Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Diffondi libro

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

“Balene”, non è mai troppo tardi per realizzare un desiderio

“Balene”, non è mai troppo tardi per realizzare un desiderioBarbara Cappi e Grazia Giardiello, sceneggiatrici e autrici di noti programmi televisivi, hanno scritto a quattro mani Balene (Giunti, 2020), ultimo volume della collana “Terzo tempo” ideata e diretta da Lidia Ravera, che prendendo spunto dal suo romanzo omonimo ha scelto di pubblicare storie sentimentali con protagonisti ultrasessantenni.

Con il sensibile allungamento della vita media che si è verificato negli ultimi decenni, la vita delle persone anziane è mutata sensibilmente rispetto a quella delle generazioni precedenti, così che i sessanta-settantenni di oggi possono spesso permettersi uno stile di vita che in passato apparteneva a chi aveva parecchi anni di meno. E allora perché non raccontare le esperienze, ma soprattutto i sentimenti, di questa terza età che può ancora permettersi di lavorare, viaggiare e spesso intrecciare nuove relazioni affettive? Una terza età che è fatta anche di lettori, e soprattutto lettrici, che amano ancora leggere storie d’amore ma che potrebbero non provare più molto interesse per vicende costruite attorno a protagonisti molto più giovani, da cui li dividono ormai gusti, abitudini e mentalità.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Evelina, la protagonista di Balene, incarna alla perfezione il modello di una sessantenne di oggi, che pur essendo già nonna di una deliziosa e adorata nipotina conduce una vita ancora molto attiva: lavora in una casa editrice, ha allestito un AirB&B in casa per arrotondare, si concede qualche viaggio e condivide pregi e difetti dell’età con l’amica Milla. Le cose vanno un po’ meno bene dal punto di vista sentimentale, perché dopo il divorzio dal padre del suo unico figlio Evelina è rimasta legata per molti anni a Sergio, ora settantenne, che considera il grande amore della sua vita ma che si è ben guardato dal lasciare la moglie per lei, relegandola da sempre allo scomodo ruolo di amante clandestina, nonostante la riprovazione di Milla che da tempo le suggerisce di troncare quel rapporto senza prospettive.

Arriva però il giorno in cui, a sorpresa, è Sergio a dichiarare di voler chiudere per sempre la loro relazione: ormai settantenne, e mentre sta per diventare a sua volta nonno, ritiene di dover rientrare definitivamente nei ranghi della vita coniugale. Come regalo d’addio, offre a Evelina la realizzazione di un viaggio che lei ha sempre sognato di compiere, ma che inspiegabilmente non ha mai fatto: recarsi alle Azzorre per assistere al passaggio delle balene, animali che l’hanno sempre affascinata fin dall’infanzia.

“Balene”, non è mai troppo tardi per realizzare un desiderio

Addolorata e offesa, Evelina rifiuta l’idea di compiere il viaggio da sola, ma poi ci ripensa e decide comunque di partire: la breve vacanza sarà una fonte inesauribile di incontri e di sorprese.

In che modo si racconta una storia sentimentale con protagonisti ultrasessantenni? Con realismo e ironia, come fanno Barbara Cappi e Grazia Giardiello, che tratteggiano una Evelina molto credibile, ancora persa dietro il sogno di un amore romantico, ma al tempo stesso alle prese con gli inconvenienti tipici della sua età, dai vari acciacchi fisici ai brutti scherzi giocati dalla memoria, compreso il timore crescente per il rischio di contrarre malattie serie, il rimpianto per tutte le persone care che non ci sono più, magari persino la difficoltà di imparare ad adeguarsi ai continui mutamenti tecnologici per restare al passo col mondo in cui si muovono con disinvoltura figli e nipoti.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Balene è una lettura senza dubbio leggera, nello spirito della collana “Terzo tempo”, in cui potranno riconoscersi le coetanee della protagonista stanche di storie d’amore costruite attorno a personaggi più giovani, ma che potrebbe anche far scoprire i lati meno appariscenti delle sessantenni contemporanee alle loro figlie e nipoti.


Per la prima foto, copyright: Antevasin Nguyen su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.