Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

“Beautiful Losers” di Leonard Cohen: quando la prosa si fa poesia

Leonard Cohen, Beautiful losersBeautiful Losers è una storia di Leonard Cohen quando ancora non era Leonard Cohen. Prima del '66, anno di pubblicazione del libro, non era certo uno sconosciuto, almeno per quanto riguarda il versante letterario: infatti, già allora era un apprezzato poeta, oltre che autore nel '63 di un primo romanzo di formazione, Il gioco preferito, particolarmente lodato dalla critica. Poi, nel '65, iniziò un periodo di crisi, che portò Cohen all'isola greca di Hydra, dove Beautiful Losers vide la luce. Un paio d'anni dopo iniziò la sua fortunata carriera da cantautore. Il resto è storia, quella di un artista di fama internazionale, il cui stile ha influenzato centinaia di altri musicisti, diventando un cult in musica anche solo per quella Hallelujah dell'84, canzone poi riproposta per la prima volta da John Cale e, in seguito, da Jeff Buckley nel suo album Grace, in una versione ormai più famosa di quella originale (le cover del pezzo sono comunque numerose).

Tornando a Beautiful Losers, in Italia venne pubblicato per la prima volta nel '72 da Rizzoli (traduzione di Bruno Oddera), con il titolo Belli e perdenti; dopo un'ulteriore edizione Fandango, il libro è stato di recente riproposto da minimum fax (l'ottima traduzione di entrambe le edizioni è di Francesca Lamioni). Il romanzo ruota intorno a tre personaggi: un narratore, la defunta moglie Edith e un amico, tale F., coinvolti in un triangolo amoroso che si intreccia alla storia diCatherine Tekakwitha, una nativa americana, vissuta nella seconda metà del Seicento, morta giovanissima e proclamata santa. Negli anni Sessanta in pochi si curarono di quest'opera, forse anche per la sua particolarissima struttura, così simile al flusso di coscienza che caratterizza gli scritti di autori come James Joyce. Eppure, vi sono già presenti i temi cari al Cohen musicista, come l'eros, il misticismo e la religione: poi, grazie al plauso di artisti come Lou Reed (che letteralmente amò Beautiful Losers) e alla carriera sempre più avviata dell'autore come musicista, il romanzo venne rivalutato.

Impossibile tracciare una trama lineare di questo libro, suddiviso in tre parti (La storia di tutti loro, La lunga lettera di F., Beautiful Losers). Per spiegarlo, forse, possono tornare utili le parole dello stesso Cohen all'editore, in una lettera datata 1966: «Beautiful Losers è una storia d'amore, un salmo, una messa nera, un monumento, una satira, una preghiera, un grido, la mappa di una strada attraverso luoghi selvaggi, uno scherzo, un affronto di cattivo gusto, un'allucinazione, una noia, un irrilevante sfoggio di virtuosismo malato, un trattato gesuitico, una stravaganza escatologica. In breve: una sgradevole epica religiosa di incomparabile bellezza». Chissà se lo scrittore si rese conto di avere praticamente messo nero su bianco gli anni Sessanta, la contestazione culturale del tempo, la rivoluzione del '68, anticipata nei contenuti dagli autori della Beat generation, da Jack Kerouac ad Allen Ginsberg, da William Burroughs a Neal Cassady.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest]

Leonard CohenBeautiful Losers è oggi considerato uno dei massimi esempi di letteratura postmoderna, caratterizzato da una prosa visionaria e psichedelica, un po' influenzata dai tempi, un po' dal digiuno e dall'assunzione di anfetamine da parte dello stesso Cohen, con lo scopo di incanalare la sua creatività e le sue percezioni nel romanzo. Volendo semplificare al massimo il messaggio di base del libro, diremo che quella di Cohen è una lunga e “rigida” (citando Alexander Perchov di Ogni cosa è illuminata) ricerca sul significato dell'amore e della memoria, è una prosa che si trasforma in una lunga poesia, in cui l'autore compie un'analisi di sé e di ciò che lo circonda. Tutto quello che è contenuto in Beautiful Losers lo possiamo successivamente ritrovare nei testi delle canzoni di Cohen: per esempio,Famous Blue Raincoat racconta di un triangolo amoroso, tra un uomo, una donna (Jane) e un altro uomo («my brother, my killer»); oppure, Seem So Long Ago, Nancy parla di una donna veramente esistita e che si è uccisa con un colpo di pistola 45 Magnum («A forty five beside her head»), suicida come la moglie del protagonista del libro.

Leonard Cohen ha lasciato ai propri lettori questo romanzo, finora l'ultimo: Beautiful Losers è davvero il suo testamento letterario al mondo.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (6 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.