In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

“Anna” di Niccolò Ammaniti, la vita nonostante tutto

“Anna” di Niccolò Ammaniti, la vita nonostante tuttoDopo cinque anni di attesa, Einaudi ha pubblicato Anna, il nuovo romanzo di Niccolò Ammaniti, suscitando il giudizio contrastato di critici e lettori, soprattutto dei molti “fedelissimi” su cui l’autore può contare.

La storia si svolge nel 2020 in una Sicilia irriconoscibile, fra campi bruciati e boschi misteriosi, tra rovine di centri commerciali sventrati e città deserte come Castellammare del Golfo e Messina, tra il centro storico di Palermo e il lungomare di Cefalù. In questo scenario apocalittico, causato dal virus "la Rossa" che ha ucciso tutti gli adulti e salvato solo i bambini, Ammaniti sviluppa la storia della protagonista del libro: Anna. Una ragazzina di tredici anni cocciuta e dura come la situazione in cui si ritrova. Il mondo in cui Anna vive insieme col fratellino Astor è un mondo fatto di silenzio, fame, orrore, ma anche sopraffazione e lotta per la sopravvivenza. Anna combatte con coraggio e determinazione per trovare il cibo, per salvarsi dall'attacco degli animali e degli altri bambini affamati, senza avere più una guida che la sostenga e la protegga. Con sé ha solo il quaderno delle istruzioni della mamma che non è più adeguato al mondo disumano in cui vive. Ma Anna non ha tempo per le lacrime, neppure per la madre morta, ne conserva il ricordo ma deve combattere per il futuro suo e del fratello cui insegna a leggere perché, se lei morirà, Astor potrà provvedere a se stesso.

È una Sicilia estrema quella che Ammaniti presenta al lettore. Non ci sono le distese dei fichi d'India maturi e il profumo degli aranceti ma «erbaccia e grano che crescevano intorno alle carcasse coperte da uno strato di cenere». Tutto è sommerso dal tanfo nauseante di migliaia di corpi in putrefazione. Muoiono tutti "i grandi" perché «Dio aveva dato agli uomini un bel gioco e loro l'hanno rotto».

[I servizi di Sul Romanzo Agenzia Letteraria: Editoriali, Web ed Eventi.

Leggete le nostre pubblicazioni

Seguiteci su Facebook, Twitter, Google+, Pinterest e YouTube]

“Anna” di Niccolò Ammaniti, la vita nonostante tuttoL'Apocalisse è uno dei temi dominanti di questo romanzo, che sembra mettere in evidenza la stupidità e l'arroganza degli adulti in contrasto con l’innocenza, la tenerezza e l'amore dell'infanzia. Anna vive esperienze terrificanti, tra cadaveri e macerie, subisce il rapimento del fratellino a opera dei bambini blu e la morte del suo primo amore Pietro, «l'amore sai cos'è solo quando te lo levano, l'amore è mancanza», ma sa trovare sempre il coraggio per proseguire, per «credere in qualcosa, per avere un obiettivo per cui lottare».

Anche i personaggi minori della storia, dai genitori di Anna, così diversi eppure complementari, dai gemelli Michelini ad Angelica, a Rosario, da Pietro al cane Coccolone, tutti mostrano lo stesso slancio incontrollabile verso la vita, vogliono sopravvivere, perché anche «se la vita non ci appartiene, ma ci attraversa», i personaggi di questo romanzo vogliono conservarla come «lo scarafaggio che zoppica su due gambe anche quando è calpestato».

Questa forte caratterizzazione dei personaggi e la conoscenza attenta della psicologia dei bambini, da sempre punto forte della narrativa di Ammaniti, attenua almeno parzialmente il grigiore catastrofico e la morbosità delle scene con cadaveri, senz'altro il tallone di Achille delle storia, che certamente ha presto spunto da romanzi possenti come La strada di Cormac McCarthy e Il Signore delle mosche di William Golding. Quando finalmente, dopo un tragico pellegrinare, Anna, che ha perso l'amore di Pietro insieme con la sua vita, giunge sullo stretto che unisce la Sicilia alla Calabria, insieme ad Astor e a Coccolone tutti ci chiediamo: ce la faranno? Se lo chiede anche il fratello di Anna «e se non funziona?». «Non importa» risponde Anna, facendosi interprete della filosofia di Niccolò Ammaniti «non importa quanto si vive, ma come si vive!» (Seneca docet).

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.3 (3 voti)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.