Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Bando UE “Performigrations: la gente è il territorio”

Performigrations la gente è il territorioQuello di Performigrations: la gente è il territorio non è un bando facile. Forse anche per questo la data di scadenza è stata posticipata dal 21 gennaio al 7 febbraio 2014. Eppure dà l'idea delle ambizioni più nobili e interessanti dell'UE. Portarlo a compimento permetterebbe di compiere un viaggio nell'universo dei migranti.

Perché «ogni migrante è un performer, un interprete, qualunque sia la ragione che dà origine al movimento», afferma Elena Lamberti, docente di Lingue e Letterature Straniere presso l'Università di Bologna. Nella sua intervista che consiglio di leggere con attenzione, la stessa sostiene che «ogni cambiamento di luogo porta le persone a ripensarsi nel nuovo territorio, a mettersi in gioco e a recitare una nuova parte. Per questa ragione la carta geografica non corrisponde al territorio reale: la gente è il territorio e la gente è in movimento. Per la stessa ragione, l’Europa è molto più di uno spazio geografico: è uno spazio di storie che valicano i confini geografici».

Cito la docente bolognese perché coordinatore del bando è il Dipartimento di Lingue, Letterature e Culture Moderne dell'Università di Bologna, che si avvale, tra l'altro, della collaborazione di Biografilm e Genus Bononiae.

Venendo ora al punto, l'invito è rivolto ad artisti europei e canadesi capaci di collaborare per dar vita a un'installazione multimediale e interattiva. Il suo scopo è raccontare “storie” di immigrazione in Canada attraverso immagini, parole e video-performance. Un modo dunque per far riflettere, attraverso il Canada e le sue peculiarissime caratteristiche, su realtà caratterizzate da una forte immigrazione.

Performigrations mira insomma, grazie al supporto di sedici istituzioni europee e canadesi di alto profilo, a valorizzare la vita di migranti accomunati unicamente dal fatto di essere cittadini del nuovo Stato in cui hanno scelto di risiedere, «a dispetto (o forse proprio in ragione) dei cambiamenti culturali» che sono in grado di generare.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Issuu e Pinterest]

Bando difficile, si diceva. Da esploratori creativi e itineranti. Siamo felici dunque che, tra i richiamati all'appello, possiamo vantare l'Italia. Tra le città sollecitate a rispondere all'invito leggiamo infatti i nomi di Atene, Bologna, Klagenfurt, Lisbona, Montreal, Toronto e Vancouver.

Le proposte vincenti saranno poi esposte in diverse città europee e canadesi in occasione di eventi culturali di rilievo. In effetti, «per ogni sede coinvolta, gli artisti saranno selezionati anche per la loro capacità di proporre un progetto artistico capace di fare dialogare l’installazione con l’evento culturale programmato per la sede specifica di riferimento». Ai fini di garantire una varietà accattivante, nell'invito si specificano anche i diversi settori su cui dovrà focalizzarsi ogni Stato Europeo coinvolto. Per l'Italia, si punta sul documentario, in forza della presenza di Biografilm.

Per informazioni più puntuali ed esaustive, rimando al sito di Performigrations da cui è possibile scaricare il bando, augurandomi che si giunga alla conclusione di un percorso, mi pare, accidentato benché di un potenziale notevolissimo interesse. Per la crescita di un'Europa che dall'"estero" ha chiesto e preteso. Per un'Europa più matura nel momento in cui si rende conto dell'arricchimento derivante dalla multiculturalità. Per un'introduzione (almeno) alle difficoltà e alle ricchezze derivanti dall'apporto degli immigrati e della loro cultura in qualunque Stato o continente decidano di stabilirsi.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.