Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Anguria connection

Anguria connectionQual è il prezzo giusto per un’anguria? Sessanta, quaranta, venti centesimi al chilogrammo? Comprarla a chilo o a pezzo, tipo a due euro a frutto? L’anguria ha un costo relativamente basso determinato da due fattori: cresce facilmente, perché necessita di sola acqua, e viene raccolta con sistemi di sfruttamento e abbattimento del salario da regime neoschiavistico.

Le angurie vengono raccolte a tir, non più a cassoni. Squadre di braccianti sollevano le angurie e le trasportano, a una a una, sulla schiena fino ai camion posti normalmente ai margini dei campi. Questo trasporto a mano non viene pagato ad anguria, ma a tir riempito.

 

Vuoi collaborare con noi? Clicca per sapere come fare

 

A seconda del peso del tir, la squadra di braccianti percepisce un compenso, un salario, che si aggira intorno agli 8 centesimi al chilogrammo. In questo modo, un bracciante per raggiungere una paga di circa 25 euro deve raccogliere 3 quintali di angurie. Se una squadra è composta da una decina di braccianti, il tir, che può arrivare a trasportare alcune tonnellate di frutta, è pieno. Questo carico di lavoro non viene distribuito quasi mai dentro una tabella oraria, ma in una giornata. Prima si riempie il tir, prima si esce dal campo. E quando i tir da riempire sono più d’uno, il rischio che si resti sui campi anche dodici ore è altissimo.

Nessuno, davvero nessun supermercato o venditore ambulante può certificare il lavoro che c’è dietro la raccolta delle angurie, perché l’Italia non certifica il lavoro agricolo, ma si limita a garantire, non sempre, la qualità del prodotto.

 

LEGGI ANCHE – I nuovi schiavi. Reportage tra i lavoratori agricoli

Anguria connection

Allora perché i prezzi delle angurie variano così tanto da punto vendita a punto vendita? Perché la grande distribuzione inserisce alcuni anelli alla catena della commercializzazione. Gli anelli che fanno lievitare il costo delle angurie si chiamano grossisti. Sono i grandi compratori al servizio del mercato e dell’industria alimentare. Sono quelli che determinano il prezzo al chilo al produttore (che quasi mai raggiunge i venti centesimi) e, di conseguenza, il costo del lavoro. Più grande è la domanda da parte dei grossisti, più saranno bassi il prezzo del prodotto e il salario dei braccianti. Siamo di fronte alla negazione delle leggi di mercato, dettata da un fattore che intossica l’agricoltura italiana da oltre un ventennio: l’oligopolio dei grossisti. Un manipolo di grandi compratori, spesso riuniti in cartelli, detta legge sul mercato.

Vale per le angurie come per il pomodoro, ma anche per gli asparagi, per le fragole, eccetera.

L’effetto è quello di una dipendenza netta della produzione da queste figure di mezzo che mettono in relazione domanda e offerta, grande distribuzione organizzata e produzione. E più lunga è la catena, più si abbatterà il costo del lavoro dei braccianti e la rendita dei produttori. Gli effetti sulla terra sono due: 1) coltivazioni intensive a monocoltura, quindi cancellazione della biodiversità territoriale; 2) abbandono graduale della terra e conseguente ricostituzione del latifondo.

 

GRATIS il nostro manuale di scrittura creativa? Clicca qui!

 

Al Sud, nel territorio di Nardò e in quello di Agrigento, patrie dell’anguria, questi due effetti stanno deprimendo l’agricoltura e impoverendo la terra, sottomettendo la produzione a investimenti sempre più in odore di mafie.

Stiamo dunque attenti quando mangiamo un’anguria, perché nessuno può garantirci, nemmeno il prezzo, cosa c’è dietro questo frutto così dolce e succoso.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.