Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Book blogger o promoter?

BLOG Letterari, RecensioniIn principio era In My Mailbox: blogger che venivano contattati dalle case editrici per recensire i loro autori, in cambio di libri e gadget. Con il tempo, dal momento che il progetto era diventato un «continuo magna magna», si è deciso di chiudere gli accessi al gruppo staff. Book blogger che vengono corteggiati dagli editori: un fenomeno in costante crescita che, però, non è esente da rischi (ci pensa il blogger eFFe ad evidenziare la cosa, in un e-book intitolato Book blog: Editoria e lavoro culturale).

In un recente articolo su Il Fatto, Il mio regno per una recensione, Elisabetta Ambrosi cita le tre tappe del percorso definito “avvicinamento – marchettaro” attuato dalle case editrici: segnalazione delle uscite, invio di libri, offerta per un incontro con autori famosi (cosa successa anche al sopraccitato eFFe, a cui Mondadori aveva proposto un incontro informale con Paolo Giordano). In cambio, appunto, libri, rimborsi e, perché no, qualcuno può venire addirittura pagato.

Il nocciolo dell'argomento è che spesso il fenomeno non viene manifestato in modo trasparente. Sempre l'Ambrosi cita il caso di Noemi Cuffia, autrice del blog Tazzina di caffè, la quale ha pubblicato un post, in data 11 giugno 2013, sull'«attesissimo, davvero attesissimo» libro di Khaled Hosseini, per poi proseguire con «ora, è giusto che io vi dica che da qualche tempo mi occupo, per lavoro, di una certa pagina Fb», che si scopre essere “Khaled Hosseini – Pagina italiana di Edizioni Piemme”. Il problema è che il post è strutturato in modo piuttosto criptico, poco chiaro. In contrapposizione viene menzionata Valentina Aversano che, esplicitamente, dichiara il suo legame con minimum fax. Terza via (possibile?), quella della purezza assoluta.

Book blogger sempre più richiesti nel mondo editoriale, al pari dei food e fashion blogger (ricercati dai brand per ottenere più visibilità), o delle mum blogger. Alla faccia di chi ancora è scettico circa il potere persuasivo dei blog nel mondo al di fuori del web.

[Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (5 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.