Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Celebrando Julio Cortázar, a 30 anni dalla sua scomparsa

Julio Cortázar1984: ai più verrà subito in mente George Orwell e il suo romanzo più celebre. Ma così, per la cronaca, quello fu anche un anno apparso sui calendari e non solo un libro fondamentale per la letteratura del ventesimo secolo. Nel 1984, la Apple presentava il suo primo computer Macintosh; al cinema uscivano il testamento di Sergio Leone C’era una volta in America e il film musicale Purple Rain, con Prince nella doppia veste di attore e interprete della colonna sonora; Bruce Springsteen pubblicava il suo più grande successo commerciale, Born in the Usa. Quell’anno se ne andarono scrittori come Truman Capote e Richard Brautigan. E poi Julio Cortázar. Esattamente oggi, il 12 febbraio di trent’anni fa, moriva uno dei più stimati autori sudamericani di sempre, senz’altro tra i mattatori del Novecento argentino insieme a Borges e Sabato.

Autore fantastico e del fantastico, pioniere di una letteratura che rompeva gli schemi e scomponeva le forme, fu allo stesso tempo e con uguale fortuna abile romanziere e suadente narratore di racconti brevi, affabulatore, poeta romantico, saggista e critico letterario. Scrittore cosmopolita per eccellenza, nacque a Bruxelles, visse con la famiglia in Svizzera e poi in un sobborgo di Buenos Aires, di nazionalità argentina ma poi naturalizzato francese, si stabilì e morì a Parigi. Tra i suoi romanzi, impossibile non menzionare Rayuela (in Italia pubblicato da Einaudi con il titolo Il gioco del mondo), in cui una tavola d’orientamento avverte sulle eventuali modalità di lettura: progressiva, a partire dal capitolo 1 fino al 56, oppure a iniziare dal capitolo 73, seguendo l’ordine suggerito dall’autore.

Tra le raccolte di racconti, invece, Bestiario e Ottaedro, entrambe contenenti otto storie, ma soprattutto Le armi segrete e Tutti i fuochi il fuoco. Il primo di questi, Le armi segrete, racchiude in sé piccoli tesori, tra cui Le bave del diavolo, che fu d’ispirazione a Michelangelo Antonioni per girare il suo capolavoro Blow-Up, e il superbo Il persecutore, che narra gli ultimi giorni di un sassofonista, Johnny Carter (dietro il quale si nasconde nient’altri che Charlie Parker), doppia faccia del genio, dall’indiscutibile talento nella musica alla spirale autodistruttiva nella vita privata.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Julio CortázarLa seconda delle raccolte citate, Tutti i fuochi il fuoco, comincia con Autostrada del sud, in cui la realtà si amplifica e si tuffa nel surreale: un imbottigliamento automobilistico sull’autostrada durerà molto, molto tempo, persino mesi, generando situazioni e soluzioni impreviste. Il racconto piacque evidentemente a Jean-Luc Godard, che ne fece un film nel 1967: Week-end, un uomo e una donna dal sabato alla domenica. Altro adattamento cinematografico da una storia di Cortázar è il distopico Furia di Alexandre Aja, uscito nelle sale nel 1999 e tratto dal racconto Graffiti (Disegni sui muri nella versione del nostro Paese, edito da Guanda all’interno della raccolta Tanto amore per Glenda, 2009).

Ma lo scrittore argentino si è contraddistinto anche per i suoi scritti più sperimentali, insiemi composti da parti diverse, fusioni di generi e contenuti, come Storie di cronopios e di famas (con la brillante sezione iniziale Manuale d’istruzioni) oppure il bizzarro reportage di un viaggio in Francia intitolato Gli autonauti della cosmostrada, scritto insieme alla moglie Carol Dunlop.

Patrimonio letterario ricchissimo e quindi inestimabile, quello lasciato dallo scrittore argentino, capace sia di analizzare e rendere palpabile l’inquietudine del reale, sia di esplorare e rileggere il fantastico attraverso le incursioni in un mondo immaginifico e di sogno, il suo. Magari adesso si trova proprio lì, lo sguardo un po’ accigliato, la sigaretta in bocca, la mano che scrive.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.