Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Avvolto nel filo spinato per protesta

Petr Pavlensky con la bocca cucitaCi sono molte forme di protesta. Lo studente d’arte, nonché artista, Petr Pavlensky non è nuovo a eclatanti dimostrazioni; nel luglio dell’anno scorso si cucì letteralmente la bocca per esprimersi contro la condanna delle Pussy Riot a sette anni di prigione per avere suonato e cantato una canzone di protesta all’interno di una chiesa.

 

Di recente Pavlensky si è invece avvolto, nudo, e in pubblico, nel filo spinato. Come si può immaginare, l’azione dimostrativa ha attirato l’attenzione e costretto i poliziotti intervenuti a tentare di liberare il giovane uomo dalla matassa di filo spinato che lo “conteneva”.

 

Stando allo stesso Pavlensky, la sua performance, se così si può definire, rappresenta lo stato, ormai naturale, dell’uomo all’interno di un sistema repressivo e attento a ogni movimento dei suoi cittadini. Un po’ come si fa con molti animali, che vengono rinchiusi, recintati, circoscritti, per essere meglio controllati e gestiti. Questo modo di fare riduce a bestiame, costretto solo a lavorare, consumare, moltiplicarsi.

 

È palese il fatto che viviamo in un momento storico di grandi sommovimenti sociali e pressione da parte di movimenti spesso sorti più o meno spontaneamente, dai citizens: un esempio su tutti, l’Occupy Movement, ormai transazionale e internazionale.

 

Viene da pensare che esista un momento, il superamento di un certo limite, anche se non ben tracciato, in cui la protesta e l’arte si confondono, si alimentano a vicenda, sfumano l’una nell’altra; in quel caso quanto si può parlare di fatto sociale e quanto di fatto artistico?

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.