I 10 contratti editoriali più ricchi del mondo

 10 libri proibiti e censurati nel mondo

I 10 scrittori più sexy del mondo

"Qualcosa", la fiaba per tutti di Chiara Gamberale

Cento libri da leggere assolutamente nella vita, una classifica da divorare

Libri da leggere assolutamente nella vitaCento libri da leggere assolutamente? Vi sembra azzardato? Quali sono i 100 libri da leggere almeno una volta nella vita? Non è facile dare una risposta a una domanda così semplice solo in apparenza, perché, per quanto gli esordienti trovino difficoltà a imporsi nel complesso mercato editoriale, in tutto il mondo vengono pubblicati annualmente migliaia e migliaia di libri; quali criteri bisognerebbe perciò seguire per proporre una lista che sia verosimile e abbracci la produzione principale dei Paesi culturalmente più rilevanti?

La redazione della BBC ha risolto la questione nel 2003, proponendo una classifica solo dopo aver chiesto ai suoi lettori di comunicare il proprio libro preferito: sono arrivati all’epoca ben 750mila voti, che hanno decretato la vittoria del ciclo Il Signore degli Anelli di JRR Tolkien su Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen; due titoli che, pur essendo stati scelti dal lettore (piuttosto influenzabile – come si sa – dal marketing e da molte altre variabili), non hanno niente da invidiare al resto dei libri presenti nella classifica.

Che ci risulti, da allora non è mai stato fatto un sondaggio che abbia avuto così tanto riscontro presso il pubblico – così come non sono state ancora aggiornate le classifiche dei libri più letti e più venduti al mondo –; ecco perché non potevamo mancare di condividere con voi la seguente lista dei cento libri da leggere almeno una volta della vita:

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

  1. The Lord of the Rings, JRR Tolkien
  2. Pride and Prejudice, Jane Austen
  3. His Dark Materials, Philip Pullman
  4. The Hitchhiker's Guide to the Galaxy, Douglas Adams
  5. Harry Potter and the Goblet of Fire, JK Rowling
  6. To Kill a Mockingbird, Harper Lee
  7. Winnie the Pooh, AA Milne
  8. Nineteen Eighty-Four, George Orwell
  9. The Lion, the Witch and the Wardrobe, CS Lewis
  10. Jane Eyre, Charlotte Brontë
  11. Catch-22, Joseph Heller
  12. Wuthering Heights, Emily Brontë
  13. Birdsong, Sebastian Faulks
  14. Rebecca, Daphne du Maurier
  15. The Catcher in the Rye, JD Salinger
  16. The Wind in the Willows, Kenneth Grahame
  17. Great Expectations, Charles Dickens
  18. Little Women, Louisa May Alcott
  19. Captain Corelli's Mandolin, Louis de Bernieres
  20. War and Peace, Leo Tolstoy
  21. Gone with the Wind, Margaret Mitchell
  22. Harry Potter And The Philosopher's Stone, JK Rowling
  23. Harry Potter And The Chamber Of Secrets, JK Rowling
  24. Harry Potter And The Prisoner Of Azkaban, JK Rowling
  25. The Hobbit, JRR Tolkien
  26. Tess Of The D'Urbervilles, Thomas Hardy
  27. Middlemarch, George Eliot
  28. A Prayer For Owen Meany, John Irving
  29. The Grapes Of Wrath, John Steinbeck
  30. Alice's Adventures In Wonderland, Lewis Carroll
  31. The Story Of Tracy Beaker, Jacqueline Wilson
  32. One Hundred Years Of Solitude, Gabriel García Márquez
  33. The Pillars Of The Earth, Ken Follett
  34. David Copperfield, Charles Dickens
  35. Charlie And The Chocolate Factory, Roald Dahl
  36. Treasure Island, Robert Louis Stevenson
  37. A Town Like Alice, Nevil Shute
  38. Persuasion, Jane Austen
  39. Dune, Frank Herbert
  40. Emma, Jane Austen
  41. Anne Of Green Gables, LM Montgomery
  42. Watership Down, Richard Adams
  43. The Great Gatsby, F Scott Fitzgerald
  44. The Count Of Monte Cristo, Alexandre Dumas
  45. Brideshead Revisited, Evelyn Waugh
  46. Animal Farm, George Orwell
  47. A Christmas Carol, Charles Dickens
  48. Far From The Madding Crowd, Thomas Hardy
  49. Goodnight Mister Tom, Michelle Magorian
  50. The Shell Seekers, Rosamunde Pilcher
  51. The Secret Garden, Frances Hodgson Burnett
  52. Of Mice And Men, John Steinbeck
  53. The Stand, Stephen King
  54. Anna Karenina, Leo Tolstoy
  55. A Suitable Boy, Vikram Seth
  56. The BFG, Roald Dahl
  57. Swallows And Amazons, Arthur Ransome
  58. Black Beauty, Anna Sewell
  59. Artemis Fowl, Eoin Colfer
  60. Crime And Punishment, Fyodor Dostoyevsky
  61. Noughts And Crosses, Malorie Blackman
  62. Memoirs Of A Geisha, Arthur Golden
  63. A Tale Of Two Cities, Charles Dickens
  64. The Thorn Birds, Colleen McCollough
  65. Mort, Terry Pratchett
  66. The Magic Faraway Tree, Enid Blyton
  67. The Magus, John Fowles
  68. Good Omens, Terry Pratchett and Neil Gaiman
  69. Guards! Guards!, Terry Pratchett
  70. Lord Of The Flies, William Golding
  71. Perfume, Patrick Süskind
  72. The Ragged Trousered Philanthropists, Robert Tressell
  73. Night Watch, Terry Pratchett
  74. Matilda, Roald Dahl
  75. Bridget Jones's Diary, Helen Fielding
  76. The Secret History, Donna Tartt
  77. The Woman In White, Wilkie Collins
  78. Ulysses, James Joyce
  79. Bleak House, Charles Dickens
  80. Double Act, Jacqueline Wilson
  81. The Twits, Roald Dahl
  82. I Capture The Castle, Dodie Smith
  83. Holes, Louis Sachar
  84. Gormenghast, Mervyn Peake
  85. The God Of Small Things, Arundhati Roy
  86. Vicky Angel, Jacqueline Wilson
  87. Brave New World, Aldous Huxley
  88. Cold Comfort Farm, Stella Gibbons
  89. Magician, Raymond E Feist
  90. On The Road, Jack Kerouac
  91. The Godfather, Mario Puzo
  92. The Clan Of The Cave Bear, Jean M Auel
  93. The Colour Of Magic, Terry Pratchett
  94. The Alchemist, Paulo Coelho
  95. Katherine, Anya Seton
  96. Kane And Abel, Jeffrey Archer
  97. Love In The Time Of Cholera, Gabriel García Márquez
  98. Girls In Love, Jacqueline Wilson
  99. The Princess Diaries, Meg Cabot
  100. Midnight's Children, Salman Rushdie

Come vedete, si tratta di una classifica molto ben fornita, in cui nessun libro appare fuori luogo; siamo in presenza, per di più, della vera lista di libri da leggere stilata dalla BBC dopo il sondaggio: su Facebook, infatti, diverso tempo fa circolò una classifica piuttosto diversa, che, tra l’altro, attribuiva alla redazione anche una statistica falsa (e cioè che, in media, solo sei dei libri proposti fossero stati letti dai più esperti).
Per curiosità, quali libri avete letto di questi cento e quali di quelli che non sono presenti, invece, consigliereste a un lettore alle prime armi? In definitiva, assolutamente o no i cento libri da leggere nella vita?

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.5 (19 voti)
Tag:

Commenti

Nessuno, diamine, non c'è neanche un titolo italiano. Questa è inculturazione. Non si possono leggere solo titoli inglesi o americani e tradotti.
Allora metteteci anche:
Quer pasticciaccio brutto de Via Merulana e/o La cognizione del Dolore
I Promessi Sposi
Il partigiano Johnny
Il nome della Rosa
Pinocchio
Ragazzi di vita
L'isola di Arturo
La certosa di Parma
I Buddenbrok
Il Conte di Montecristo
Don Chisciotte.
Non mi pare che i libri di Harry Potter per quanto carini - a volte anche noiosi - siano libri da dover leggere per forza.
Bridget Jones... ma fatemi il piacere... letteratura? Libro da leggere necessariamente? Ma li avete mai letti i libri di Helen Fielding? Il niente. Allora mettiamoci anche Fabiovolo e Moccia.
E giusto perché dovevano riempire 100 posti in inglese, perché voglio vedere chi è che si è mai letto l' Ulysses. Allora è più comprensibile Gita al Faro o Le onde, che non è il romanzo più facile di Virgina Woolf.
Inculturazione pura. Difendiamoci.

tra i top 100 non ho trovato il testo di auto aiuto patrocinato club UNESCO intitolato "il Manuale pratico del benessere" edito da Ipertesto di Verona.
Forse se si presentavano i top 101....
Non so comunque se tale Manuale risulterà ancora nel gennaio 2014 tra quelli più richiesti tramite i canali del web (non solo nelle librerie territoriali italiane), anche nella sua recente seconda edizione (stesso Editore), se non altro per vedere i risultati dei 13 test psicologici allegati al manuale, fruire dei consigli pratici per stare meglio (anche nel 2014), verificare il livello del proprio benessere con esercizi domestici quoptidiani e cimentarsi nei 42 questionari di autovalutazione proposti nelle quasi 600 pagine del Manuale

Ho letto alcuni titoli della lista con piacere ed alcuni prevedo di leggerli nel prossimo futuro. Sono però d'accordo con "Anonimo" e sorpresa dal fatto che la lista non includa titoli italiani quali:
I promessi sposi,
Il nome della Rosa
Pinocchio
L'isola di Arturo
Il Conte di Montecristo
Don Chisciotte
ai quali aggiungerei anche:
Cuore
Il pendolo di Foucault
Il fu Mattia Pascal
Uno nessuno centomila
Sessanta racconti e tanti altri che meriterebbero il posto di alcuni libri tipo gli Harry Potter (belli ma leggeri) e il diario di Bridget Jones (errore di battitura?).
Per tornare agli esteri, mi volete dire che fra tutti i libri di Stephen King solo "L'ombra dello scorpione" merita di essere nella classifica? E "La collina dei conigli"? La buttiamo dalla finestra? Che tristezza...

Non per essere pignola, ma hai definito italiani "Il conte di Montecristo" e "Don Chisciotte". :)

"Belli ma leggeri" secondo te quindi un buon libro deve essere "pesante"? Mi dispiace per te e per tutte le persone che non hanno capito cosa trovare in Harry Potter, ammesso che tu li abbia letti, se invece li hai letti... Vuol dire che parli a vanvera (come effettivamente dimostra il commento di anna XD). Che leggi a fare libri filosofici se poi non li capisci? In HP c'è tanto, non solo di letteratura, ma di pedagogia, sociologia, filosofia, storia, ecc ecc, di solito chi critica quest'opera o non l'ha letta, o ha un deficit cognitivo =)

Condivido l'osservazione sui libri di Harry Potter e sulla "pesantezza"... Probabilmente Bridget Jones potevano risparmiarlo ed aggiungere altri, tra cui italiani ma non solo, comunque é ovvio che ce ne sono molti di piú, personalmente metterei almeno Otello ma non mi sentirei di escludere neppure Mille splenditi soli....così, per dirne due.....

Aggiungerei "Il maestro e margherita" di Bulgakov, e toglierei decisamente "Il diario di Bridget Jones"... Senza offesa, ma non credo rientri in questo genere di lista, per quanto possa risultare simpatico. :)

Ho letto molti dei titoli della lista ! E anche della lista 2! Cmq è vero che "Il diario di Bridget Jones" anche se molto divertente non dovrebbe essere in questo genere di lista! Ah i Buddenbrok è di Thomas Mann, autore tedesco!

A proposito della “lista 2” : a dire il vero... anche “La certosa di Parma” non è un libro italiano, né Stendhal è un autore italiano.

Se ho contato bene: nessun titolo italiano, nessun titolo prima del 1800, nessuno spagnolo (un elenco di romanzi che non include il Don Chisciotte è squalificato in partenza), nessun giapponese, nessun cinese, un (!!!) francese di seconda/terza categoria (è Dumas col Conte di Montecristo (n.44), che sembra sfuggito a due precedenti commenti), un (!) tedesco di terza categoria, due russi (dovendone scegliere solo due, almeno sono ben scelti): conseguentemente, questo è un elenco provinciale fatto con paraocchi anglo-americani. Ma c'è di più: 42 libri sono classificati da Wikipedia come libri per bambini, 5 per giovani adulti, il che rende il peso della lista assai leggero e sembra indicare che il popolo inglese in media smette di leggere a meno di venti anni. Aggiungo che secondo me solo un pazzo può dire che tutti devono assolutamente leggere il n.70 o il n.78 - ma questi due almeno fanno da contrappeso alla fatuità dell'insieme.
La classifica sarebbe probabilmente più sensata se fosse fatta per autore, non per romanzo. Così ci toglieremmo dai piedi - per esempio - almeno quattro Terry Pratchett e tre JK Rowling: un posto per uno/a (secondo me) dovrebbe essere più che sufficiente. In tal caso avremmo sette posti in cui collocare Alain-Fournier, un tale Alighieri (La Vita Nuova - spero di essere perdonato se la classifico come romanzo), Apuleio, Bacchelli, Balzac (!), Beecher-Stowe, Bulgakov. E sono solo arrivato a completare la lettera B del (mio) elenco dei massimi romanzieri. Mah!

Mi scuso, solo 31 opere sono identificabili come letteratura govanile se non infantile. Altri libri , soprattutto i classici, sono oggi letti da giovani. Non la metà, ma un terzo degli Inglesi sembrano smettere di leggere prima dei vent'anni. In quanto ai russi, gli autori sono due, ma i titoli sono tre.

Mancano Celine, Proust, Bukowski, Hemingway, manca il Tamburo di latta, mentre in effetti sono presenti titoli quantomeno imbarazzanti...

Proposta di lettura: perché non iniziare dall'articolo che stiamo commentando?
Tre passi potrebbero risultare illuminanti:

1. | «Quali sono i cento libri da leggere assolutamente almeno una volta nella vita?»

questa è una domanda che molti amanti dei libri e della lettura si pongono spesso e che altrettanti lettori vorrebbero sentirsi rivolgere almeno una volta nella vita (magari più per vanità che per competenze specifiche).

2. | «La redazione della BBC ha risolto la questione nel 2003, proponendo una classifica solo dopo aver chiesto ai suoi lettori di comunicare il proprio libro preferito: [...]»

sembrerebbe che... la lista in esame (quella poi riproposta) sia il risultato di una indagine effettuata dalla BBC e rivolta ai suoi “lettori”: ma la BBC non è il corrispettivo anglosassone della RAI? Non avrà forse interpellato i suoi spettatori radio/televisivi? [cfr. ] In ogni caso gli interpellati hanno risposto in inglese (parlano per lo più in inglese, sono probabilmente inglesi, leggono in inglese, avranno fatto le scuole da qualche parte dove si studia letteratura inglese... insomma, sono un campione inglese).

3. | «Che ci risulti, da allora non è mai stato fatto un sondaggio che abbia avuto così tanto riscontro presso il pubblico – così come non sono state ancora aggiornate le classifiche dei libri più letti e più venduti al mondo –; ecco perché non potevamo mancare di condividere con voi la seguente lista dei libri da leggere almeno una volta della vita».

E se 1 + 2 + 3 fa qualcosa che abbia senso, a noi lettori di questo articolo (e commentatori della lista), che probabilmente parliamo, leggiamo e siamo italiani (in qualche modo), dovrebbe venire in mente: 1. che i “lettori” della BBC non sono forti lettori di Dante e compagnia; 2. che la letteratura italiana non è masticata nel Regno Unito (e provincia) nella stessa quantità e con le stesse modalità con cui in Italia consumiamo traduzioni; 3. che diversi dei titoli presenti nell'elenco sono decisamente poco necessari a vivere una buona vita (in qualsiasi lingua la si voglia declinare).

cordiali saluti ai lettori

ps. io comunque ho totalizzato 6 su 100 e non ho problemi né di Orgoglio né di Pregiudizio.

Dai, impossibile..
Dove è la Woolf? E Dante? E la Fallaci?? Manzoni?
Non so con quale coraggio stilano questa classifica lasciando fuori il Paese che ha fatto LA cultura. Ma dai! Queste cose mi indignano.
Lasciati fuori i nomi del Paese che, mentre l America mangiava ancora con le mani, mangiava utilizzando le forchette. Bah.

ne cito alcuni che mi sono sfuggiti nella lista ma sono tra i miei preferiti:
"il maestro e Margherita" di Bulgakov,
"Mattatoio n.5" e "Galapagos" di Kurt Vonnegut,
"Chiedi alla polvere" di John Fante
"In Patagonia" di Bruce Chatwin
"Medicus" di Noah Gordon
"Il quinto giorno" di Frank Schätzing
"Le lacrime della giraffa" di Alexander McCall Smith
"Non buttiamoci giù" di Nick Hornby
"Zia Mame" di Patrick Dennis
"La versione di Barney" di Mordecai Richler
Sicuramente ce ne sono molti altri, cento non bastano!!!!!

dimenticavo "La coscienza di Zeno", il "Barone Rampante", "Marcovaldo"...
Della lista ne ho letti 12, ma mio figlio (10 anni) un po' di più.

Il buio oltre la siepe al sesto posto? Ci sono altri mille libri prima e tutti italiani

Non per dire, ma Dostojevsky dove lo mettiamo? non va più di moda? E Goethe? cancellato dal tempo?
mah....

Si infatti....

e Verga dove lo lasciamo????????'

Quello che veramente sconcerta è che i lettori inglesi/americani non mettano neanche un titolo di Hemingway tra i primi 100.

di questa lista ho letto:
guida galattica, alice nel paese delle meraviglie, uomini e topi, l'isola del tesoro, delitto e castigo, cento anni di solitudine, il connte di montecristo,1984, lo hobbit e david copperfield, alcuni in inglese altri in italiano, due in entrambe le lingue.

non capisco chi si meraviglia di non trovare il manzoni in una lista della BBC, escluso umberto eco la letteratura italiana è praticamente sconosciuta al di fuori dei nostri confini.
è anche una questione di numeri. a chi vuoi che interessi all'estero un titolo che fa 15.000 copie?

le confessioni di s. agostino, i pensieri di blais pascal, la politica di Aristotele ,l'uomo e il mare di hamingwai, lettera a un bambino mai natodi fallaci, seta di baricco,, storia di una gabianella e del gatto di sepulveda, la fattoria degli animali di Orwell....

E...E ANCORA... LE CITTA' INVISIBILI DI CALVINO, IL NOME DELLA ROSA DI ECO, SULLE TRACCE DI NIVES DI DE LUCA, IL GABBIANO JONATHAN DI LIVINGSTONE...

Sondaggio assurdo, tout court: come è possibile indicare in un soli cento libri tutto quello che si dovrebbe assolutamente leggere?

La vera vergogna è che non ci sia neanche uno dei libri di Sherlock Holmes. Credo che il "Mastino dei Baskerville" meritasse di prepotenza un posto in classifica

non voglio sapere che classifica uscirebbe da un sondaggio simile fatto dalla RAI

Mi pare di capire che essendo un sondaggio britannico, abbia un senso per lettori di lingua inglese e qui finisce la storia. Italiani, francesi, tedeschi, spagnoli ecc. ecc. non esistono in termini percentuali; ma Cina, India, paesi di lingua araba, di cui la BBC evidentemente ignora l'esistenza nonostante rappresentino il 50% della popolazione mondiale, non hanno prodotto alcun testo (Corano, Confucio, Buddha...). L'errore è nostro, andiamo a sfrugugliare siti che non solo non ci rappresentano, ma neppure rappresentano l'umanità, quindi inutili, dannosi, portatori di virus, e da evitare. Vale ovviamente anche per me che in questo caso mi autodenuncio di curiosità banale a cui cercherò di non cedere più.

Strano sondaggio. BBC quindi inglesi;
Ho visto male o mancano i racconti di Canterbury? E ...Re Lear? Ulisse? Questo no. Lui era irlandese.
E' vero che vogliono uscire dall'Europa ma non citare (vado a ruota libera).....
Memorie di Adriano
I Miserabili
Recherche. Pesantina? (Io non sono andato oltre i primi quattro, ma è difetto mio)
Flaubert? Magari solo i Tre racconti?
Tamburo di latta
Kundera, Insostenibile leggerezza...
Manoscritto trovato a Saragozza
Maestro e Margherita
Bolano...
E BORGES???? Neppure Finzioni?
Mi sa che il redattore doveva riempire qualche cartella , in caso contrario, rivolgersi a qualche esperto....

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.