Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Boston Globe: dal New York Times ai Red Sox

Boston GlobeContinuano le operazioni si svendita dei quotidiani. Qualche settimana fa, vi avevamo parlato della clamorosa manovra del gruppo Springer (dettata dalla volontà di puntare soprattutto sull'online), che aveva ceduto le sue testate cartacee alla Funke Mediengruppe. Oggi, è la volta del Boston Globe che, dopo un periodo non proprio felicissimo, è stato venduto a John W. Henry, proprietario dei Red Sox, la nota squadra di baseball. Nel 1993, il Globe fu acquisito per 1,1 miliardi di dollari dal New York Times, una cifra mai sborsata fino ad allora per un quotidiano: oggi Henry ha pagato “solo” 70 milioni di dollari, ovvero nemmeno il 10% del prezzo di acquisto.

In realtà, sono vent'anni che il Globe fronteggia crisi, dovute soprattutto alle vendite, che non soddisfano le previsioni e, quindi, i profitti. Sembra, però, che proprio grazie al digitale, le difficoltà economiche abbiano subito un netto calo (ma non tale da evitare la vendita a Henry): si sono registrati dei dati incoraggianti, in quanto, negli ultimi dodici mesi, gli abbonamenti digitali avevano segnalato un incremento del 70% . Tuttavia, la strada per la stabilità è ancora lunga e in salita: pare che l'investimento sull'online del Globe non sia stato così tempestivo e massiccio, tanto da compromettere ulteriormente una situazione già di per sé precaria. Il momento è, al contrario, migliore per il New York Times, che di recente è riuscito a tornare con i conti in attivo, proprio grazie agli abbonamenti a pagamento al suo sito e a quello dell'International Herald Tribune.

Insomma, l'ennesimo schiaffo al cartaceo, a tutto vantaggio del digitale. Una crisi che, in certi casi, sembra non conoscere soluzione: in genere, si sceglie di affiancare i due formati, mentre altre volte la sostituzione del cartaceo con il digitale (come nel caso Springer) avviene in maniera progressiva, ma abbastanza radicale.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (6 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.