In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Camillo e Adriano Olivetti: un libro per scoprire gli inizi dell’avventura industriale

 

Adriano OlivettiCome ebbe inizio l’avventura del grande industriale Adriano Olivetti, l’imprenditore dal volto umano? Ha provato a ricostruire i prodromi di questa epopea l’ultima pubblicazione della collana Piccola Biblioteca d’Impresa Inaz dal titolo La prima impresa industriale di Camillo Olivetti e il paradigma olivettiano, curato da Carlo G. Lacaita e arricchito dalla postfazione di Marco Vitale, economista d’impresa e consulente. Il volume pubblica un testo inedito del 1912, ovvero la relazione presentata dalla “C.G.S. Società anonima per istrumenti elettrici, già Camillo Olivetti & C. Milano” che intendeva iscriversi al Concorso d’Industria organizzato dal Reale Istituto Lombardo di Scienze e Lettere per il 1913. In questi elementi, pressoché sconosciuti, si scorgono dunque le tracce del percorso dell’avventura industriale di Adriano Olivetti.

 «Questo scritto, completo della documentazione iconografica e degli allegati presentati all’epoca, fa luce sui primi passi di Camillo Olivetti nel mondo industriale e rappresenta una manifestazione di quello che diventerà successivamente, nell’opera del figlio Adriano, il “paradigma olivettiano”» spiega Linda Gilli, presidente e amministratore delegato di Inaz. «In esso – prosegue Gilli – non solo troviamo descritte le tappe evolutive di quella che oggi definiremmo una “start-up tecnologica”, ma leggiamo anche una visione industriale basata sulla valorizzazione delle componenti culturali, materiali e umane dell’impresa».

Adriano Olivetti è una figura di spicco della panorama imprenditoriale italiano, con le sue visioni progressiste, purtroppo scomparso prematuramente. Solo di recente è stato oggetto di riscoperta, soprattutto per la sua concezione illuminata del ruolo dell’imprenditore che si relaziona positivamente con i propri dipendenti, che pensa all’istruzione dei loro figli e alla previdenza per le loro famiglie.

«Una visione che ancora oggi – aggiunge Linda Gilli – ha per noi un grandissimo valore e con cui è utile confrontarci, se desideriamo ampliare i nostri orizzonti e costruire un paradigma solido e sostenibile per l’impresa che verrà».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

La C.G.S. (acronimo per centimetro – grammo – secondo) di Camillo Olivetti nacque nel 1903 a Ivrea per produrre strumenti di misurazione elettrica secondo le tecnologie più avanzate del tempo. Successivamente venne trasferita a Milano, passata alla forma di società anonima nel 1905:  l’azienda era moderna e attrezzata e offriva una gamma di prodotti diversificata, si avvaleva della collaborazione dei migliori ingegneri e formava i propri operai con una scuola-laboratorio di elettrotecnica. Nel 1912 contava ben 150 operai. Il curatore del volume Carlo G. Lacaita, ordinario di Storia contemporanea all’Università degli Studi di Milano, e presidente della Commissione scientifica per la pubblicazione delle opere di Carlo Cattaneo e l’Associazione per la storia della scienza e della tecnica nell’età dell’Industrializzazione (ASSTI), si è occupato del pensiero politico e dei processi di modernizzazione e di industrializzazione.

È dunque da questa impostazione che ha inizio la visione di Adriano Olivetti, secondo cui l’impresa non è mai un’attività produttiva destinata soltanto al profitto, ma qualcosa che deve contribuire al progresso e al benessere della società, integrata con il contesto storico, sociale e territoriale in cui opera: “Produrre molto e bene”, infatti, per Camillo Olivetti significava realizzare prodotti utili, con procedure efficaci ed economiche, remunerando equamente tutte le componenti dell’attività d’impresa, ovvero capitale, competenze tecniche e forza lavoro.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.