Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Antoine de Saint-Exupéry e il deserto umano

Antoine de Saint-ExupéryAntoine de Saint-Exupéry ha conosciuto e osservato deserti fisici e «deserti umani» – così come scrive in questa Lettera al generale x. Redatta nel 1944 prima della sua nebulosa morte, la lettera è un rassegnato tentativo di spiegare i propri sentimenti nei confronti di un mondo che non sa più come stupire o dare calore (o «colore» e spiritualità, nelle sue parole).

La lettera si apre parlando dell’ultimo volo dello scrittore e della sua totale indifferenza riguardo l’esperienza: da molto tempo, confessa, non riesce a trovare piacere in quello che in fondo è solo uno strumento per viaggiare, e per combattere una guerra. Sentirsi lontani e alienati da qualsiasi aspetto della vita, è questo che l’ha portato a sentirsi così superficialmente malinconico e profondamente turbato.

«Tutto questo per spiegarvi che questa esistenza gregaria al cuore di una base americana, questi pasti sbrigati in piedi in dieci minuti, questo va e vieni nel monoposto di 2600 cavalli in un casamento astratto in cui siamo stipati a tre per stanza, questo terribile deserto umano, in una parola, non ha nulla che mi accarezzi il cuore. […] Sono “malato” da tempo indefinito. Ma non mi riconosco il diritto di non subire questa malattia. Ecco tutto. Oggi io sono profondamente triste. Sono triste per la mia generazione priva di qualsivoglia sostanza umana. Chi non ha conosciuto altro che barometri, matematica e le Bugatti come unica via spirituale, si ritrova oggi ad affogare in un’azione strettamente gregaria che non ha più alcun colore. […] Ah, generale! C’è solo un problema, uno solo in tutto il mondo. Ridare agli uomini un significato spirituale, delle inquietudini spirituali, far piovere su di loro qualcosa che ricordi un canto gregoriano. Non si può vivere di cose fredde, politica, bilanci e parole crociate, insomma! Non si può più vivere senza poesia, colore o amore. […] Non ci resta che la voce di un automa della propaganda (perdonatemi). Due miliardi di uomini non ascoltano altro che questo automa, non comprendono altro che le parole dell’automa, si fanno automi».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete la nostra Webzine

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

Qualsiasi aspetto della nostra vita, afferma Saint-Exupéry, è coperto da una coltre di questioni del tutto insignificanti, vuote, completamente prive di sostanza. Per questo, «odio la mia epoca con tutte le mie forze. L’uomo ci è morto di sete».

L’immagine più concreta che metaforica dell’aridità e della desolazione viene reiterata verso la chiusura: «In questa epoca di rottura, tutto si rompe con la stessa facilità delle cose. I frigoriferi sono intercambiabili. E le case anche, se queste sono dei prefabbricati. E le donne. E la religione. E il partito. Non si può nemmeno essere infedeli: infedeli verso cosa? Lontani da cosa e infedeli verso cosa? Deserto dell’uomo», scrive Antoine de Saint-Exupéry. E nulla resta da controbattere, se si ha la gola secca.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.