Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Bret Easton Ellis e Donna Tartt: testimoni di una civiltà alla deriva

Donna TarttCiò che lega Donna TarttBret Easton Ellis non è solo una professione. Secondo una dichiarazione dell'autore di American psycho la Tartt è stata l'unica donna della sua vita, affermazione che risulta ancora più d'impatto se a pronunciarla è proprio lui, notoriamente un po' misantropo e critico nei confronti dei colleghi. L'amicizia tra i due risale ai tempi dell'università nel Vermont, nel periodo in cui la Tartt iniziò a elaborare il suo primo romanzo, lo strepitoso Dio di illusioni (The Secret History nell'edizione originale, la traduzione italiana per Rizzoli è di Idolina Landolfi). Il romanzo, uscito per la prima volta nel 1992, fu dedicato proprio a Bret Easton Ellis (e a Paul Edward McGloin), definito dalla scrittrice un amico generoso, ciò che, di certo, è stato: Ellis non ha mai nascosto la sua stima per la Tartt, lodando in più occasioni i suoi libri e affermando che Il cardellino, edito l'anno scorso e che ha permesso alla sua autrice di vincere il Premio Pulitzer, era probabilmente l'unico titolo che valesse la pena leggere nel 2014 (condivideva il giudizio entusiasta anche Stephen King).

I percorsi intrapresi sono stati negli anni diversi, ma c'è da dire che qualche somiglianza tra i due è rintracciabile nell'esiguo numero di opere prodotte (tre per la Tartt e sei romanzi e una raccolta di racconti in venticinque anni per il collega) e in alcune palesi similitudini tra Dio di illusioni e testi come Meno di zero e Le regole dell'attrazione, pubblicati da Ellis rispettivamente nell'85 e nell'87. Le storie di Dio di illusioni e Le regole dell'attrazione si svolgono al college e considerano le sorti di un gruppo di studenti, le cui vite sono scandite da feste, bevute, esperienze con la droga e il sesso, ma anche dalla violenza, l'allontanamento dal mondo reale e la relegazione in un microcosmo dotato di leggi proprie. Quest'ultimo è un elemento presente soprattutto in Dio di illusioni, incentrato su cinque ragazzi (sei, tenendo conto del narratore), unici studenti di un corso di greco antico con a capo un insegnante molto particolare: cinque esistenze dedite alla celebrazione di un passato mitico e ancestrale, ormai così aliene dalla normale vita universitaria da finire inevitabilmente vittime delle loro stesse illusioni.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Bret Easton EllisLe regole dell'attrazione di Ellis differisce da Dio di illusioni nella trama, ma non nelle intenzioni: anche qui i protagonisti sono giovani benestanti, «privilegiati nella condizione economica, nella prestanza fisica, nel prestigio sociale, ma privi di passioni, di sogni, in un mondo troppo cinico, troppo freddo, troppo insensato». Le parole sono di Fernanda Pivano, una delle prime ammiratrici del lavoro di Ellis in Italia, che meglio non avrebbe potuto esprimere l'essenza del libro e l'obiettivo che autori come la Tartt ed Ellis si posero con i loro romanzi:raccontare una generazione alla deriva, quella di fine anni Ottanta (la stesura di Dio di illusioni iniziò molto prima della sua pubblicazione, già nel 1986),in un momento in cui al generale benessere economico si affiancava una certa perdita di valori e di sostanza interiore. Un divario che Ellis tracciò con maggiore decisione in American psycho, dove la bruttura morale di Patrick Bateman si trasformò addirittura in violenza fisica, perpetrata con crudeltà e totale assenza di compassione verso il prossimo. Ma anche il sopra citato Meno di zero traccia il profilo di una generazione priva di coscienza poiché figlia di padri troppo fragili, pienamente consapevole della sua condizione ma per nulla intenzionata ad abbandonare la via della superficialità e dell'autodistruzione.

Come dicevamo, Dio di illusioni e Le regole dell'attrazione sono ambientati al college, in strutture che, con tutta probabilità, si rifanno al Bennington College dove Ellis e la Tartt compirono i loro studi. Ma se quest'ultima menziona esplicitamente il Vermont e colloca l'ateneo ad Hampden, Ellis sceglie di ribattezzare il Bennington College “Camden” e di situarlo nel New Hampshire, che col Vermont confina a ovest. È possibile che molto di quanto raccontato nei romanzi sia in parte autobiografico e richiami le esperienze universitarie dei due autori; forse in quelle pagine sono presenti le loro stesse paure e frustrazioni di gioventù o quelle di amici e compagni di college. Quanto allora descritto fu solo un assaggio del lento e progressivo declino etico che ha colpito tutte le generazioni successive e il cui processo è ancora oggi in atto (e come potrebbe essere altrimenti in un'epoca dove anche solo le relazioni sociali face to face sono state sostituite da quelle virtuali). Insomma, i protagonisti di queste storie sempre sull'orlo dell'abisso sono i rebels without a cause di fine ventunesimo secolo, il cui ritratto è restituito, senza sconti o filtri, da due autori ormai cult come Donna Tartt e Bret Easton Ellis.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (6 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.