicamente le montagne, ma che sappiano affrontare quelle difficoltà che la vita ci pone tanto spesso davanti e che nel fumetto sono rappresentate dalle montagne. I bambini devono essere in grado di scalare queste montagne per poter imparare a superare ogni difficoltà e ostacolo.

Ci possono salvare solo le radici. Intervista a Séverine Gauthier

I suoi personaggi, però, portano le montagne sulle spalle.

Sì, perché ogni volta che vincono una sfida e riescono a superare una difficoltà aggiungono una montagna al fardello che portano sulle spalle. I bambini devono trovare la forza per superare le sfide. Naturalmente le montagne rappresentano il peso che ci si porta sulle spalle. Il nonno simboleggia la natura, con le montagne sulla testa e le lacrime come il mare salato. Quando il fardello diventa troppo pesante, poi, vuol dire che si è giunti alla fine.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

Ci possono salvare solo le radici. Intervista a Séverine Gauthier

Importante è raccontare i viaggi, anche se serve tempo, scrive nel libro, omaggiando il potere delle parole. L’avventura, per trovare il suo compimento, ha bisogno di essere raccontata?

Sì, ed è per questa ragione che il bambino nella storia non riesce a capire perché non possa affrontare l’ultimo viaggio con il nonno. Per me è importante condividere le storie, perché le storie devono passare da una generazione a un’altra, perché vengano ricordate di padre in figlio, in modo che siano chiare le radici.

 

Speriamo allora di trovare queste nostre radici.

Certo, le troveremo. Ne sono certa. Basta continuare a scalare le montagne.


Leggi tutte le nostre interviste a scrittori e scrittrici.

Per la prima foto, copyright: Matt Thomason.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.