14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Barcellona, “La terra maledetta” di Juan Francisco Ferrándiz

Barcellona, “La terra maledetta” di Juan Francisco Ferrándiz«Al limite estremo della Marca Hispanica, tra le ombre della desolazione e il luminoso Mediterraneo, resisteva Barcellona: l’ultima città dell’Impero».

 

In questi luoghi di frontiera Juan Francisco Ferrándiz ambienta La terra maledetta, un avvincente romanzo storico pubblicato in Italia dalla casa editrice Longanesi con la traduzione di Stefania Cherchi e Claudia Marseguerra.

Quello di Juan Francisco Ferrándiz, avvocato di professione, non è il romanzo di esordio. La passione per la scrittura e per il genere storico lo portano a farsi apprezzare dal pubblico spagnolo con il romanzo, del 2012, Las horas oscuras, opera seguita nel 2015 da La llama de la sabiduria. In Italia iniziamo a conoscere Ferrándiz solo quest’anno con La terra maledetta, opera che ha riscosso molto successo in patria tanto da venire subito tradotta in dodici lingue diverse.

La scrittura di Ferrándiz risulta a tal punto coinvolgente che le oltre settecento pagine scorrono via piacevolmente tra guerre sanguinose, lotte efferate per il potere, amori e intrighi. L’epoca storica è ben delineata tanto che la si vive con gli occhi della mente ritrovandosi a soffrire i soprusi insieme al popolo – poveri disgraziati alla mercé dei potenti –, a combattere eroicamente al fianco dei Cavalieri della Marca, a vivere amori impossibili agli occhi di Dio.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Nel turbinio degli eventi, siamo catapultati sul finire del IX secolo.Il Sacro Romano Impero è guidato, tra lotte fratricide, dai successori di Carlo Magno mentre i confini dell’Impero sono sempre più fragili tra assedi e povertà. Barcellona è presentata come una città in rovina, triste ombra della maestosa Barcino romana, luogo ricco di possibilità ma anche di tremendi pericoli ed è qui che si intrecciano i destini dei personaggi che popolano questo romanzo.

Barcellona, “La terra maledetta” di Juan Francisco Ferrándiz

È in questo clima, in bilico fra pericolo e speranza che iniziamo il viaggio nella scrittura coinvolgente di Ferrándiz in compagnia di una carovana di coloni, alla volta di questa terra maledetta. In testa all’umile gruppo spicca colui che grazie all’astuzia e al coraggio darà nuova vita a queste terre: Frodoino, il giovane vescovo di Barcellona.Il viaggio è irto di difficoltà e la carovana ricorda vagamente i coraggiosi coloni di John Ford che in Ombre rossesi muovono verso Ovest. Ma orde di selvaggi dediti al cannibalismo sono in agguato, pronti ad attaccare questi poveri coloni in cerca di terre da coltivare e condizioni di vita migliori, umili braccianti alla John Steinbeck. Non tutti giungeranno a Barcellona ma anche lì per i superstiti, tra le mura massicce e le settantasei torri che circondano la Città Coronata, la vita non sarà facile.

Lo scrittore spagnolo descrive con sapienza i personaggi nell’arco di una narrazione che abbraccia all’incirca vent’anni, anni in cui tutti subiscono un’evoluzione, chi in positivo, chi in negativo. Quella narrata dall’autore è una storia complessa e tormentata che porta il lettore a gioire e soffrire, parteggiando per alcuni e odiando altri, in un crescendo di colpi di scena che capovolgono le carte in tavola.

Seguiamo le vicende dei due “Nati dalla Terra”, Rotel e Isembardo, i quali, sfuggiti alla morte in tenera età, lottano una vita intera per riavere indietro ciò che gli spetta: la casata di Tenes per il giovane cavaliere e la vendetta più atroce per la bellissima sorella dagli occhi di ghiaccio. Impariamo subito ad amare la dolce Elisia,la quale sposa Galì e lo segue nella spaventosa Barcellona comprendendo troppo tardi di aver commesso un grave errore. Galì si rivela ben presto un uomo meschino, odiato e disprezzato dalla giovane sposa ma pur sempre suo marito, nel bene e nel male. A Barcellona veniamo accolti da Gota, un altro personaggio chiave del racconto. Gota è l’anima della città, una donna bellissima che appartiene alla famiglia più antica di questo luogo. Non possiamo che rimanerne affascinati così come accade al vescovo Frodoino che l’amerà di un amore proibito per tutta la vita.

Questo romanzo è una sorta di poema epico-cavalleresco ma anche un intrigante Trono di spadein salsa spagnola. Le orde di selvaggi cannibali che insidiano la frontiera strizzano l’occhio alle orde di bruti che premono sulla Barriera nel mondo creato da George R.R. Martin mentre alcuni personaggi della saga, da Cersei Lannister, temibile regina dei Sette Regni, ai fratelli Stark, privati ingiustamente del loro regno, alla giovane Arya, spietata assassina, ricordano vagamente alcuni protagonisti del romanzo.

Barcellona, “La terra maledetta” di Juan Francisco Ferrándiz

La terra maledetta è eroico e cruento al punto giusto tant’è che a popolare queste terre non possono mancare i personaggi malvagi, dallo spregevole conte Bernardo di Gotia, violento e sadico stupratore, alla manipolatrice e incestuosa Richilde di Provenza. Così fin da subito facciamo la conoscenza di uno dei più pericolosi villain del romanzo, l’efferato Drogone di Borr che con le sue malefatte sconvolge la vita dei protagonisti rendendo la Marca Hispanica un luogo di terrore.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Violenza e amori impossibili dunque ma anche giochi di potere, cavalieri, battaglie campali, bestiari, riti magici occulti e religiosità. Insomma ce n’è per tutti i gusti ma ciò che l’autore spagnolo dipinge in modo più interessante è il ruolo della donna. Le donne in questo romanzo sono maltrattate, violentate, fatte a pezzi verbalmente e fisicamente, annientate dalla crudeltà di uomini piccoli ma potentissimi. Soffrono per amore, amano uomini che non dovrebbero neanche guardare, ne escono con il cuore a pezzi ma sempre con dignità. Soffrono le pene dell’inferno tra soprusi e stupri ma si rialzano sempre perché sono forti. Sono delle lottatrici e alla fine c’è un riscatto per ciascuna di loro ma non per un moto di pietà dell’autore bensì perché sono loro, con le unghie e con i denti, a conquistarsi il lieto fine. Non è un caso che proprio le reliquie della santa protettrice di Barcellona, la martire Santa Eulalia, avranno un ruolo fondamentale nella storia.

Tra i tanti personaggi che affollano questo romanzo, possiamo individuare molte figure realmente esistitecome l’imperatore Carlo il Calvo, il pontefice Giovanni VIII, l’arcivescovo Incmaro di Reims e le grandi casate dei Rorgonidi, dei Bellonidi e dei Bosonidi. Ferrándiz li colloca sapientemente all’interno del racconto, dosando 70% di finzione con 30% di storia, dando vita a un romanzo storico che ha come punti di riferimento Il nome della rosadi Umberto Eco, le opere di Ken Follett e la Barcellona di Ildefonso Falcones.

Juan Francisco Ferrándiz è riuscito dunque a costruire un romanzo in cui le vicende dei personaggi nati dalla sua penna riescono a incastonarsi nelle sorti reali dell’Impero restituendo un’immagine vivida e interessante degli anni più bui di questa terra oscura e decentrata.

«Nelle sue fondamenta dormiva la maestosa Barcino, ma le campane proclamavano che Barcellona, pur essendo più povera e spopolata, si avviava verso il primo millennio ed era ancora in piedi».


Per la prima foto, copyright: Maarten van den Heuvel.

Per la terza foto, la fonte è Wikipedia.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (4 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.