14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

“Cataratta” di John Berger: la vittoria di una nuova «visibilità»

John Berger, Cataratta«Rinascita visiva», così John Berger, nel suo ultimo libro Cataratta (edito in Italia da Gallucci, nella traduzione di Maria Nadotti), definisce il miracolo di cui è stato testimone dopo gli interventi subiti, prima all'occhio sinistro e poi a quello destro.

È soprattutto lo stupore, quasi infantile, che ci colpisce, reso più palpabile grazie alle parole rapide ed efficaci dell'autore, rispondenti alle nuove emozioni e ai nuovi colori da lui percepiti (il bianco di cui si è riappropriato, il blu, il viola e infinite altre sfumature di colori che credeva perdute).

Questo libro, così diverso e straordinario nella sua "partitura", si avvale anche del contributo di Selçuk Demirel (famoso vignettista turco, che collabora con giornali e riviste quali «Le Monde» e «The New York Times»), che, con i suoi disegni a china, ci mostra un mondo visto attraverso due occhi, che diventano finestre su tutto ciò che li circonda o due ali che portano la luce a chi l'aveva perduta.

Sono disegni quasi surreali, che si alternano alla precisione con cui Berger descrive le sue sensazioni: «il bianco della cucina materna, non più spento, il lavandino, le mensole, la porcellana [...] la luce che restituisce la purezza originaria e la profondità dei colori».

La nuova «visibilità» per Berger (scrittore, pittore, fotografo inglese e vincitore del Booker Prize con il romanzo G) è «un dono, una conquista, una vittoria dei medici, nonché del suo stesso corpo», è un modo per descrivere scientificamente le nuove emozioni provate, per dimostrare come è cambiata la sua visione, mettendo a confronto la vecchia con la nuova: stupefacente e straordinaria. Analizza e descrive, come un addetto ai lavori, la capacità di determinare in modo «rinnovato» la luce, la distanza, la profondità delle cose. Ogni immagine gli appare provenire da un nuovo mondo, dove i colori cambiano e assumono sfumature dimenticate, «una visione primigenia», che lo lascia stordito e incantato.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Un incanto che ha già provato e che gli richiama alla memoria il famoso quadro di Johannes Vermeer De Keukenmeid (conservato al Rijksmuseum di Amsterdam) da Berger espressamente citato. Nel quadro di Vermeer la luce penetra da una finestra, illuminando una frugale cucina con cesti di paglia, uno scaldino, ma soprattutto una tavola, su cui una donna vestita di giallo e viola, rosso e verde, versa del latte in una ciotola. La luce straordinaria di questo quadro illumina il pane e una brocca blu smaltata con fiori bianchi piccoli, un tocco di grazia e di colore!

Ora Berger può gustare il dipinto in tutti i particolari, grazie ai suoi occhi rinati, che hanno ridato vita anche a quel quadro che sembra ricoperto da «una rugiada di luce».

Cataratta

Questa rinascita della vista è interpretata con maestria dalle vignette di Demirel, in esse gli occhi sembrano assumere vita propria e sono rappresentati, con un tratto profondo ma leggero, capaci di cogliere la continua sorpresa di chi scopre cose dimenticate. Ecco quindi una testa sdraiata con un occhio che vola a osservare le sfumature di colori di una viola del pensiero che l'autore aveva disegnato dopo l'intervento di cataratta, profondamente diversa da un'altra viola disegnata prima: «è l'intimità dei suoi colori che si è trasformata, si sono denudati davanti ai miei occhi». Perciò Demirel ci disegna un uomo sdraiato con un occhio solo, mentre l'altro vola a guardare da vicino la viola del pensiero.

Cataratta

Un'altra vignetta ci mostra un uomo che al posto degli occhi ha due finestre, in una c'è un omino che vede e sorride, l'altro no perché «con un occhio pare tutto usurato, con l'altro tutto nuovo». 

Cataratta

Trattandosi di uno scrittore, credo che l'immagine più veritiera e commovente usata da Berger sia stata quella relativa all'emozione suscitata in lui dal biancore di un foglio di carta: «il biancore del foglio precipita incontro ai miei occhi e sono i miei occhi ad abbracciarlo come si fa con un amico che non si vede da molto tempo».

Ora che il foglio è di nuovo bianco auguriamo a John Berger, dopo il successo di Cataratta, di riempire altri fogli bianchi con parole colorate e avvolgenti.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (2 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.