Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Anne Sexton, tradizione poetica confessionale e talento individuale

Anne Sexton, tradizione poetica confessionale e talento individualeAnne Sexton è stata annoverata tra i pionieri della poesia confessionale che emerse in America negli anni Cinquanta. La poesia confessionale non è stata una novità, ha le sue radici nella tradizione inglese della poesia romantica e metafisica. Molte caratteristiche proprie del movimento confessionale sono infatti rintracciabili in poeti come Wordsworth, Byron, Donne. Nel saggio Tradition and the Individual Talent, T.S. Eliot pone l’accento sulla compresenza, in ogni autore, della tradizione che lo precede e del suo individuale e personale talento: ogni artista ha i suoi temi e tecniche personali che lo accomunano e lo distinguono, allo stesso tempo, dai suoi predecessori.

«No poet, no artist of any art, has his complete meaning alone. His significance, his appreciation is the appreciation of his relation to the dead poets and artists.»

(T.S. Eliot)

«Nessun poeta, nessun artista, nessuna arte ha un significato completo da sola. Il suo significato, il suo apprezzamento, è l’apprezzamento delle sue relazioni con i poeti e gli artisti morti.»

(Traduzione di Elena Ramella)

 

Vuoi conoscere potenzialità e debolezze del tuo romanzo? Ecco la nostra Valutazione d’Inedito

 

Tradition and the Individual Talent rintraccia l’esistenza di un movimento confessionale attraverso tutta la storia della letteratura. Sono presenti degli aspetti comuni a tutta la tradizione della poesia confessionale: l’importanza data al materiale autobiografico, il rimodellamento dei ricordi e la creazione di nuovi eventi a partire da eventi passati, la ricerca di un effetto terapeutico nella pratica della scrittura, il tentativo di rendere impersonali le emozioni più personali.

Anne Sexton, tradizione poetica confessionale e talento individuale

La poesia di Anne Sexton fa da eco alla poesia della scuola metafisica del Seicento. Andrew Marvell e John Donne ne sono un esempio. Anche nelle loro poesie si può osservare l’utilizzo di esperienze personali e di elementi autobiografici e la concezione di poesia come terapia e come ricerca di un nuovo Sé. In To His Coy Mistress di Marvell la pazzia e l’angoscia del poeta scompaiono quando finisce di scrivere la poesia. In Batter My Heart Three Person’d Name di Donne, i peccati del poeta vengono assolti da Dio grazie alle parole della poesia.

Esempi di poesia confessionale, come abbiamo detto, si possono trovare anche nella tradizione romantica. La poesia di Byron e di Wordsworth è articolata intorno alla rappresentazione del poeta come peccatore che implora l’assoluzione. Inoltre, la teoria di Wordsworth che vede la creazione poetica come «the spontaneous overflow of powerful feelings» prova che la poesia romantica in generale ha una sfera privata e personale.

Andando più avanti nel tempo, anche la scuola moderna di Eliot, Whitman, Yeats, non è totalmente distaccata da alcuni aspetti della poesia confessionale, nonostante sia ancorata alla teoria dell’impersonalità di Eliot: anche Whitman e Yeats spesso inseriscono nelle loro poesie elementi autobiografici che rivelano le loro esperienze private del passato.

Pubblicate negli anni Sessantain America, le poesie diSexton ebbero un forte impatto sui lettori e sui critici. Le sue poesie infatti non sono la semplice espressione di sentimenti ed emozioni personali, ma prendono le mosse da problemi sociali di attualità. I pensieri diSexton sono rappresentativi dell’intera società in cui vive, le sue patologie sono le patologie degli anni in cui scrive.

«Only a maladjusted, psychotic personality can faithfull yinterpret the maladjusted, psychotic personality of the age in which we live.»

(After the TranquilizedFifties, Cox and Jones)

«Solo una personalità psicotica disadattata può interpretare fedelmente la personalità psicotica disadattata dell’epoca in cui viviamo.»

(Traduzione di Elena Ramella)

Anne Sexton, tradizione poetica confessionale e talento individuale

Le poesie di Anne Sexton sono costellate da temi forti e fino a quel momento rimasti tabù: sessualità, femminilità, sesso, incesto, mancanza di fede. Questi temi innovativi affiancano i caratteri più tradizionali della poesia confessionale: la malattia mentale, la pazzia, il senso di colpa. I titoli sono molto forti: The Ballad of the Lonely Masturbator, Menstruationat Forty, The Breast. Sexton dimostra che si può fare poesia su qualsiasi soggetto, senza vergogna. Moltidei componimenti di Love Poems, ad esempio, sono l’affermazione del corpo e della sessualità femminili.

For My Lover, Returning to His Wife

She is so naked and singular.

She is the sum of yourself and your dream.

Climb her like a monument, step after step.

She is solid.

As for me, I am a water color.

I wash off.

 

Al mio amante che torna da sua moglie

Lei è così nuda, è unica.

È la somma di te e dei tuoi sogni.

Montala come un monumento, gradino per gradino.

Lei è solida.

Quanto a me, io sono un acquerello.

Mi dissolvo.

 

(Traduzione di Rosaria Lo Russo)

 

LEGGI ANCHE – Anne Sexton, la potenza della parola. “Dio nella macchina da scrivere” di Irene Di Caccamo

 

The Ballad of the Lonely Masturbator

Finger to finger, now she’s mine.

She’s not too far. She’s my encounter.

I beat her like a bell. I recline

In the bower where you used to moun ther.

You borrowed me on the flowered spread.

At night, alone, I marry the bed.

 

Ballata della masturbatrice solitaria

Un dito dopo l’altro, la faccio mia.

È a portata di mano. Me la trovo davanti.

La suono come una campana. Mi stendo

nel canto dov’eri solito montarla.

Mi prendevi in prestito sulla coperta a fiori.

La notte, da sola, sposo il mio letto.

(Traduzione di Chiara Serani)

 

Nel suo trattare temi e soggetti individuali, Sexton cerca di colmare il vuoto che la separa dal resto dell’umanità, enfatizzando il ruolo della donna nell’esistenza umana: quando utilizza il simbolo dell’utero, Sexton raccoglie tutta l’umanità in un luogo solo, il luogo del concepimento. Quando utilizza il simbolo del seno, la poetessa vuole rappresentare la prima fonte di nutrimento di tutti gli esseri umani. 

Anne Sexton, tradizione poetica confessionale e talento individuale

Anne Sextonriesce a comunicare con i suoi lettori, in quanto descrive sentimenti ed emozioni che tutti almeno una volta nella vita abbiamo provato. Enfatizza gli eventi dolorosi e le sensazioni negative, e quando in un’intervista le viene chiesto perché non scrive di momenti felici, lei risponde «il dolore incide ricordi più profondi.» Nelle sue poesie sono ricorrenti i ricordi delle crudeltà e delle ingiustizie subite in famiglia, durante l’infanzia.

 

The double image

I, who was never quite sure

about being a girl, needed another

life, another image to remind me.

And this was my worst guilt; you could not cure

or soothe it. I made you to find me.

 

La doppia immagine

Io, che non sono mai stata davvero sicura

riguardo all’essere una donna, ho avuto bisogno di un’altra

vita, un’altra immagine per ricordar-mi [per ricordare me stessa].

E questa è stata la mia colpa peggiore; tu non potevi curarla

o lenirla. Io ti ho fatta per trovarmi.

 

(Traduzione di Alessandra Trevisan)

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

In conclusione possiamo dire che la poesia di Anne Sexton è un buon esempio che supporta la teoria di Eliott della tradizione e del talento individuale. La poesia confessionale di Sexton include tradizionali temi che la collegano alla tradizione confessionale e, allo stesso tempo, l’analisi di temi espliciti, nuovi, legati all’attualità, l’uso di forme poetiche non convenzionali, provano il suo talento poetico originale e la capacità di rendere universale il personale.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.