Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Antonello da Messina, la sua vita nel romanzo di Silvana La Spina

Antonello da Messina, la sua vita nel romanzo di Silvana La SpinaL’uomo che veniva da Messina, edito da Giunti, è un romanzo storico in cui Silvana La Spina racconta la vita di Antonello da Messina, riempiendo con la sua fantasia i molti vuoti della biografia del grande pittore. Una bellissima storia d’amore e morte è racchiusa nella cornice di un’arte sublime nata nel periodo del fermento creativo che spalanca le porte del Rinascimento.

L’Io Narrante è lo stesso pittore che si confessa in punto di morte al suo primo maestro Colantonio e racconta tutta la sua appassionata e turbolenta vita, la sete di conoscenza inestinguibile, i continui viaggi, gli artisti incontrati, descritti nei loro tratti più intimi e quotidiani (van Eyck, Mantegna, Piero della Francesca, Bellini, Petrus Christus, Pisanello, van der Weyden) e i personaggi illustri che lo hanno considerato amico o nemico, re cortigiani e nobildonne nel contesto delle loro corti, mercanti, popolani, puttane e malfattori nelle vie delle città dell’epoca.

Al di sopra di tutto, la ricerca insoddisfatta dell’arte pura, il sogno di dipingere l’opera innovativa e perfetta, l’ossessione di raggiungere l’immortalità, unico scopo della vita.

Le pagine scorrono veloci, come le vicende vorticose della storia del Quattrocento: insieme al pittore si cammina nella polvere delle strade d’Europa e d’Italia (Palermo, Napoli, Roma, Mantova, Arezzo, Bruges): nell’umido delle calli di Venezia, Antonello troverà stimoli nuovi alla propria arte, amore, gloria, ma anche la sua tragedia.

La figura del protagonista si delinea nella sua calda umanità, nelle luci e nelle ombre, nelle altezze e nelle miserie: i dipinti sono raccontati dall’autrice come chi davanti all’opera pittorica guarda con gli occhi, sente col cuore e ascolta la sua voce interiore.

Antonello da Messina, la sua vita nel romanzo di Silvana La Spina

Occhi scuri e ammalianti, sguardo che non nasconde lo stupore, il turbamento; viso perfetto, pallido, illuminato da un sorriso enigmatico, appena accennato: la figura si staglia solitaria su uno sfondo scuro, la luce radente si concentra su un velo pesante, dal colore dei lapislazzuli, che cade a larghe pieghe oblique. La mano sinistra chiude la stoffa sul petto in un gesto di protezione e di pudore: la destra è alzata come a fermare qualcosa o qualcuno che l’ha sorpresa mentre leggeva un libro, forse la Bibbia, rimasto con le pagine aperte a mezz’aria a indicare l’imprevedibilità del momento.

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Una tavola di legno di piccole dimensioni, dipinta a olio, ritrae una donna bellissima, con fattezze che ricordano le donne siciliane: ma la modella dell’Annunciata di Palermo, secondo la scrittrice, è la donna amata disperatamente, Griet, la figlia del pittore van Eyck morta poco prima che il pittore finisse il suo quadro. Proprio lei aveva rivelato ad Antonello il segreto della formula per la pittura a olio, donandogli i preziosi appunti del padre e aprendogli le porte della gloria.

Antonello da Messina, la sua vita nel romanzo di Silvana La Spina

Il libro si apre col Trionfo della Morte di Palermo, l’affresco allegorico attribuito al borgognone Guillaume Spicre (1446 ca) staccato da palazzo Sclafani e conservato oggi a Palazzo Abatellis. Antonello lo vide da ragazzo e, come in un innamoramento folgorante, lo indusse a intraprendere la strada della pittura e a inseguire per tutta la vita il sogno di dipingere con i colori a olio. E il libro si chiude con il trionfo della morte, quella reale: muore Griet, avvelenata dal marito geloso, e Antonello vagherà come impazzito con la sua bara finché cadrà ammalato e morirà anch’egli, nel 1479, nella sua Messina, così amata e odiata.

Antonello da Messina, la sua vita nel romanzo di Silvana La Spina

Dove finisce la biografia e dove comincia l’invenzione di Silvana La Spina? Leggendo questo libro non ha importanza: L’uomo venuto da Messina è un romanzo davvero affascinante, che coinvolge in ogni sua pagina.

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.7 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.