Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Chi ha dipinto il primo quadro astratto?

Chi ha dipinto il primo quadro astratto_Kandinskij, Senza titolo, 1910Molti sono gli artisti contemporanei che hanno scelto di dedicarsi all’astrattismo, e molti di questi hanno prodotto solo opere astratte. Ma chi fu il primo a dipingere un quadro astratto?

In genere i manuali di storia dell’arte indicano in Vasilij Kandinskij il fondatore dell’astrattismo in pittura. E difatti il suo primo acquerello astratto risale al 1910 (è quello rappresentato nella prima foto). Ma come scrive Abigail Cain su Artsy, «anche se Kandinskij è oggi considerato il padre della pittura astratta, non fu affatto l’unico a giocare un ruolo importante nello sviluppo della pittura non rappresentativa» sebbene «la sua opera Komposition V abbia richiamato l’interesse del pubblico sulla pittura astratta».

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Esposta per la prima volta a Monaco nel dicembre del 1911, «quest’opera monumentale era a mala pena rappresentativa» e fu anche «il primo lavoro a essere messo in mostra», ispirando il mondo dell’arte non solo a prendere sul serio l’astrattismo ma a vederlo anche come la forma artistica del futuro.

 

LEGGI ANCHE – Vasilij Kandinskij e le tre responsabilità dell’artista

Chi ha dipinto il primo quadro astratto_Kandinskij, Komposition V, 1911

Kandinskij, ispirato alla Teoria dei colori di Goethe, aveva dedicato all’argomento dell’astrattismo anche molte riflessioni teoriche, a partire dalla pubblicazione di un manifesto alcuni anni prima e in cui offriva una definizione dell’arte astratta. Il titolo dell’opera è Sullo spirituale nell’arte e riecheggia Hilma af Klint, una pittrice che può essere considerata come la prima artista astratta.

 

LEGGI ANCHE – Le astratte illustrazioni di Goethe

 

«Af Klint, che era nata a Stoccolma, mostrò un precoce interesse verso la natura, la matematica e l’arte, e iniziò a studiare presso l’Accademia reale svedese nel 1882», scrive Natalia Rachlin sul «New York Times». Subito dopo aver concluso gli studi, Hilma divenne famosa come paesaggista e ritrattista, ma nello stesso tempo «continuò a seguire un altro interesse privato: aveva iniziato a mostrare un interesse nell’occulto e a prendere parte a sedute spiritiche già verso il 1879, all’età di 17 anni».

Chi ha dipinto il primo quadro astratto_Hilma af Klint, Svanen, 1915

«La sua curiosità verso il regno spirituale si tramutò presto in un interesse verso lo spiritismo, la teosofia e l’antroprosofia» e durante una seduta spiritica ascoltò uno spirito che le disse di «fare quadri che avrebbero dovuto rappresentare gli aspetti immortali dell’uomo. Questo fu il punto di svolta nella produzione di af Klint: dal naturalistico all’astratto, dalle raffigurazioni della realtà fisica all’espressione dell’invisibile».

Dipinse dunque i 193 Quadri astratti per il Tempio. Le mostre delle sue opere tradizionali proseguirono, ma lei tenne il resto privato, e nel suo testamento «chiese persino che i suoi quadri astratti non fossero mostrati in pubblico se non dopo almeno venti anni dalla sua morte, perché il pubblico non era ancora in grado di capire il suo lavoro».

Chi ha dipinto il primo quadro astratto_Hilma af Klint, ‘Staggering’_The Ten Largest, Youth, 1907

Sia Kandinskij che af Klint sembrano essere i candidati più plausibili al ruolo di primo pittore astratto, ma non sono i soli.

Abigail Cain menziona anche il pittore di origine ceca František Kupka o il suo collega nell’avanguardia francese Francis Picabia, il cui acquerello del 1909 Cautchouc precede le opere astratte di Kandiskij, inclusi i suoi lavori teorici. Inoltre, alcuni critici hanno notato che «l’opera richiama ancora qualche sembianza della forma, che ricorda un bouquet di fiori».

Chi ha dipinto il primo quadro astratto_Francis Picabia, Caoutchouc, 1909

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Tali questioni di purezza, innovazione e originalità complicano ulteriormente la faccenda, anche se la ricostruzione offerta con quest’articolo dovrebbe aiutare a definire chi sono stati gli artisti ad aver dato avvio all’astrattismo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.