In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Chiude l’Alexanderplatz, lo storico locale jazz romano

AlexanderplatzL’Alexanderplatz, lo storico locale jazz romano a due passi dal Vaticano, è stato chiuso l’8 luglio scorso dall’ufficiale giudiziario in seguito a uno sfratto moroso. Sono passati trent’anni di ininterrotta programmazione da quel lontano 18 maggio 1984, anno in cui si inaugurò l’Alexanderplatz con il primo concerto jazz. Grazie all’amore per la musica di Giampiero Rubei e del figlio Eugenio, oggi direttore artistico, hanno suonato su quel palco nomi illustri del calibro di Chet Baker e Michel Petrucciani. Il locale, inoltre, è stato il trampolino di lancio per Marcello Rosa, Biseo, Pieranunzi, Gatto, Bollani, Giuliani, Boltro, Di Battista, Piana e tanti altri. Gli artisti che vi si sono esibiti hanno lasciato le loro firme sulle pareti del locale.

«Stiamo cercando degli aiuti per aprire una scuola di musica dentro l’Alexanderplatz, basterebbe un contributo minimo (poche migliaia di euro) del Comune per evitare la chiusura definitiva», ha spiegato Eugenio Rubei, lanciando un appello al Comune di Roma. La data ultima per trovare una soluzione è quella del 28 luglio.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Ci auguriamo che l’appello trovi una risposta da parte delle istituzioni culturali: è a rischio il mondo jazz della Capitale. La Casa del Jazz, gestita negli ultimi tempi da Giampiero Rubei, è attualmente stata data in appalto agli organizzatori della Festa dell’Unità democratica e la rassegna di Villa Celimontana quest’anno non è entrata in graduatoria per ricevere i fondi del Comune di Roma.

La grande bellezza della Città Eterna sfiorisce nel degrado del patrimonio archeologico. Chiudono i musei; si smantella Cinecittà che una volta dava lavoro a 250mila persone; i teatri sono in via di estinzione. L’Alexanderplatz rischia di fare una fine altrettanto indecorosa.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.