Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

C’è Satana in lei, inizi a pregare

C’è Satana in lei, inizi a pregare«Buongiorno»

«Buongiorno»

«La posso disturbare brevemente?».  

 

I Testimoni di Geova si avvicinano con gentilezza e tentano una conversazione; nel mio caso, rifiuto l’offerta quasi sempre rispondendo che non sono interessato, ma qualche giorno fa, seduto in una panchina in attesa d’una persona, senza troppo pensarci, ho manifestato curiosità verso una signora che s’era convinta di potermi persuadere con le sue tesi. L’utilizzo che fanno della parola i Testimoni di Geova ha un sapore antico, un uso della dialettica che mira a smuovere le sicurezze altrui. La parola di Dio, per loro, è la legge, la base, il soffio, la verità, è tutto. Comprensibile e legittimo, finché dall’altra parte non si trova qualcuno che ama le domande e che predilige una domanda a una risposta. Il dialogo che segue cerca di ripercorrere quanto ho vissuto, giudicate voi.

 

La signora mi ha chiesto: «Non vede come sta andando male il mondo?»

«Da quale punto di vista?» replicai.

«Pensi alle guerre…»

«A dire il vero oggi vi sono meno guerre d’un tempo!»

«Sì, ma oggi si usano armi nucleari…»

«Le risulta che negli ultimi anni si sia sganciata qualche bomba nucleare?»

«No, ma per dire…»

«Signora, mi perdoni, per dire cosa?»

«Che il mondo ha preso una brutta piega»

«In tutta franchezza, a parte i disastri della natura, che ci sono dalla notte dei tempi, per il resto le cose stanno migliorando, fra mille problemi, certo, ma vogliamo per esempio confrontare la povertà di oggi con quella di 50 anni fa?»

«Oggi va peggio infatti!»

«No, signora, si sbaglia, siamo meno poveri, e non lo dico io, bensì studi scientifici accurati, pensi che c’è uno statistico svedese, tale Hans Rosling, che con dei grafici molto interessanti dimostra da anni quanto le ho detto!»

«E i disastri della natura, come li chiama lei, guardi che cosa è accaduto in Giappone con lo tsunami…»

«Dalla notte dei tempi ripeto accadono, non mi sembra nulla di nuovo»

«Ha mai pensato che dietro a queste cose ci sia il male?»

«Che cosa intende dire?»

«Le forze del male!»

«Scusi signora, che cosa sono le forze del male?»

«Satana!» provando a fissarmi agli occhi alla ricerca di una debolezza emotiva.

«E chi è Satana?»

«Come chi è Satana?!» stupita della domanda.

«Chi è Satana, sì, lei lo ha incontrato per caso? Io capisco che frequenta magari persone che danno per scontata l’esistenza di esseri malefici, ma per quanto mi riguarda me ne guardo bene da frequentarle…»

«Mi ha tentato più volte!» un po’ stizzita dalle mie parole.

«Come faceva a sapere che fosse Satana?»

«Ne ero sicura, lo sapevo»

«Ho capito, ma permetterà che sono perplesso, non l’ho mai incontrato io…»

«Ha tentato anche lei, come adesso, che pensa di non averlo mai incontrato, è Satana, mi creda»

«Io sono lieto che sia convinta di questo, ma io potrei dire che le sue convinzioni sono opera di Zeus, che cosa mi dice?»

«Che c’entra Zeus?» sempre più infastidita.

«Io potrei dirle la stessa cosa, che c’entra Satana?»

Momento di silenzio, sguardo basso e poi nuovamente alla carica: «Capisce che Dio la può salvare, anche se non crede che ci sia Satana?»

«Ora sono più tranquillo, non vorrei disturbarlo troppo con la mia anima, dato che è pieno di bimbi morenti nei paesi poveri del mondo, preferirei che pensasse a loro, io me la cavo in qualche modo, e comunque chi è Dio? Ci hanno raccontato fin da bambini che c’è, lei lo ha mai incontrato?»

«Verrà presto Cristo e sarà la fine delle malvagità!»

«Chi lo dice?»

«Lo dicono le Scritture!»

«Ah, adesso sono ancora più tranquillo di prima, fra migliaia di libri dell’antichità un libro, ripeto, un solo libro sostiene che Dio o Cristo tornerà a farci visita e dovrei fidarmi?»

«Non è un libro qualunque, sono le Sacre Scritture, ci vorrebbe un po’ di rispetto giovanotto!»

«Lei parla di rispetto signora, ma mi sembra che non ascolti ciò che le chiedo, chi ha detto che sono sacre? Lo ha conosciuto lei chi l’ha sostenuto?»

«Ma che cosa sta dicendo?! Sono Parola di Dio!»

«Mi perdoni ancora signora, chi è Dio? Lei lo sa con sicurezza? Potrebbe farmi capire senza tesi apodittiche dato che ho qualche dubbio e, se mi permette, vorrei che lei portasse un briciolo di rispetto, dato che parla di rispetto, verso i miei dubbi...»

Un bel sospiro e aggiunse: «Se lei si guarda attorno, vede là l’altopiano di Asiago, vero? Quelle montagne… non le sembra un infinito gesto di amore e di bellezza?»

«Immagino che anche lo tsunami in Giappone sia un infinito gesto di amore e di bellezza…»

«Con lei non si può proprio parlare, c’è Satana in lei, inizi a pregare!» alzandosi di scatto in piedi e con un tono duro.

«A pregare?».

«Sì, così salverà la sua anima…».

«Cioè se io prego salvo la mia anima, e come potrò capire se le mie preghiere sono effettivamente utili? Avere una prova del nove…»

«Le ripeto, c’è Satana in lei, preghi, arrivederci» allontanandosi.

«Arrivederci signora, mi scusi se l’ho disturbata, ricordi che il vero problema è forse la paura».

   

 

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (5 voti)

Commenti

Il trolling dei testimoni di Geova, potrebbe essere un nuovo sport interessante...

Direi di sì, Francesco.

hai sicuramente perso un po' di tempo, ma avrei tanto voluto esserci!! fantastico! un capolavoro di dialettica!

penso che il fatto che una persona non abbia saputo rispondere non squalifichi un'intera categoria. per una ricerca e dei risultati accurati sarebbe necessario avere più di una conversazione e con più di una persona. e penso che questo sia applicabile in ogni campo della vita o si finisce nel solito luogo comune che porta a fare di tutta l'erba un fascio. "...ai posteri l'ardua sentenza".
grazie

Ma come! Si mette in dubbio l'esistenza di Satana? Così - porco diavolo! - dove si va a finire?

Eccezionale! Ti adoro Morgan. A proposito, ma tu, Morgan, esisti?

Non è stato affatto un capolavoro di dialettica, ma solo l'incontro-scontro tra due persone delle quali una crede e l'altra non crede. Il credere e il non credere costituiscono due volti i cui sguardi interiori sono disinteressati al conoscere.

ahahahahahahah!
era da tempo che non ridevo cosi, sai Morgan?

Il pezzo è ottimo, perchè - passami il gioco di parole - tu scrivi da dio, ma è proprio lo scambio di battute che trovo adatto a una piece comica.

Buona serata,
claudia

capolavoro di dialettica?Interessante l'ultima frase " forse la paura ". Dalle risposte date alla signora si intravede un sarcasmo di bassa lega, caro morgan in te non c'è satana, ma una grande ignoranza, una persona perspicace si propone in modo differente e non si vanta di una comunicazione di questo tipo.La signora da come parla mostra dei limiti, ma tu dai l'impressione di essere un buffone...... La paura.... e poi quel forse finale dico:una forma intimidatoria repressa, non sei messo bene

Certo, Anonimo, che c'è sarcasmo, ma c'è una differenza fra noi due, io e la signora intendo: lei evangelizza, io non evangelizzo.
Non mi interessa essere perspicace e neppure vantarmi, ho solo dato una testimonianza di quanto mi è accaduto, altrimenti ogni condivisione di contenuti diverrebbe "vantarsi di".
Buffone o meno, mi sono divertito. Con pace tua e della signora, forse.

direi che la signora aveva torto perché Satana non esiste e poi lo tsunami in Giappone le guerre che ci sono nel mondo non sono opera del diavolo ma bensì della natura per quanto riguardo lo tsunami e tutte cose simili e dell'uomo per le guerre comunque Francesco hai avuto ragione per quanto riguarda la signora che continui a pensare che Satana esiste e che tutti i mali che ci sono nel mondo sono mali del diavolo in fono contenta lei contenti tutti!!!!! comunque bel dialogo e continuo a pensare che te Francesco abbia ragione per quanto riguarda le Sacre Scritture le parole di Dio ecc ecc perché Dio esiste e Satana no!!!!!

Ma voi siete persone malate a dire che i testimoni di Geova sono con satana
Lunica cosa che mi mette il terrore sono i segreti che affligono la chiesa! Quello che per molti anni, hanno nascosto
La Chiesa come i governi
Stanno solo aspettando che mezza europa vada per bene in crisi da non poter neanche piu decidere per noi.
SI RINUNCIA VOLENTIERI AI NOSTRI DIRITTI,
IN CAMBIO DELLA SICUREZZA GARANTITA DA UN GOVERNO MONDIALE.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.