Corso online di editing

Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Cervelli in fuga, anche dalla cultura umanistica

Studi umanisticiChe sia a causa della crisi economica o per il miraggio della tecnica e dell’informatica, le statistiche parlano chiaro: gli studi umanistici sono in crisi. Il calo di iscritti, negli ultimi anni, nei percorsi di studio universitari, è stato costante un po’ in tutto il mondo cosiddetto “sviluppato”, tanto che qualche governo è pure corso ai ripari. E poco contano gli strali dei filosofi, come l’americana Marta Nussbaum, che nel suo Non per profitto. Perché le democrazie hanno bisogno della cultura umanistica (Il Mulino), tenta di convincere gli studenti che la formazione dovrà essere sempre meno utilitaristica e più disinteressata. Fatto sta che poi, almeno per il sentore comune, a trovar più facilmente lavoro son sempre gli altri.

Così stando agli ultimi dati del Miur, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in Italia nell’ultimo anno le facoltà a indirizzo umanistico hanno visto scendere di quasi 100mila unità gli iscritti, dai 400mila studenti del periodo 2000/2011, ai 308mila attuali. Mentre crescono facoltà di ambito sanitario e scientifico. E come l’Italia vanno la Germania, la Francia, l’Inghilterra e la Spagna.

E non va meglio al di là dell’oceano. Un recente articolo pubblicato dal quotidiano «La Stampa», cita i casi di università prestigiose che hanno visto un crollo degli iscritti ai corsi di scienze umane e scienze sociali. A Stanford, ad esempio, dove il 45% dei docenti dei primi quattro anni di studio è impiegato in dipartimenti di studi umanistici, la percentuale di studenti sfiora appena il 15%. La colpa, almeno a quel che si legge, sarebbe tutta della crisi, col perdurare della quale i giovani tenderebbero a vedere la formazione universitaria sempre più legata a una professione tendendo a seguire percorsi di formazione incentrati sui settori dove l’offerta di lavoro è maggiore, e magari anche meglio remunerata

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Lo stesso fenomeno di Stanford si registra ad Harvard, ad esempio, dove il calo nei piani di studio umanistici è stato del 20%. O alla Edinboro University della Pennsylvania, che ha annunciato la chiusura dei suoi programmi di tedesco, filosofia, lingue e letterature straniere. E a Princeton, costretta ad avviare programmi speciali per incentivare le iscrizioni agli studi umanistici.

Attenzione, non è detto che tutto ciò sia una male. Non fosse altro che per il buon vecchio adagio del “meglio pochi ma buoni”. Ma se altrove qualcosa si muove, come in qualche università americana o come in Francia, dove il governo Hollande, qualche mese fa, ha dichiarato di voler rilanciare gli studi umanistici, l’Italia, come sempre, prova ad andare contro corrente. Poche le iniziative tanto che paiono lasciate al caso o alla libera iniziativa. Ma in un Paese che ha avuto per anni un ministro dell’Economia (leggi Giulio Tremonti) convinto che “con la cultura non si mangia”, anche su questo c’è poco da stupirsi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.