Interviste a scrittori

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Auti-Sim: “vivere” l’autismo

Auti-SimLe simulazioni dominano il mondo. Per fini più o meno nobili, o con maggiore o minore utilità.

 

Auti-Sim è un gioco che si ripromette di simulare l’esperienza sensoriale di chi soffre di autismo, e quindi cercare, nei limiti del possibile, di far comprendere come questa sindrome possa condurre all’isolamento.

 

La scena mostrata nel versione demo del “gioco”, vede il piccolo protagonista in un parco giochi in cui si muovono vari altri bambini allegri e vocianti. Non appena il bambino si avvicina agli altri, la vista si fa sfocata e i suoni diventano distorti, rochi, echeggianti. Non appena si allontana, tutto ritorna progressivamente alla normalità.

 

Il “sovraccarico sensoriale” così simulato diventa l’esperienza centrale di Auti-Sim che, secondo quanto dichiara uno degli sviluppatori, Taylan Kay, è stato ispirato da un documentario che simulava l’esperienza di permanenza di una persona autistica in un supermercato affollato.

 

Auti-Sim, com’era prevedibile, è andato incontro a numerose critiche, oltre che ad apprezzamenti da parte di estimatori degli indie games. Certo è che un’esperienza di questo genere non è facile da simulare attraverso quella che è e al momento rimane una “rappresentazione”, un simulacro, in questo caso per di più realizzato con tempi risicati; infatti è stato messo a punto nel corso della Vancouver Hacking Health hackaton svoltasi tra il 22 e il 24 di febbraio.

 

In ogni caso, un tentativo di porre, e far porre, l’attenzione su un problema difficile da definire, sia dal punto di vista medico, che da quello sociale.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.