Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Curiosità grammaticali

Interviste a scrittori

Arnaut Daniel, le terzine provenzali nel “Purgatorio” di Dante

Arnaut Daniel, le terzine provenzali nel “Purgatorio” di DanteParlando del linguaggio della Commedia, è noto il “mistilinguismo” utilizzato da Dante, la variazione cioè di registri che caratterizza le tre cantiche, dal gergo popolare al lessico aulico, dai termini volgari dell’Inferno al latino di Purgatorio e Paradiso. Ma nel Purgatorio, per l’esattezza al canto XXVI, sono presenti ben otto versi interamente in lingua straniera, un vero unicum nel poema.

Non solo Dante dimostra abilità di poetare in lingua d’oc, ma evidenzia anche un personaggio che gli sta a cuore, e le cui parole sono cariche di particolare significato.

 

Desideri migliorare il tuo inedito? Scegli il nostro servizio di Editing

 

Siamo sulla settima cornice purgatoriale, dove son puniti i lussuriosi che scontano la loro pena tra le fiamme. Dante sta terminando il dialogo con Guido Guinizzelli, l’iniziatore dello Stil Novo, e questo maestro, a un certo punto, indica un’altra anima che spunta dal fuoco:

«O frate», disse, «questi ch’io ti cerno

col dito», e additò un spirto innanzi,

«fu il miglior fabbro del parlar materno.

Versi d’amore e prose di romanzi

soverchiò tutti; e lascia dir li stolti

che quel di Lemosì credon ch’avanzi.

                                                      (Pg. XXVI, 115-120)

Arnaut Daniel, le terzine provenzali nel “Purgatorio” di Dante

Guido sta indicando Arnaut Daniel, un secondo maestro che per Dante ha lo stesso valore del primo, e che non a caso è definito “il miglior fabbro” della sua lingua natale; ciò significa che fu il miglior poeta della sua lingua volgare, in opposizione al latino, e più grande anche di Guinizzelli nel saper comporre versi strutturandoli nella sua parlata. La lirica provenzale di Arnaut ebbe la sua espressione tra 1180 e 1210, ed egli fu probabilmente il più grande esponente del “trobar clus”, ossia di una poesia difficile, impegnata in tecniche tanto raffinate e complesse da sfiorare i limiti dell’impossibile.

 

LEGGI ANCHE – “E canterò di quel secondo regno”. Il canto I del Purgatorio

 

Dante ammira molto il poeta provenzale, tanto da lodarlo nel De Vulgari Eloquentia e prenderlo come modello nelle Rime Petrose, cimentandosi nella sestina, la prova formale più ardua. Il Poeta si sente in debito verso Arnaut, e lo celebra nella sua opera utilizzando la lingua materna del trovatore, attraverso la quale traspare la voce dello stesso Dante. Le terzine provenzali chiudono il canto XXVI, ai versi 140-147,e sono la risposta a Dante, che aveva domandato al peccatore il suo nome:

«Tan m’abellis vostre cortes deman,

qu’ieu no me puesc ni voill a vos cobrire.

Ieu sui Arnaut, que plor e vau cantan;

consiros vei la passada folor,

e vei jausen lo joi qu’esper, denan.

Ara vos prec, per aquella valor

que vos guida al som de l’escalina,

sovenha vos a temps de ma dolor!»

 

«Tanto mi è gradita la vostra cortese domanda,

ch’io non mi posso né voglio nascondere a voi.

Io sono Arnaut, che piango e vo cantando,

guardo pensoso la passata follia,

e guardo gioioso, davanti a me, la felicità che spero.

Ora vi prego, in nome di quella virtù

che vi guida al sommo della scala,

vi sovvenga a tempo debito del mio dolore!»

Arnaut Daniel, le terzine provenzali nel “Purgatorio” di Dante

Le parole sono dolci, il brano è musicale, profondo. Ci sono i termini tipici della poesia provenzale, “cantare”, “gioire”, “valore”, ma qui con accezione diversa rispetto all’uso che ne faceva in vita il trovatore; qui sono calati nella realtà del luogo in cui egli si trova, e allora la “joi” che egli spera diventa la “felicità celeste”, il “som de l’escalina” la vetta del purgatorio, il “temps” si riferisce al momento in cui Dante sarà dinanzi a Dio. La “folor” del brano richiama il “fol amor” provenzale, cioè l’espressione che in quella lirica indicava la follia amorosa, la passione; ma il passaggio da questo piano tutto terreno a uno spirituale è ben evidenziato dall’aggettivo “passada”, indicando che ora al posto della sregolata passione c’è la certezza della gioia divina.

 

LEGGI ANCHE – “Vita Nuova” di Dante Alighieri, un ingegno che vede come sognando

 

Arnaut qui pare quasi ritrattare il suo stile complesso, pronunciando un discorso piano e chiaro, delicato e quasi rivestito di pudore, domandando umilmente ai due poeti che si ricordino della sua sofferenza. Sembra davvero che nelle parole di Arnaut riecheggi la voce di Dante, e che il lirico provenzale sia uno di quegli spiriti del poema destinati a essere portatore di quei dolori, esperienze, speranze che appartengono a Dante stesso.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

Infine, va osservato come passaggi di questo discorso rimandino a testi reali di Arnaut e di altri trovatori. “Ieu sui Arnaut” è l’incipit di un congedo di Daniel; “Tan m’abellis” è un incipit scritto da Folchetto di Marsiglia; “jausen lo joi” richiama il “jauzirai joi” di una sestina di Arnaut. Vi è poi un intero verso di Guillelm de Berguedà che recita “consiros cant e planc e plor”, che riconsegna il “consiros” e il “plor e vau cantan” delle terzine dantesche.

Gli otto versi di Dante paiono riassumere così la maggior produzione della poesia provenzale.


Riferimenti bibliografici

Alighieri D., Commedia, con il commento di A.M. Chiavacci Leonardi, 3 voll., Purgatorio, Bologna, Zanichelli, 2001.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.