Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Autopsia di una famiglia. “Carissimi” di Letizia Muratori

Autopsia di una famiglia. “Carissimi” di Letizia MuratoriCon Carissimi, edito La Nave di Teseo nella collana Oceani, Letizia Muratori mette in tavola una storia che attraversa Paesi diversi, famiglie diverse, sentimenti diversi.

Nurit Camerini è una ragazza israeliana di diciotto anni che, per concretizzare in un documentario la passione per il cinema, punta l’obiettivo su qualcosa di molto personale: la sua vita, o meglio, le sue vere origini. Da quando era una bambina, Nurit è a conoscenza di essere stata concepita a seguito di un’inseminazione artificiale, a causa della sterilità del padre. L’anomalia sta nel fatto che quello che avrebbe dovuto essere un donatore anonimo, estraneo alla famiglia Camerini e dunque senza volto e senza nome, è invece sin da subito un uomo con fattezze e identità tangibili, che conobbe gli allora futuri genitori e scelse di aiutarli. Si tratta di Giorgio Amati, che all’epoca dei fatti si trovava in Israele e da poco scomparso in apertura del romanzo. Proprio su di lui Nurit vuole realizzare il suo documentario.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Nurit e Giorgio, nel corso del pezzo di vita che hanno vissuto assieme, seppure lontani geograficamente, non hanno condiviso solo lo stesso DNA, ma anche una storia privata: quella della loro corrispondenza, che ha permesso a entrambi di far conoscere se stessi, le proprie origini, e allo stesso tempo di celare qualcos’altro, di tenerlo fuori da quello scambio. Il Carissimi, che risuona a più riprese nel romanzo e che con prepotenza viene scelto come titolo, e che è una formula ben nota al lettore, usata per aprire le lettere destinate ai propri cari, appunto, assume connotazioni ambigue nel romanzo di Letizia Muratori. Diventa un’arma da tener pronta in caso di necessità, un vezzeggiativo per ingraziarsi i propri familiari, quasi mai uno slancio di affetto.

Nella ricostruzione della storia di Giorgio Amati, Nurit entra in contatto con molte persone: i suoi fratelli, i figli, il nipote, la prima moglie, la seconda moglie. Li conosce attraverso le lettere che spedisce loro: è così che il lettore entra nella famiglia Amati. Il romanzo è caratterizzato da tutte quelle lettere, che ne costituiscono il corpus principale, intervallate sporadicamente da momenti di narrazione classica, in terza persona.

Autopsia di una famiglia. “Carissimi” di Letizia Muratori

Nel confronto tra questa ragazza talvolta indecifrabile e i familiari “acquisiti” sta tutta l’essenza di Carissimi. La caratterizzazione di ciascun personaggio, se all’inizio quasi fumosa, va definendosi man mano che le lettere spedite e ricevute aumentano. Se di Nurit è difficile a tratti capire dove finisca l’impulso egoistico di autoaffermazione e inizi la vera curiosità di ricostruire una storia di cui, volente o nolente, fa parte, degli altri i connotati sono così chiari che sembra che ciascuno di loro, in fondo, avrebbe potuto essere il vero protagonista del libro. Ognuno è guidato da sentimenti innanzitutto scontrosi, nei confronti di chi ha voluto risvegliare un dolore, un non detto; ma subentra poi una curiosità da assecondare e che riguarda tutti i segreti che Giorgio Amati ha tessuto nella vita e di cui il lettore, prima degli altri, vuole essere messo al corrente.

Autopsia di una famiglia. “Carissimi” di Letizia Muratori

Tra l’Italia e Israele, il documentario è l’excursus narrativo per raccontare di un uomo non perfetto, che da un lato aiutò una coppia di sposi che desiderava moltissimo un figlio e che non era disposta a venirsi incontro, ma dall’altro intervenne laddove nessuno dovrebbe intervenire, nell’intimità di un nucleo familiare che, pur nella complessità dell’amore, si amava.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Si narra che il battito delle ali di una farfalla in Cina possa influire sul percorso di un uragano nell'Atlantico. Probabilmente fu ciò che fece Giorgio Amati, con le sue scelte, condizionando inesorabilmente l’esistenza di due famiglie. Il racconto di Letizia Muratori con Carissimi è un meraviglioso esempio di come ogni famiglia conservi i suoi segreti e di come svelarli non sia necessariamente la scelta migliore.


Per la prima foto, copyright: Laura Fuhrman su Unsplash.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.