Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Cartaceo vs Online: il caso Springer

il caso springerIl digitale finirà, prima o poi, per sostituire il cartaceo? Sembra pensarla così Axel Springer, che ha scelto di cedere le sue testate cartacee alla Funke Mediengruppe, per concentrarsi esclusivamente sul digitale. Il gruppo Springer pubblica, fra gli altri, la Bild e la Welt, la prima forte di una distribuzione di circa tre milioni e mezzo di copie al giorno, risultando essere il quotidiano più venduto e letto in Europa (con una media di 11 milioni di lettori), mentre la Welt è da sempre il punto di riferimento dei conservatori.

Un'operazione di 920 milioni di euro, con cui il gruppo Springer spera di ottenere, entro il 2020, il 50% dei ricavi proprio dall'online (dall'ottobre scorso, alcune parti del sito della Bild sono a pagamento). Una situazione in cui i due gruppi (Springer, da anni un colosso editoriale, e il più piccolo Funke, che spinge per allargare il suo mercato) mirano ad unire le loro forze in una massiccia operazione di marketing. Resta da stabilire – ma questo lo deciderà il tempo – se questa strategia editoriale produrrà gli effetti sperati: come evidenziato in un recente articolo de Il Corriere della Sera, non è sufficiente un investimento economico nel digitale per ottenere dei lauti guadagni, quanto piuttosto puntare su una tattica adatta a questo tipo di prodotto. Insomma, elaborare un'idea originale, che rappresenti qualcosa in più rispetto agli esperimenti nel digitale avviati negli ultimi anni.

Certo, il caso Springer-Funke rappresenta un grosso passo in avanti nei nuovi sistemi d'informazione, uno sguardo sempre più approfondito a un settore, quello dell'online, che sempre più si configura come una valida alternativa allo storico cartaceo. Tuttavia, c'è chi ancora preferisce maneggiare la carta stampata, e proprio per questo la manovra di Springer non appare di riuscita così certa. Il fatto stesso di mettere alcune sezioni della Bild a pagamento spinge a chiedersi se i lettori apprezzeranno o meno la novità, o se sceglieranno, semplicemente, di orientarsi sulla lettura di altri quotidiani.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.