Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Editing

“Bling Ring”: apologia della vacuità

Bling RingSofia Coppola non è nuova, per nulla, alle rappresentazioni crudeli e inquietanti delle derive della società dell’immagine. Da Il giardino delle vergini suicide (dal romanzo di Jeffrey Eugenides) a Lost in Translation, da Somewhere a Bling Ring, per l’appunto, lo sguardo della regista statunitense non ha mai perso di vista le conseguenze dell’“americanità”.

Nel caso di quest’ultima fatica, lo spunto è dato da una storia vera, raccontata in un ampio articolo pubblicato nel 2010 su «Vanity Fair». Un gruppo di adolescenti, interpretati, tra gli altri, da Emma Watson e Taissa Farmiga, tutti di buona famiglia, tutti figli dei social network, più ancora che di MTV, o TMZ, decidono, a un certo punto, di introdursi nelle residenze delle celebrità e iniziare a “prendere in prestito” vestiti e oggetti.

 

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: EditorialiWeb ed Eventi.

Seguiteci su FacebookTwitterGoogle+Issuu e Pinterest]

 

Al di là di ogni possibile considerazione, sempre troppo generica e poco circostanziata, sul degrado morale delle nuove generazioni, la realtà è che ad andare in scena è una compiuta e terrificante vacuità, prodotta da sensualissimi “dei falsi e bugiardi”: Paris Hilton, Lindsay Lohan, Miranda Kerr, tra gli altri.

L’incursione è condotta con ritmi serrati, attraverso una regia tanto coerente quanto dinamica e vivace. E, in fondo, quello che più è da mettere in evidenza, è un fatto innegabile: i corpi di questi adolescenti sono (iper)testi permeabili alla sovrascrittura. Il loro credo passa per le strade di Los Angeles, tra le colline di Hollywood, e allo stesso tempo attraversa le highway telematiche.

Gli idoli, in Bling Ring, sono frutto di un integralismo come un altro; e il sistema che li alimenta senza sosta, è il medesimo sistema che dà nutrimento a un mondo sempre più “rappresentato”.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (3 voti)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.